Ripresa al Cairo delle discussioni sulla tregua a Gaza

Ripresa al Cairo delle discussioni sulla tregua a Gaza
Descriptive text here
-
>>>>

Questo contenuto è stato pubblicato su

5 maggio 2024 – 01:30

(Keystone-ATS) Sabato al Cairo sono ripresi i colloqui sulle modalità per raggiungere una tregua nella guerra a Gaza tra Israele e Hamas palestinese, in un contesto di reciproche accuse da parte dei belligeranti di ostacolare qualsiasi accordo.

Sul campo, nuovi attacchi israeliani hanno preso di mira la Striscia di Gaza, in particolare Rafah, una città nel sud del territorio palestinese devastato e assediato, uccidendo 32 persone nelle ultime 24 ore, secondo il Ministero della Salute del movimento islamico Hamas.

Nel settimo mese di guerra, innescata dal sanguinoso attacco senza precedenti di Hamas il 7 ottobre contro Israele, la direttrice del Programma alimentare mondiale (WFP), Cindy McCain, ha avvertito che il nord di Gaza è colpito da una “vera carestia”, che è avanzando verso il sud del territorio palestinese.

Il giorno dopo le accuse di Hamas secondo cui il primo ministro Benjamin Netanyahu sta ostacolando qualsiasi accordo volendo lanciare un assalto a Rafah, un funzionario israeliano, a sua volta, ha accusato il movimento palestinese di bloccare qualsiasi accordo insistendo sulla sua richiesta di fermare la guerra .

L’offerta dei mediatori (Egitto, Qatar, Stati Uniti) presentata a Hamas alla fine di aprile prevede una tregua associata al rilascio dei prigionieri palestinesi in cambio di quello degli ostaggi rapiti durante l’attentato del 7 ottobre.

Sabato, una delegazione di Hamas guidata da Khalil al-Hayya ha tenuto un primo giro di colloqui al Cairo con i mediatori che aspettavano la risposta del movimento palestinese.

Sabato non ci sono stati “sviluppi” e nuove discussioni sono previste per domenica, ha detto un funzionario di Hamas che ha preso il potere a Gaza nel 2007.

“Tu mini ogni accordo”

“Le notizie secondo cui Israele ha accettato di porre fine alla guerra come parte di un accordo di scambio di prigionieri o che Israele consentirà una mediazione per garantire che la guerra finisca sono inesatte”, ha detto all’AFP a Gerusalemme un funzionario israeliano dopo la ripresa dei negoziati al Cairo .

“Finora Hamas (…) sta ostacolando la possibilità di raggiungere un accordo” su una tregua, ha detto a condizione di anonimato.

Sabato un funzionario di Hamas ha ribadito all’AFP che il suo movimento “non accetterà in nessun caso un accordo che non preveda esplicitamente la fine della guerra”.

“Le nostre informazioni confermano che (Benjamin) Netanyahu sta personalmente rallentando un accordo attraverso calcoli personali”, ha affermato anche questo funzionario, che ha chiesto l’anonimato.

Israele non è presente al Cairo e un funzionario israeliano aveva precedentemente indicato che il suo Paese avrebbe inviato una delegazione lì in caso di progressi sul “quadro” dello scambio tra ostaggi e prigionieri, prevedendo “negoziati difficili” per raggiungere un accordo concreto. .

Secondo il sito americano Axios, il capo della Cia, William Burns, si trova nella capitale egiziana.

Venerdì Hamas ha dichiarato che si recherà al Cairo con una “mente aperta”, pur insistendo sulle sue richieste: “la cessazione totale dell’aggressione israeliana” e “il ritiro” delle forze israeliane da Gaza.

Israele ha sempre rifiutato queste condizioni poste da Hamas, che considera un’organizzazione terroristica insieme agli Stati Uniti e all’Unione Europea, e che ha giurato di annientare dopo l’attentato del 7 ottobre.

In serata, migliaia di persone, tra cui i parenti degli ostaggi, hanno manifestato a Tel Aviv per chiedere al governo Netanyahu di concludere un accordo di tregua che consenta la restituzione degli ostaggi.

Un cartello con il ritratto di Netanyahu recita: “Sei tu che mina qualsiasi accordo”.

“Oltre l’accettabile”

Mentre si moltiplicano gli sforzi e le richieste di tregua, Benjamin Netanyahu continua a dichiarare la sua intenzione di condurre un’offensiva di terra su Rafah, città che secondo lui costituisce l’ultimo grande bastione di Hamas nel territorio palestinese.

“Faremo ciò che è necessario per vincere e sconfiggere il nostro nemico, anche a Rafah”, ha ribadito Netanyahu questa settimana, sottolineando che lancerà questa offensiva “con o senza un accordo” di tregua.

Per Hossam Badran, membro dell’ufficio politico di Hamas, le minacce di Netanyahu contro Rafah “mirano chiaramente a far fallire ogni possibilità di accordo”.

Gli Stati Uniti, il principale alleato di Israele, hanno ripetutamente espresso la loro opposizione ad un assalto a questa città, dove vivono 1,2 milioni di palestinesi, la maggior parte dei quali sfollati a causa della guerra.

Secondo il segretario di Stato Antony Blinken, gli Stati Uniti non possono sostenere un’operazione del genere “perché il danno che causerebbe andrebbe oltre ciò che è accettabile”.

“La carestia sta arrivando”

Rafah, situata sulla frontiera chiusa dell’Egitto, è il principale punto di passaggio terrestre per gli aiuti umanitari destinati al territorio palestinese assediato da Israele e minacciato dalla carestia secondo le Nazioni Unite.

Un’offensiva sarebbe “un duro colpo per le operazioni umanitarie nella Striscia di Gaza”, ha avvertito l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari.

Gli aiuti internazionali, strettamente controllati da Israele, arrivano a fiumi nella Striscia di Gaza e rimangono assolutamente insufficienti a soddisfare i bisogni di circa 2,4 milioni di abitanti di Gaza.

-

PREV La terribile esplosione di rabbia di Laporta a Girona
NEXT il movimento studentesco contro l’offensiva israeliana si diffonde nel mondo