Premio Diane Longines: Turno decisivo

Premio Diane Longines: Turno decisivo
Premio Diane Longines: Turno decisivo
-

Nel 2019, un famoso sito web di corse di cavalli titolava “David Menuisier, miglior esportazione dai tempi di Éric Cantona.” Cinque anni dopo, il francese, con sede nel leggendario centro di formazione di Newmarket, dall’altra parte della Manica, presenterà domenica a Chantilly Tamfana, il favorito per il Prix de Diane Longines. Questo alsaziano di 44 anni, “iniziato dal nulla o non molto”, si è fatto un nome in Inghilterra, ma anche in patria in Francia. Dopo aver vinto sul nostro suolo il Prix de Royallieu 2020 e il Critérium International 2023, proverà ad aggiungere il suo nome all’elenco dei vincitori di una classica francese. La puledra, che domenica intorno alle 16.20 ha potuto regalargli questo trofeo che il suo primo “boss” Christiane Head ha sollevato tre volte, non è costato molto (20.000 euro), non ha un padre bancabile (Soldato Hollow), né un pedigree incredibile.

“L’obiettivo è il Prix de Diane”

David Menuisier, però, ha occhi solo per lei e li ha da molto tempo: “L’ho sempre stimata. L’ho detto all’inizio dell’anno Tamfana è stata la migliore che ho addestrato… È certamente audace da parte mia dirlo, ma mi ricorda una puledra come Zarkavavale a dire capace di attendere, seguire con facilità e, una volta spostato, di imprimere un’enorme accelerazione.“Anche il suo ritorno un po’ timido al Prix Imprudence di Deauville non lo ha preoccupato:”Viene battuta da due velocisti (ndr. Stile romantico E Ramatuelle). I miei cavalli ad aprile non sono pronti. Fa tre lavoretti e può guadagnare dieci chili in più. È una puledra nata per fare i 2.000 metri. L’obiettivo è il Prix de Diane.“Eccoci qui e dopo questa prestazione a Deauville, il rappresentante della Quantum Leap Racing (un sindacato dei proprietari) ha fatto colpo nelle 1.000 Ghinee a Newmarket. Quel giorno, dopo aver aspettato (troppo) a lungo, è riuscita a concludere la gara in modo piuttosto raro mancando per un soffio il podio. Su una distanza più lunga e su un terreno finalmente stagionale, la compagna di Oisin Murphy sembra in grado di scoccare la sua freccia migliore.

Una prima volta per Godolphin?

Installato anche lui a Newmarket quasi nello stesso anno (2013 vs 2014), Charlie Appleby è molto inglese, ma è anche alla ricerca del primo successo al Prix de Diane. In questo 175e edizione, presenterà Sequenza di danza, secondo l’ultima volta a Epsom Oaks, e proverà a offrire una prima incoronazione alla squadra Godolphin, che ha vinto quasi tutto al mondo tranne le due classiche francesi di giugno. A differenza della squadra di Sua Altezza Aga Khan che cerca l’ottava corona in questo evento.

Capo allenatore della squadra per due anni e mezzo, Francis-Henri Graffard, che ha avuto la gioia di un primo successo in classica “verde” nella Poule d’Essai des Pouliches con Rouhiyaha deciso invece di presentare Candalà. Anche se non si vede più dal suo convincente successo al Prix de la Grotte, può brillare. Altri hanno corso più recentemente e con stile. Questo è il caso di Abbondanza frizzante E Avventura. Il 2 giugno (il giorno del Jockey-Club), i corridori di Patrice Cottier e Christophe Ferland hanno vinto facilmente il loro girone (Sandringham e Royaumont) e si sono guadagnati il ​​biglietto per la tappa decisiva. Appassionato di sport, Christophe Soumillon domenica indosserà al Prix de Diane una casacca che deve stare particolarmente a cuore al suo cuore, quello di uno dei più grandi allenatori di calcio, Carlo Ancelotti. Co-proprietario di Galà Reale, il probabile favorito francese allenato a Chantilly dall’italiano Alessandro Botti, l’uomo ha appena vinto una nuova Champions League con il Real Madrid. Il nome giusto sarà ai vertici anche in campo europeo?

-

PREV questi naturisti “in comunione con la natura” nelle insenature
NEXT MLB: Blue Jays sconfitti nel Canada Day