In Bretagna, Gabriel Attal tra folla, frittelle e buon divertimento [Vidéo]

In Bretagna, Gabriel Attal tra folla, frittelle e buon divertimento [Vidéo]
In Bretagna, Gabriel Attal tra folla, frittelle e buon divertimento [Vidéo]
-

Incuriositi, decine di curiosi si sono ritrovati davanti all’ingresso della graziosa creperie La Gavotte, in Place de la Mairie, dove Gabriel Attal è venuto a mangiare “e a chiacchierare liberamente”, ha confidato. Evidentemente il capo del governo aveva fame: nel suo piatto si susseguivano due frittelle intere, con una Breizh Cola.

Tra un boccone e l’altro, le risposte alle domande di un panel di francesi che hanno condiviso la loro tavola. In questa occasione, Gabriel Attal ha lasciato intendere che la prossima settimana annuncerà i contorni della futura riforma dell’assicurazione contro la disoccupazione. “Non si tratta di dire: stigmatizziamo chi è disoccupato”, ma bisogna “incoraggiare le persone a lavorare”.

Con un discorso agile e un’espressione gioviale, Marc Droual, in pensione di Croisty, ha interrogato lo statista in particolare “sul problema dell’accesso alle cure nelle zone rurali”. Integrando le sue osservazioni con qualche frecciatina rivolta al Raggruppamento nazionale, il primo ministro ha ammesso che “non esiste un provvedimento miracoloso per risolvere subito le cose ma l’obiettivo è formare più medici. Questo richiede tempo e, nel frattempo, bisogna liberare loro tempo delegando compiti e regolarizzando i medici stranieri. All’epoca della Brexit, il Raggruppamento Nazionale voleva fare la Frexit ma oggi, nel Regno Unito, non stanno facendo di meglio”, ha insistito Gabriel Attal, prima di scattare autografi e selfie tradizionali in un centro brulicante di gente.

“Non capita tutti i giorni di trovare un personaggio pubblico a Rohan, soprattutto un Primo Ministro! Questo ci permette di mettere in risalto il nostro territorio rurale perché in Bretagna non c’è solo la costa! », confida Céline, residente.

Doppi morsi

Per rafforzare la tendenza elettorale del campo presidenziale in vista delle prossime elezioni europee, Gabriel Attal ha quindi lavorato duramente questo giovedì nella Bretagna centrale. In senso letterale e figurato: subito, e prima di dirigersi a Vannes, dove ha preso parte anche al gioco dei selfie, l’inquilino di Matignon è andato a trovare Olmix, a Bréhan. Di nuovo lì, curiosi, curiosi e sostenitori ad accoglierlo, stringergli la mano, scattare foto e applaudire.

type="image/jpeg">>
Gabriel Attal ha applaudito la grande innovazione dell’azienda Olmix, specializzata in chimica verde e con sede a Bréhan (56), che suona come “un vero orgoglio per la Bretagna e la Francia”. (Foto Vincent Le Guern)

Una volta entrato, ha applaudito la grande innovazione di questa azienda bretone specializzata in chimica verde, che suona come “un vero orgoglio per la Bretagna e la Francia e che ha fatto passi da gigante grazie, in gran parte, all’Europa, che le ha permesso , con in palio 30 milioni di euro, da investire nella ricerca. L’Europa è ovunque nelle nostre vite e nei nostri territori”. E nelle campagne del paese di Pontivy, chi non dimenticherà questa visita ministeriale senza precedenti.

-

PREV CHOUCHOU: Il bar da pranzo
NEXT Tornado mortali: questi settori sono ancora a rischio