La Coupe de France, l’addio di Mbappé, il mercato da preparare… Come evitare una fine amara della stagione

La Coupe de France, l’addio di Mbappé, il mercato da preparare… Come evitare una fine amara della stagione
La Coupe de France, l’addio di Mbappé, il mercato da preparare… Come evitare una fine amara della stagione
-

Dopo l’eliminazione contro il Dortmund in semifinale di Champions League, il PSG ha ancora quattro partite da giocare prima della fine della stagione. Con un trofeo da vincere e le basi da gettare per il suo futuro. Senza dimenticare l’addio a Kylian Mbappé, che si prepara a lasciare il club della capitale.

Non ci sarà alcuna quadrupla storica. Il grande sogno del PSG è stato infranto martedì dalla difesa del Dortmund e dai montanti del Parco dei Principi nella semifinale di ritorno di Champions League. Battuti 1-0 all’andata in Germania, i parigini hanno perso con lo stesso punteggio davanti a un pubblico infuocato, al termine di una partita frustrante in cui hanno dominato (70% di possesso palla) creando numerose occasioni da gol (30 tiri, 5 su bersaglio). La solidità del Borussia ha finalmente annientato le ambizioni dei giocatori di Luis Enrique, che hanno preso tempo per mostrarsi forti contro il BVB. Mats Hummels è stato responsabile di inondare lo stadio segnando l’unico gol della partita su calcio d’angolo al ritorno dagli spogliatoi. Abbastanza per qualificare il Dortmund alla terza finale di C1 della sua storia.

Una vera delusione per il PSG, che immaginava di varcare la Manica il primo giugno, per sfidare Real Madrid o Bayern Monaco a Wembley. La stagione finirà finalmente con una settimana di anticipo. Ma il suo epilogo è comunque accompagnato da questioni importanti. Prima di completare l’anno finanziario 2023-2024, i compagni di squadra di Marquinhos hanno ancora quattro partite da giocare. Già campioni di Francia, riceveranno il trofeo domenica durante il ricevimento a Tolosa (21:00). L’opportunità di comunicare con i propri sostenitori.

Quale uscita per Mbappé?

Questa sarà l’ultima partita di Kylian Mbappé con la maglia rossoblù al Parco dei Principi. Un momento necessariamente speciale per il capocannoniere della storia del club (255). Vediamo come si comporterà il pubblico parigino con il crack Bondy, che ha annunciato (internamente) la sua partenza quest’estate. Questa sarà una questione importante per l’immagine del PSG, che non sempre ha gestito bene l’ultimo capitolo delle sue stelle principali dall’arrivo dei proprietari del Qatar, come Neymar, Edison Cavani, Thiago Silva o anche Zlatan Ibrahimovic.

Sconfitta vietata nella finale della Coupe de France

Dopo questa serata speciale contro il TFC, i parigini si recheranno due volte per chiudere il campionato, a Nizza (15 maggio) e poi a Metz (19 maggio). Un modo per preparare la finale della Coupe de France contro l’OL, in programma il 25 maggio allo stadio Pierre-Mauroy di Villeneuve-d’Ascq. Nella tana del Losc, i compagni di Vitinha cercheranno di realizzare una tripletta, dopo aver vinto il Trofeo dei Campioni e la L1. Con la speranza di vincere la quindicesima Coupe de France per il PSG, che già detiene il record di titoli nella competizione. Questa sarà l’ultima partita di Kylian Mbappé con il Paris. E forse il suo 15° trofeo personale (in tutte le competizioni) con la squadra della sua città natale. Una sconfitta getterebbe un’ombra enorme al momento dei bilanci, tra un club che avrebbe vinto tutto nel suo Paese e sarebbe andato in semifinale di Champions League e un club che avrebbe solo campionato e Trofeo dei Campioni. andare

Un futuro attorno a Luis Enrique

Al di là dei risultati, questo finale di stagione permetterà anche al PSG di preparare il suo prossimo futuro. Salvo sorprese, Luis Enrique dovrebbe continuare la sua avventura in panchina anche la prossima stagione. Anche Nasser Al-Khelaïfi si è arrabbiato quando gli è stata posta una domanda su questo argomento dopo l’eliminazione contro il Dortmund. Sotto contratto fino al 2025, il tecnico spagnolo ha conquistato i suoi dirigenti, i suoi giocatori e gran parte della tifoseria parigina. Con la sua personalità decisa, la sua gestione intransigente e i suoi principi di gioco, l’ex allenatore della Roja è riuscito a costruire un gruppo giovane, talentuoso e unito. Senza mettere un giocatore al di sopra della mischia.

Vedremo fino a che punto la sua opinione verrà ascoltata durante la offseason. Con la partenza di Kylian Mbappé, inevitabilmente verrà girata una pagina nella città delle luci. Si prevede che le reclute rafforzeranno la rosa, in diversi settori di gioco. Luis Campos sarà ancora in carica per guidare questa finestra di mercato estiva? Con Antero Henrique in giro? Anche Nasser Al-Khelaïfi sarà attivo su alcune questioni? Tanti i punti che il PSG dovrà chiarire in fretta per poter programmare con serenità le prossime sfide. Per ripartire meglio all’attacco dei tuoi sogni.

Articoli principali

-

PREV Koki Machida, l’eroe unionista della finale di Coppa, pronto per la Premier League: “È uno dei migliori difensori del campionato”
NEXT il FCG si addormenta, Colomiers si rianima… Segui la fine della partita