studio della propagazione della proteina tau

studio della propagazione della proteina tau
studio della propagazione della proteina tau
-

Alzheimer: come influenza la diffusione della proteina Tau sullo sviluppo della malattia?

La dottoressa Anna Pepe è un ingegnere ricercatore nel gruppo di la professoressa Chiara Zurzolo all’Istituto Pasteur di Parigi. La sua carriera di ricerca è focalizzata sullo studio delle proteine ​​amiloidi e sul loro ruolo nelle malattie neurocognitive. Sta cercando di comprendere la diffusione della proteina tau nella malattia di Alzheimer.

All’interno del suo team studia la diffusione e la progressione dell’ Il morbo di Alzheimer, una malattia neurocognitiva caratterizzata, tra l’altro, dall’accumulo e dalla diffusione cerebrale della proteina Tau. Infatti, nei pazienti affetti da Alzheimer, la proteina Tau diventa anormale e si aggrega nei neuroni, provocandone la morte.

Questo progetto mira quindi a comprendere meglio i meccanismi cellulari e molecolari legati alla propagazione della Tau nel cervello. Il dottor Pepe vuole identificare in quale struttura si diffonde la proteina tau anomala, ma anche quale forma di aggregati entra in gioco. La Tau può infatti aggregarsi formando oligomeri o fibrille. Non sappiamo ancora quali aggregazioni siano le più tossiche o quali possano diffondersi al cervello.

Un’osservazione da vicino della proteina Tau, grazie a uno dei microscopi più potenti al mondo.

In questo progetto, il Dr. Pepe utilizzerà uno dei microscopi più potenti al mondo. Questo è il Titano KriosTM. Questo microscopio consente l’osservazione di campioni ad altissima risoluzione. Facilita inoltre lo studio di campioni fragili, il più vicino possibile alle loro condizioni naturali. Quindi, grazie al Titano KriosTMle proteine ​​Tau aggregate possono essere visualizzate con un livello di dettaglio senza precedenti.

Inoltre, il Dr. Pepe genererà organoidi cerebrali prodotti da cellule staminali di pazienti affetti dal morbo di Alzheimer. Gli organoidi cerebrali sono anche conosciuti come “mini-cervelli”. Si tratta di strutture tridimensionali coltivate in laboratorio che rappresentano in modo più realistico la complessità del tessuto cerebrale.

Capire perché la Tau diventa anormale e come viaggia verso diverse parti del cervello aiuterà a sviluppare nuove strategie terapeutiche volte a rallentare o arrestare la progressione della malattia di Alzheimer.

-

NEXT Crack e cocaina stanno esplodendo in Svizzera e questo si spiega