A Hénin-Beaumont, Jordan Bardella riparte all’indomani del dibattito con Gabriel Attal

A Hénin-Beaumont, Jordan Bardella riparte all’indomani del dibattito con Gabriel Attal
A Hénin-Beaumont, Jordan Bardella riparte all’indomani del dibattito con Gabriel Attal
-
>>

Marine Le Pen e Jordan Bardella, durante la riunione elettorale di quest'ultimo a Hénin-Beaumont (Pas-de-Calais), 24 maggio 2024.

Marine Le Pen e Jordan Bardella, durante la riunione elettorale di quest’ultimo a Hénin-Beaumont (Pas-de-Calais), 24 maggio 2024. FRANCOIS LO PRESTI/AFP

Jordan Bardella è venuto a Hénin-Beaumont (Pas-de-Calais) e non è stato, come aveva promesso due anni fa al sindaco lepéniste della città, a “rotolando su un carro armato Leclerc nel suo municipio di merda”. Le cose non vanno meglio tra Steeve Briois, vicino a Marine Le Pen e consigliere comunale dell’estrema destra, e il presidente del Raggruppamento Nazionale (RN), capolista del suo partito alle elezioni europee del 9 giugno.

Ma la campagna di Jordan Bardella non poteva ignorare ciò che lui stesso definisce “uno dei bastioni della resistenza francese”. Ha avuto parole dolci per il sindaco, che dal canto suo lo ha accolto così: “Arriveremo al potere e lo faremo su una linea sociale e popolare, riunendo persone di destra e di sinistra, perché questa è la linea difesa da Marine Le Pen. » Bene.

L’atmosfera è migliore nelle due sale dello spazio François-Mitterrand a Hénin-Beaumont: la prima, con una capienza di 2.500 persone, non era sufficiente per accogliere i simpatizzanti. Le margherite del quartiere residenziale di fronte, all’ombra del maestoso cumulo di scorie 92, muoiono sotto le auto immatricolate 59 (Nord) e 62 (Pas-de-Calais).

Leggi anche | Europei 2024: trova la nostra diretta dal 24 maggio e le ultime informazioni sulla campagna

Aggiungi alle tue selezioni

Il dibattito del giorno prima tra Jordan Bardella e Gabriel Attal non ha demoralizzato le truppe, tutt’altro. Qui abbiamo mantenuto l’atteggiamento “beffardo” del Primo Ministro e del suo sorriso “maligno”. “Questo è ciò che mi preoccupa di lui, come Macron che pensa di essere un Dio. Il loro atteggiamento dimostra che hanno paura, che sanno che verranno picchiati.”, giudice Stéphanie, infermiera di 49 anni. Nel 2017, la personalità del Presidente della Repubblica la convinse a votare per la prima volta Marine Le Pen.

Altri hanno notato meno il sorriso di Gabriel Attal che le difficoltà del loro campione, come Enzo, un giovane residente a Lille che ha assistito al dibattito tra attivisti: “Lo abbiamo trovato un po’ molle, non riusciva a piazzarne uno. » Anche il deputato (RN) del Pas-de-Calais Thierry Frappé concorda sul fatto che ci fosse “Alti e bassi e[il] mi aspettavo di più », ma ha trovato Jordan Bardella superiore sul nucleare e sull’immigrazione. La linea ufficiale, però, è piena di autocompiacimento, i lepenisti ritengono che il primo ministro, con la sua aggressività, abbia danneggiato più se stesso che il suo avversario.

Gabriel Attal nel mirino

Pur fingendo la massima tranquillità, i due di estrema destra hanno comunque aggiunto il capo del governo, finora mai sulla linea del fuoco, alla lista degli obiettivi della loro campagna. Sul palco, Marine Le Pen se la prende con gli osservatori che hanno aggiornato il primo ministro. “Da ventiquattr’ore la stampa, così neutrale, così obiettiva, ci racconta quanto Gabriel Attal ha brillato, stupindo la Francia con il suo talento”, inizia. Prima di citare un’indagine, con metodologia oscura, che conclude quella francese “esposto” al dibattito “ha concesso la vittoria a Giordano Bardella”. La prova, insiste, della disconnessione tra la stampa e il Paese.

Ti resta il 56,45% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

-

PREV “Buona fortuna per queste due settimane”: Sophie Davant, privata dell’ultimo, cede il posto a Cyril Hanouna in diretta su Europe 1
NEXT I bisonti accompagnano i visitatori in un parco nella prateria utilizzando la realtà aumentata