La sabbia del Sahara torna in Francia: ecco cosa aspettarsi e le regioni interessate

La sabbia del Sahara torna in Francia: ecco cosa aspettarsi e le regioni interessate
La sabbia del Sahara torna in Francia: ecco cosa aspettarsi e le regioni interessate
-

Di

Alessandra Segond

pubblicato su

17 giugno 2024 alle 20:37

Vedi le mie notizie
Segui le notizie

Grandi nuvole grigie e un cielo leggermente aranciato (più una nebbiolina lattiginosa, appunto): ecco cosa ci aspetta questa settimana, tra violenti temporali fino a giovedì per un conflitto di masse d’aria, ma anche il ritorno della sabbia dal Sahara alla Francia.

Secondo i modelli meteorologici è previsto un nuovo episodio di polvere nel deserto metà settimana, da mercoledì 19 giugno 2024, una decina di giorni dopo l’ultima puntata. La stragrande maggioranza del Paese sarà interessata da questo fenomeno.

Da dove provengono queste nuove sabbie in aumento?

Il ritorno della polvere del deserto dal Sahara può essere spiegato da la formazione di una depressione al largo delle coste del Portogallo“dopo diversi giorni di corrente oceanica occidentale”, spiega a actu.fr meteorologo Guillaume Séchet, fondatore del sito meteo-paris.com.

Questa depressione scenderà “entro mercoledì [19 juin 2024] molto vicino al Marocco”, provocando una tempesta di sabbia “nella zona desertica del Sahara marocchino e algerino”. Poi, questo” dirigerà un flusso del settore sud/sudovest sufficientemente potente che circolerà [jusqu’à] dell’Europa occidentale”, aggiunge il meteorologo Yann Amice, intervistato da actu.fr.

La polvere di sabbia del Sahara colpirà la Francia da mercoledì 19 giugno 2024. (©Meteologix / TL / actu.fr)
Video: attualmente su Actu

In sintesi, avremo a corrente d’aria caldacarico di polvere del deserto, che si solleverà a metà settimana sulla Francia per poi evacuare da est.

L’asse del vento seguirà le Isole Baleari e la costa orientale spagnola, per poi precipitare sui Pirenei e sul bordo del Mediterraneo.

Guillaume SéchetMeteorologo

Tutta la Francia interessata, tranne il Nord-Ovest

Questo era per il contesto. Allora, cosa dobbiamo aspettarci da mercoledì? “Mercoledì la sabbia arriverà in particolare attraverso il sud della Francia il bacino del Mediterraneo e la Corsicapoi tornate verso est giovedì”, risponde Yann Amice.

Molta polvere attraverserà la parte orientale dei Pirenei e risalirà i Pirenei Orientali, Aude, Hérault, Aveyron, Lozère, per poi raggiungere l’est del bacino di Parigi, poi l’est della Francia e Bruxelles.

Yann AmiceMeteorologo

Aumento dell’aria calda, fino a 35/38°C in Corsica

Questa risalita d’aria dal Sahara porterà con sé la sua quota di polvere del deserto, ma anche aria calda. “Si tratterà per il momento dell’aumento di temperatura più significativo della stagione calda”, afferma Guillaume Séchet su actu.fr.
Giovedì la Corsica avvertirà notevoli picchi di caldo. “Potremmo avere 35/38°C, con un colpo di scirocco che accompagnerebbe le sabbie del Sahara”, aggiunge il meteorologo. Ma si tratterà di picchi di calore “molto localizzati ed effimeri”.

Di conseguenza, tre quarti del paese saranno interessati da queste sabbie del Sahara, ad eccezione del nord-ovest: “La Bretagna, la Normandia, più in generale la costa atlantica”, elenca Guillaume Séchet. Il picco del fenomeno è previsto per mercoledì e giovedì, “prima che l’aria oceanica prenda il sopravvento”.

Un cielo “latteo” e nebbioso

Pensi che osserverai un bel cielo giallo o arancione perché carico di polvere del Sahara? Pensa di nuovo.

Certamente, grazie alla forza di una corrente “molto forte in quota”, il trasporto della sabbia sarà “molto efficiente”, ci spiega Yann Amice. Non ci sarà infatti molta perdita di polvere quando la sabbia salirà, nonostante il passaggio attraverso le zone montuose dei Pirenei.

Ma perché il cielo si colori “la densità della polvere deve essere molto alta. Ma non è così, non ci sarà alcuna concentrazione eccezionale”, afferma Guillaume Séchet. Il cielo sarà piuttosto “latteo”con un’impressione di “una nebbia un po’ cupa”.

Polvere per mitigare i temporali

Bella atmosfera, con temporali in minaccia fino a giovedì… E ancora, il tempo poteva essere peggiore. “Quello che a volte osserviamo è che una grande quantità di sabbia del Sahara tende a farlo mitigare i temporali »osserva Guillaume Séchet.

Nel rendere molto popolare, ciò può essere spiegato da due ragioni. Il primo: c’è minore differenza di temperatura tra il cielo e la terra, spiega. E la seconda: la presenza di polvere nell’atmosfera limita le attività tempestose “soffocando la condensa, che porta a meno precipitazioni”, aggiunge Yann Amice.

Fino a giovedì i temporali saranno “diffusi (e molto più marcati settimanalmente rispetto alle sabbie del Sahara)”. Poi venerdì servirà da transizione, con aria fresca da est.

Questo “conflitto termico provocherà le tempeste più forti nell’est”, conclude Guillaume Séchet. Prima di evacuare le tempeste… e la polvere. Il cerchio è completo.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon Actu.

-

PREV Passeggiata insolita “Lovers of Place Stan” Musée des Beaux-Arts Nancy sabato 21 settembre 2024
NEXT “Les Myriades Bouskoura” organizza il suo “Summer Village”, dal 17 luglio al 17 agosto – Oggi Marocco