Criticato il limite al ricongiungimento familiare

Criticato il limite al ricongiungimento familiare
Criticato il limite al ricongiungimento familiare
-

Un gruppo che rappresenta i quebecchesi in attesa di sponsorizzare familiari che vivono all’estero afferma che la provincia agisce in malafede riducendo significativamente il numero di domande di ricongiungimento familiare che accetta.

Laurianne Lachapelle, del Quebec Riunificato, sostiene che questa decisione causerà ancora più stress e ritardi alle famiglie del Quebec che già aspettano molto più a lungo degli altri canadesi per portare i loro cari.

“Questa decisione deve essere revocata il più rapidamente possibile, perché non ha senso. Non posso nemmeno esprimere a parole quanto costerà alle famiglie, ha detto in un’intervista telefonica. Rimarranno scioccati. Saranno depressi. »

Il Quebec ha annunciato la scorsa settimana che elaborerà un massimo di 13.000 richieste di ricongiungimento familiare nei prossimi due anni, dopo averne approvate più di 16.500 nel 2022 e più di 10.000 nei primi sei mesi del 2023.

Una portavoce del ministro dell’Immigrazione, Christine Fréchette, afferma che il governo vuole garantire che il numero di pratiche approvate non superi il tetto di immigrazione della provincia.

Una volta superato il limite delle 13.000 richieste, “il ministro non riceverà più richieste, ad eccezione di alcuni casi particolari”, ha scritto il ministero in una email. Queste eccezioni includono i figli a carico.

Sebbene Ottawa abbia l’approvazione finale, i richiedenti che desiderano portare il proprio coniuge o altri membri della famiglia in Quebec devono prima ottenere un certificato di selezione dalla provincia.

Secondo il sito web di Immigration Canada, ci vogliono 34 mesi per elaborare un visto per coniuge per un richiedente in Quebec, rispetto ai 10 mesi nel resto del Canada. Per genitori e nonni, la scadenza è di 48 mesi in Quebec e di 24 mesi nelle altre province.

All’inizio di quest’anno, il ministro federale dell’Immigrazione Marc Miller ha promesso di accelerare l’elaborazione di tutti i fascicoli pendenti per i quali è stato rilasciato un certificato, anche se ciò significa superare il tetto annuale desiderato dal Quebec.

L’ufficio di MMe Fréchette ha citato la promessa di Miller come una delle ragioni per cui il governo CAQ limita il numero di certificati rilasciati, “per evitare di superare le soglie di ammissione previste dal Quebec”.

Un portavoce del dipartimento federale ha affermato che è impegnato a riunire le famiglie in Quebec più rapidamente e lavorerà con la provincia per farlo.

MMe Lachapelle, che ha aspettato due anni per portare il marito guatemalteco in Quebec, teme che i tagli porteranno il governo federale a ritenere le domande incomplete e a respingerle, costringendo le persone a ricominciare il processo.

Basandosi sulla propria esperienza, afferma che essere separati dal proprio partner è “una delle esperienze più dolorose che si possano vivere”, soprattutto perché la maggior parte ha già vissuto a lunga distanza prima di presentare domanda.

Ha spiegato che le lunghe attese significano che alcune donne devono partorire e crescere i propri figli da sole, mentre altre devono ritardare la creazione di una famiglia, influenzando le loro possibilità di rimanere incinte. In realtà ha abortito perché suo marito non poteva venire a raggiungerla.

“Quando parlo di famiglia, non è tuo cugino, è tuo marito, tua moglie o i tuoi figli. Immagina di essere separato da loro e di non poter vivere una vita normale insieme come qualsiasi altra coppia o famiglia e di vivere per molti, molti anni separati. »

Argomentazioni false

Il governo provinciale ha giustificato il suo tetto all’immigrazione citando la necessità di proteggere la lingua francese e di non accettare più persone di quante ne possa adeguatamente accogliere e integrare.

MMe Lachapelle respinge questa argomentazione, affermando che i membri delle famiglie sponsorizzate impareranno la lingua per impostazione predefinita perché la maggior parte di loro si trasferirà in case di lingua francese.

“Il governo provinciale non smette di preoccuparsi per il francese, ma non tiene conto del fatto che il processo di ricongiungimento familiare si svolge principalmente in francese. Anche se le persone che immigrano non parlano francese, arrivano in famiglie francofone e imparano il francese per impostazione predefinita perché si trovano in un ambiente francofono. L’integrazione è molto più agevole e facile quando si arriva in una famiglia che quando si immigra solo con un permesso di lavoro. »

Invece di proteggere la lingua, sostiene che l’approccio del governo sta spingendo alcuni francofoni a lasciare la provincia.

“Siamo tutti quebecchesi, siamo francofoni e viviamo in Quebec perché siamo nati qui o abbiamo scelto questa provincia perché parliamo francese. Ma il governo ci proibisce di creare una famiglia, quindi la decisione più logica è quella di andare in Ontario o nel New Brunswick o in una provincia che non ha questo limite. »

Aveva già preso in considerazione l’idea di trasferirsi in un’altra provincia, ma invece ha deciso di restare e provare a lottare per un processo più giusto con l’aiuto dell’Associazione degli avvocati in diritto dell’immigrazione del Quebec.

Da vedere in video

-

PREV Euro U20 di basket – Il Belgio inizia il suo torneo con una vittoria contro la Turchia
NEXT Il Belgio inizia il suo torneo con una vittoria contro la Turchia