Legislativa 2024: di fronte all’unico candidato della RN a Parigi, Patrick Dray (LR) si ritira dal triangolare

Legislativa 2024: di fronte all’unico candidato della RN a Parigi, Patrick Dray (LR) si ritira dal triangolare
Legislativa 2024: di fronte all’unico candidato della RN a Parigi, Patrick Dray (LR) si ritira dal triangolare
-

Par

Hugo Hancewicz

pubblicato su

2 luglio 2024 20:33

Vedi le mie notizie
Segui le notizie di Parigi

Alla fine non ci sarà nessuno triangolare a Parigi. Dopo il ritiro a sorpresa della candidatura di Gilles Le Gendre (dissidente-Insieme) nel 2° arrondissement di Parigi, è la volta di Patrick Dray (sinistra) ritirarsi dalla corsa per la sede del deputato del 14° distretto della capitale, compreso in particolare il 16° arrondissement.

Un duello Ensemble-RN

Al secondo posto, con il 17,7% dei voti, ha preceduto Patrick Dray con soli 73 voti l’unico candidato del Rally Nazionale (RN) di Parigi, Louis Piquet, si è classificato terzo.

Questo triangolare dovrebbe quindi opporsi un candidato della maggioranza presidenziale, un candidato repubblicano e un candidato del partito della fiamma. Con questo ritiro, è un duello Ensemble-RN che si svolgerà il 7 luglio. Di fronte al candidato di estrema destra, il deputato uscente Benjamin Haddad, che ha ottenuto il 47,71% dei voti, dovrebbe beneficiare di un massiccio riporto di voti dagli elettori di LR.

Un ritiro in “conseguenze”

Sul suo account X, Patrick Dray si è espresso in seguito a questa decisione: “Ho apprezzato ogni cosa occasione di incontrartidibattito e confronto, ma è opportuno trarre le conseguenze del voto espresso domenica”.

Questo caro amico di Gérard Larcher lo aveva comunque fatto si è candidato in una circoscrizione elettorale che aveva piazzato François-Xavier Bellamy (LR) in testa agli Europei, ma che ha preferito riporta i tuoi voti sul deputato uscente.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV Tarbes. ETMT 65: musica sulle rive dell’Adour
NEXT Tarbes. ONM: queste azioni meritano una medaglia