Didi 1. Nascita

Didi 1. Nascita
Didi 1. Nascita
-



CSono passati dieci anni dalla scomparsa di Giuseppe Liveri. A causa della mancanza di piste e di corpi, la polizia ha chiuso le indagini. La sua famiglia si riunisce per rendergli omaggio. Simon sembra essere l’unico a sperare che suo nonno sia ancora vivo da qualche parte. Un pomeriggio, il suo amico Hector gli propone di distrarsi andando a esplorare un tunnel abbandonato al quale ha trovato accesso poco tempo prima. Durante il loro girovagare, i due adolescenti si imbattono in uno stagno dove vivono strani anfibi e un grimorio. Quando tornarono, si scoprì che una delle rane le aveva seguite, nascondendosi nello zaino. Il giorno successivo, l’animale non solo è cresciuto, ma, con grande stupore di Simon, inizia a parlare e a controllare gli elementi liquidi tramite la telecinesi. Autobattezzata Didi, la bestia si stabilisce silenziosamente nella stanza del ragazzo, fino alla sera in cui uno dei suoi simili, Cesare, arriva a “liberarla”…

In questa nuova serie edita da Le Lombard, Christian Galli propone un gran numero di elementi che hanno tutto per piacere ai lettori preadolescenti. Innanzitutto la costruzione del duo di protagonisti principali è sufficientemente sviluppata da consentirne l’identificazione. Inoltre, lo sceneggiatore aggiunge un asse attorno alla differenza, qui tra le specie. Giocando la carta della complementarità, Didi e Simon diventano amici, non senza scontri, senza giudizi e senza pathos. Gli appassionati di fumetti più anziani, o quelli con una buona cultura cinematografica, indovinano le fonti di ispirazione dello sceneggiatore. Durante la lettura, come non pensare ET o a I Goonies ? Sia che si tratti di rapporti con creature misteriose e dei loro doni, sia che si tratti di ritmo e di uno sviluppo ricco di colpi di scena, l’autore attinge a questa cultura per alimentare la sua storia. Il che è molto piacevole poiché dà energia all’intero album. Tuttavia il punto di partenza della sua storia, ovvero il ritrovamento del nonno, sfuma e diventa solo molto secondario dal momento in cui Cesare svela alcuni misteri.

Lo stile grafico è classico ma gradevole. È valorizzato da una colorazione che ricorda la fiancata quindi anni Ottanta già menzionato.

Titolo Nascitaquesto primo volume di Didi è all’altezza del suo nome. L’universo della serie, i personaggi e la trama di fondo sono presentati con abbastanza elementi svelati, da suscitare la curiosità e l’entusiasmo dei giovani lettori alla ricerca di avventure soprannaturali.

Di J. Vergeraud

-

PREV Il Marocco lancia un piano d’azione per promuovere alloggi dignitosi | APAnews
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France