L’esposizione degli uomini ai PFAS può influenzare i loro figli, afferma un nuovo studio

L’esposizione degli uomini ai PFAS può influenzare i loro figli, afferma un nuovo studio
L’esposizione degli uomini ai PFAS può influenzare i loro figli, afferma un nuovo studio
-

Un nuovo studio evidenzia sia il fatto che la spermatogenesi è una finestra sensibile di sviluppo prima del concepimento, sia l’impatto dell’esposizione a sostanze per- e polifluoroalchiliche (PFAS) sullo sperma degli uomini esposti. “I PFAS sono associati a molte malattie croniche e possono, ad esempio, avere un impatto sull’infiammazione e sul sistema immunitariospiega uno degli autori della ricerca, il professor Michael C. Petriello, assistente professore di scienze della salute ambientale e farmacologia presso la Wayne State University School of Medicine negli Stati Uniti. Questo lavoro si concentra sugli esiti riproduttivi, sulla fertilità e sul metabolismo della prole. L’idea che l’esposizione del padre possa incidere sulla salute dei suoi figli è del tutto nuova.

Quest’opera, intitolata “Miscele di sostanze per- e polifluoroalchiliche (PFAS) alterano la metilazione degli spermatozoi e la riprogrammazione a lungo termine del fegato e del trascrittoma del grasso della prole”, sono stati recentemente pubblicati su Environment International.

“Un calo della fertilità maschile in tutto il mondo”

Negli ultimi decenni, la fertilità maschile è diminuita in tutto il mondo, con i cali maggiori verificatisi nei paesi con un’elevata produzione di sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino.”, notano gli autori nel preambolo della loro pubblicazione.

In questo studio, hanno utilizzato topi maschi alimentati con una dieta ricca di grassi per imitare la dieta occidentale ed esposti a una miscela di cinque PFAS tramite l’acqua potabile. La riproduzione è stata successivamente effettuata con femmine non esposte, al fine di esaminare l’impatto dell’esposizione paterna sulla prole, che a sua volta è stata alimentata con una dieta normale.

L’esposizione ai PFAS prima del concepimento può essere trasmessa alla generazione successiva

I risultati del team dimostrano che l’esposizione ai PFAS in questi topi maschi adulti ha provocato “Metilazione aberrante degli spermatozoi” [des modifications chimiques qui interviennent pour réguler l’expression des gènes sans modifier la séquence d’ADN, ndlr] e un “espressione genetica alterata del fegato e del grasso della prole in modo sesso-specifico”. Dicono che questi dati indicano che l’esposizione preconcezionale ai PFAS negli uomini può essere tramandata e influenzare il fenotipo della generazione successiva.

L’onere è sempre stato sulla salute materna durante la gravidanza in quanto è correlato alla salute della proleha affermato l’autore principale dello studio, il Prof. J. Richard Pilsner, professore di ostetricia e ginecologia e direttore associato del Centro CS Mott per la crescita e lo sviluppo umano. Questa ricerca mostra che anche la salute ambientale prima del concepimento è un fattore chiave che influenza la salute e lo sviluppo della prole.

Spero che questi risultati promuovano un apprezzamento della salute maschile nello sviluppo della prole“, ha aggiunto il professor Pilsner. Secondo il ricercatore, i medici dovrebbero fare di più per informare i partner maschili che la loro salute prima del concepimento ha un impatto sulla salute futura dei loro figli. “Si tratterebbe di un cambiamento significativo che avrebbe un impatto positivo sulle generazioni future.

Sono ora necessari ulteriori studi per comprendere meglio l’effetto dei PFAS a livello individuale e quando combinato.

Dove si trovano i PFAS?

I PFAS sono sostanze chimiche utilizzate in molti prodotti di uso quotidiano per le loro proprietà, come prodotti tessili, imballaggi alimentari, schiume antincendio, gas refrigeranti, rivestimenti antiaderenti, cosmetici, dispositivi medici e persino prodotti fitosanitari. Molto persistenti nell’ambiente, questi composti si accumulano negli organismi viventi, nelle piante e negli animali, ritrovandosi nella catena alimentare. Sono presenti anche nell’acqua che beviamo e nell’aria che respiriamo.

Attualmente sono state lanciate iniziative a livello francese ed europeo per ridurre o addirittura vietare l’uso di questi eterni inquinanti, ma le procedure sono lente e suscitano la protesta di molte industrie.

-

PREV Il piano regionale sanitario e ambientale della Nuova Aquitania
NEXT risorse ma anche punti di vigilanza