È “rinfrescante” nella città medievale di Carcassonne dopo un nuovo taglio alla fornitura di gas cittadino

-

Da questa domenica, 23 giugno alle ore 12, la fornitura del gas cittadino è stata ripristinata dagli agenti della GrDF, dopo un’interruzione avvenuta il giorno prima a metà pomeriggio. È la seconda volta da martedì 18 giugno che ristoratori e residenti della Città si trovano ad affrontare una situazione del genere.

Mentre la stagione turistica è appena iniziata nel cuore dei bastioni della città medievale di Carcassonne, i suoi ristoratori e una trentina di residenti che la abitano si trovano ad affrontare un problema di approvvigionamento di gas che li mette a dura prova. E questo è tutto dire. Nella memoria degli abitanti delle città, questa è la prima volta che sperimentano un simile disfunzionamento all’interno di questo monumento, sebbene sia un patrimonio mondiale dell’UNESCO. Nel pomeriggio di sabato 22 giugno tutti sono rimasti nuovamente privati ​​del gas di città. Alle 15:56 alcuni clienti hanno ricevuto un SMS sul proprio telefono: “È in corso un incidente in questo settore. Una squadra della GrDF è stata mobilitata e la fornitura di gas naturale è stata sospesa, ora prevista per il rifornimento di gas, la sera del 22 giugno.” Alle 20:07 dello stesso giorno, un nuovo messaggio li informò “I nostri tecnici stanno effettuando le riparazioni necessarie per ripristinare la fornitura di gas naturale. Orario previsto per il ripristino il 23 giugno alle ore 8.” Jérémy Thomann, proprietario del Table d’Alaïs in rue du Plô, ci ha detto: “Per fortuna ho comprato un piano cottura a induzione un mese fa, nel caso ci fosse un problema. Ma questa, davvero, è una bella seccatura…”

A La Table D’Alaïs, lo chef Jérémy Thomann ha saputo adattarsi alla situazione, nonostante tutto.
L’Indipendente – NATHALIE AMEN VALS

È già molto complicato, speriamo non ricominci.

Le squadre della GrDF sono state al lavoro questa domenica, 23 giugno, ai piedi della città medievale.
L’Indipendente – NATHALIE AMEN VALS

Questa domenica, 23 giugno, lo stesso Jérémy Thomann ci ha spiegato di aver saputo adattarsi alla situazione dovendo limitare il numero di clienti, per garantire un servizio di qualità: “Abbiamo fatto una ventina di cover, mentre di solito ne facciamo il doppio. È molto stressante…” Quattro giorni prima (martedì 18 giugno), in occasione dello stesso incidente, La Table d’Alaïs ha dovuto chiudere i battenti. “nonostante le prenotazioni che avevamo.” Rue de la Porte d’Aude, anche il ristorante Le Bellevue è stato costretto a chiudere le porte ai visitatori, “perché non eravamo in grado di servire i nostri clienti”. In generale, come ci spiega Ali, il gestore del locale, “contiamo su sessanta posti per la serata”. Questa domenica, 23 giugno, al mattino, quando si avvicinava mezzogiorno, non si era nemmeno sicuri che sarebbe stato possibile aprire.

Place Saint-Jean, l’omonimo locale spiega di aver potuto adattarsi la sera prima: “È già molto complicato, speriamo non ricominci”. In Place Marcou, anche Kishan du Ménestrel spera che ciò non si ripeta: “Sabato si è spenta due volte verso le 16. Dopo la serata abbiamo faticato. Abbiamo anche dovuto dire alla gente che dovevamo cancellare alcune prenotazioni… Per il resto abbiamo usato il forno elettrico… “

Al ristorante Le Bellevue, Ali è stato costretto a chiudere il suo locale la sera di sabato 22 giugno.
Al ristorante Le Bellevue, Ali è stato costretto a chiudere il suo locale la sera di sabato 22 giugno.
L’Indipendente – NATHALIE AMEN VALS

È stato necessario far intervenire un’équipe specializzata da Montpellier per gli adeguamenti necessari.

Al ristorante Le Bellevue, la fornitura di gas non era ancora effettiva questa domenica 23 giugno alle 11:30.
Al ristorante Le Bellevue, la fornitura di gas non era ancora effettiva questa domenica 23 giugno alle 11:30.
L’Indipendente – NATHALIE AMEN VALS

Il direttore territoriale della GrDF dell’Aude e dei Pirenei Orientali, ne parla Claude Bompart “il ripetersi di un’interruzione dopo un incidente tecnico. Si è verificato un problema di sovrappressione su una stazione e questo ha fatto scattare automaticamente l’interruzione della seconda… Il ripristino dell’erogazione del gas ha poi richiesto più tempo del previsto. È stato necessario l’intervento di una squadra specializzata da Montpellier per gli adeguamenti necessari sabato alle 23, alcuni clienti hanno potuto essere restaurati, come l’Hôtel de la Cité o altri alimentari…”

Tutto è avvenuto gradualmente, fino a ripristinare questa domenica alle 11.30 la fornitura di gas al 90% dei clienti. Prima di un ripristino totale a mezzogiorno. Martedì 18 giugno, sessantanove clienti GrDF sono stati colpiti da questo nuovo incidente.

-

PREV Strasburgo. Nascondevano la droga nelle confezioni Mars o KitKat: arrestati 5 trafficanti
NEXT FLATTEN THE CURVE al Prix Vichy Communaute è uno da tenere d’occhio