Euro 2024: Ungheria – Svizzera: la partita che non hai visto

-

La squadra svizzera ha già fatto un grande passo avanti verso gli ottavi.

freshfocus

Il falso allarme di Breel Embolo

Preoccupazione in campo svizzero. Appena quindici minuti dopo essere entrato in gioco, Breel Embolo sembrava già tornato in infermeria. Murat Yakin era troppo ottimista sullo stato di salute dell’attaccante del Monaco, tormentato da più di un mese da uno strappo muscolare alla coscia? Potremmo temerlo, osservando il numero 7 tenersi la coscia mentre attraversa il prato di Colonia.

Ci è voluto il suo gol, questo succulento pallonetto al 93esimo, per dissipare i dubbi. Non solo quelle che riguardano la capacità della Svizzera di mantenere i tre punti. Ma anche quelle riguardanti lo stato di salute di Breel Embolo. Per diversi minuti ha effettivamente lottato con la fasciatura… che ha perso proprio quando è arrivato il momento di segnare il 3-1. A giudicare dallo sprint ripreso due minuti dopo, il nativo di Yaoundé sembra addirittura andare molto bene.

Il segno di speranza di Breel Embolo.

Il segno di speranza di Breel Embolo.

freshfocus

I dieci minuti in cui il pubblico svizzero si è spento

È difficile stimare con precisione quanti tifosi svizzeri e ungheresi saranno presenti sabato a Colonia. A prima vista, le due squadre sembravano più o meno alla pari, in uno stadio da 43.000 posti quasi pieno. Anche se era più facile contare gli Elvezi (quasi tutti vestiti di rosso) che gli Ungari (a volte in nero, a volte in bianco, a volte anche in rosso…).

Dalle 10 del mattino e dal loro incontro nello Stadtwald di Colonia fino a tarda sera, i tifosi della nazionale hanno creato un’eccitazione pazzesca attorno a questo incontro. Con la notevole eccezione dei dieci minuti successivi alla riduzione del punteggio dei magiari. Dal punto di vista vocale, gli ungheresi hanno poi coperto completamente il RheinEnergie Stadion, in un momento in cui l’Euro delle due squadre avrebbe potuto cambiare. La Svizzera ha resistito. Agli undici avversari e ai decibel che li hanno galvanizzati.

I tifosi ungheresi ci hanno creduto davvero quando Barnabas Varga ha segnato 2-1.

I tifosi ungheresi ci hanno creduto davvero quando Barnabas Varga ha segnato 2-1.

freshfocus

Granit Xhaka, il falso camminatore

Ciò è stato particolarmente evidente nel primo tempo, quando la Svizzera ha controllato la partita: Granit Xhaka sembrava passare molto tempo a camminare. Non possiamo criticarlo. Anzi. Con la rapida apertura del punteggio, il capitano potrebbe aver voluto instillare una forma di pazienza nel gioco della sua squadra. Perché un gol di vantaggio in un torneo importante non è una cosa da prendere alla leggera. Certamente era anche necessario leggervi il riflesso di alcune aspirazioni svizzere. Prima che la palla raggiungesse Kwadwo Duah sull’1-0, i suoi compagni avevano precedentemente completato 22 passaggi. Grazie in particolare alla gestione degli spazi di Granit Xhaka, che ha concluso la partita con 11,8 km registrati sul suo GPS. L’arte del finto camminatore. Anche la UEFA lo ha nominato migliore in campo.

Granit Xhaka, maestro dello spazio.

Granit Xhaka, maestro dello spazio.

Claudio De Capitani/freshfocus

Il cammino di Murat Yakin

Ciò avrebbe potuto creare un brutto boomerang che gli sarebbe tornato in faccia. In definitiva, si è trattato di un atto premonitore. Murat Yakin si è goduto un bel bagno di folla davanti alla tribuna principale riservata ai tifosi svizzeri pochi minuti prima del calcio d’inizio. Se avesse voluto misurare il suo indice di popolarità, “Muri” avrebbe ricevuto una risposta sfumata. L’”ola” che ha lanciato ha trovato eco, è vero, ma non ha nemmeno scatenato passioni. Questo ancor prima che le sue ispirazioni tattiche e nella scelta degli uomini mettessero la squadra svizzera sulla via della vittoria. Se dovesse riprovare l’esperienza mercoledì contro la Scozia, il pubblico svizzero dovrebbe essere molto più ricettivo.

Murat Yakin.
Totò Marti/Blick/freshfocus

Un corteo svizzero prima della partita. Un altro dopo

Il corteo svizzero pre-partita, come abbiamo detto, ha avuto un piccolo effetto per le strade di Colonia. Avrebbe dovuto fermarsi lì per sabato. Tuttavia, i tram che avrebbero dovuto portare la maggior parte degli spettatori verso il centro città hanno mostrato molto presto i loro limiti. I treni affollati sono rimasti fermi per un periodo che è evidentemente troppo lungo quando si è intrappolati tra l’ascella di un ungherese arrabbiato e le scapole di uno svizzero alticcio. Altri semplicemente preferivano viaggiare vuoti. E i disordini continuarono per circa un’ora. Risultato: il pubblico svizzero ha raggiunto il centro di Colonia soprattutto con la forza delle gambe, attraverso l’interminabile Aachener Strasse, in quello che sembrava un secondo corteo improvvisato. Sicuramente un po’ meno organizzato e un po’ più allungato.

Sabato i tifosi svizzeri hanno completato in gran parte i 10.000 passi consigliati.

Sabato i tifosi svizzeri hanno completato in gran parte i 10.000 passi consigliati.

Totò Marti/Blick/freshfocus

Lo hanno fatto Finlandia e Slovacchia

Dopo il passaggio a 24 squadre per Euro, in genere una vittoria nella partita iniziale apre la strada agli ottavi di finale. Ma questo non rappresenta una garanzia completa. Nel 2021, Finlandia e Slovacchia hanno battuto rispettivamente Polonia e Danimarca nel turno di apertura. Prima di comparire tra i due terzi peggiori dei sei gironi e prendere la porta. La Svizzera è stata avvertita.

-

PREV Sfida della mobilità a Saint-Brieuc: più di un viaggio intorno al mondo
NEXT Il palco dell’orchestra, la stazione Saint-Pierre, il fortino: i residenti potranno reinventare questi luoghi a Brest