Serie NHL: Connor Hellebuyck crede di aver giocato “il suo miglior hockey” contro gli Avalanche

Serie NHL: Connor Hellebuyck crede di aver giocato “il suo miglior hockey” contro gli Avalanche
Serie NHL: Connor Hellebuyck crede di aver giocato “il suo miglior hockey” contro gli Avalanche
-

Connor Hellebuyck ha iniziato la sua conferenza stampa di fine stagione con una sorprendente valutazione del suo gioco nella sconfitta dei Winnipeg Jets nella serie al primo turno contro i Colorado Avalanche.

“Probabilmente non mi crederai quando dico che ho giocato una delle migliori partite della mia carriera, ma è davvero quello che ho sentito”, ha detto il portiere in apertura durante la revisione della squadra dei Jets giovedì, riferendosi alla partita vinta martedì 6-3 per gli Avalanche.

Hellebuyck, finalista del Vezina Trophy questa stagione, ha chiuso con 2,39 gol contro la media e una percentuale di parate di 0,921, che lo hanno collocato al secondo posto in campionato quest’anno.

Questi numeri sono diminuiti in modo significativo nei playoff, poiché ha concesso 24 gol in cinque partite per una parata di .864 e 5,23 gol contro la media.

“Non solo stavo giocando il mio miglior hockey, ma ero in quella zona in cui non pensi, giochi e basta, ed è quello che stai cercando”, ha detto.

“Non riuscire a impedire che vengano segnati quattro gol è straziante”, ha aggiunto il portiere.

I Jets aprirono la serie con una vittoria altalenante per 7-6, seguita poi da quattro sconfitte consecutive, concedendo cinque o più gol in ogni partita della serie. Winnipeg ha concesso solo cinque o più gol sette volte durante la stagione regolare.

“Devi dare credito ai Colorado Avalanche per quello che hanno fatto, ma guardando indietro, non so se ho visto la metà dei dischi andare in rete”, ha detto Hellebuyck.

“Hanno fatto un ottimo lavoro, ma il fatto di non essere riuscito a dare il massimo in una sola partita mi spezza il cuore perché non è il mio modo abituale di fare le cose. »

Nonostante la valutazione positiva della sua prestazione, Hellebuyck ha ammesso che c’era margine di miglioramento per lui e la sua squadra.

“Non voglio dirti che non voglio essere migliore, devo assolutamente essere migliore se vogliamo vincere”, ha detto.

“Questi sono i playoff, è molto vicino, e se dai spazio a un ragazzo, ne trarrà vantaggio (…) Abbiamo dato un po’ troppo spazio. »

L’uscita prematura continua una tendenza recente per i Jets, che sono riusciti a superare il primo turno dei playoff della Stanley Cup due volte in sei tentativi dalla stagione 2017-18.

Hellebuyck, che tradizionalmente si è comportato bene nei playoff, ha ammesso che dopo due uscite consecutive al primo turno con una prestazione deludente, potrebbe aver bisogno di vedere le cose diversamente in futuro.

“Quando mi hanno allontanato [après la deuxième période] per darmi più riposo [dans le quatrième match]ho sentito un’ondata di emozioni che avevo represso durante tutta la serie e ho capito che non potevo farcela da solo”, ha detto.

“Ho capito che avevo bisogno di far parte di questa squadra più di quanto lo fossi io… Sto cercando di mettermi tutto sulle spalle e non credo che sia il modo giusto per approcciare i playoff. »

Hellebuyck, 30 anni, ha appena completato la prima parte di un contratto di sette anni firmato con i Jets a ottobre.

-

PREV Roland-Garros: ultimi vincitori, record… Tutto quello che devi sapere sui vincitori del torneo
NEXT Isola-Jourdain. La fiamma olimpica, portatrice di sogni