Duclos vuole che il Quebec utilizzi il ponte “diversamente”

-

Da quando giovedì il governo Legault si è impegnato nuovamente a costruire un terzo collegamento tra Quebec e Lévis, Ottawa ha suggerito che esiste una soluzione più semplice per rispondere ai timori del governo Legault di “sicurezza economica”.

I membri del governo Legault sono rimasti sorpresi dall’idea di Ottawa di abbassare l’impalcato del ponte del Quebec per consentire ai camion in caso di emergenza.
(Jocelyn Riendeau/Archivi, Le Soleil)

Per garantire la “ridondanza delle infrastrutture”, il Quebec basterebbe semplicemente abbassare l’impalcato del ponte del Quebec, la cui riparazione dovrà iniziare presto. Sarebbe quindi possibile far transitare lì veicoli pesanti in caso di emergenza, ad esempio se il ponte Pierre-Laporte dovesse essere chiuso.

Menzionata durante la conferenza stampa del governo che annunciava la rinascita del progetto autostradale, la soluzione federale sembra sorprendere François Legault e i suoi ministri. “Non so da dove il signor Duclos abbia preso questo”, ha ripetuto il Primo Ministro.

Durante una conferenza stampa a margine di un annuncio a Patro Laval, nel quartiere di Saint-Sauveur, il ministro Duclos ha assicurato di basarsi su studi per avanzare una proposta del genere, senza però poterli specificare.

Il ministro liberale ha affermato di aver tratto questa idea dalle discussioni con “esperti come Yvon Charest”, che avrebbero avuto accesso a determinati studi.

“Dopo aver lavorato per molti anni sul ponte del Quebec ed essere stati in contatto con esperti come Yvon Charest, abbiamo avuto accesso a informazioni che altri forse non avrebbero avuto così facilmente”, ha spiegato Jean-Yves Duclos.

Ha anche ricordato le conclusioni di un’analisi della capacità di carico del ponte del Quebec commissionata nel 2015, quando il governo Couillard voleva fornire un servizio di autobus rapidi (SRB) sul ponte del Quebec.

Frammenti dello studio, la maggior parte dei quali considerati riservati, furono segnalati all’epoca da Il Giornale del Québec. Si è concluso che il ponte secolare poteva sopportare tali carichi.

“Se mai il governo del Quebec avesse bisogno della collaborazione di Ottawa per riprendere i propri studi, […] Nessun problema.”

— Jean-Yves Duclos, ministro liberale e deputato federale del Quebec

Il rappresentante del governo Trudeau ritiene che sarebbe particolarmente rilevante analizzare l’abbassamento dell’impalcato del ponte ora che Ottawa ne è proprietaria.

Ora che il ponte del Quebec è sotto la responsabilità di Ottawa, Jean-Yves Duclos ritiene che sia possibile studiare modalità di utilizzo “diverso”, in particolare per i trasporti pesanti. (Archivio Il Sole)

In ogni caso, Ottawa non vuole prendere una decisione per il Quebec per quanto riguarda l’impalcato del ponte. “È responsabilità del governo del Quebec fare ciò che vuole con i suoi studi”, ha spesso ripetuto il ministro federale.

“Ma ora possiamo considerare l’utilizzo [le pont de Québec] diversamente”, ha osservato anche il ministro Duclos, sottolineando la sostenibilità e il piano di restauro promesso alla struttura ora che è sotto la responsabilità del governo federale.

“È legittimo che un migliore utilizzo del Ponte del Quebec sia stato un punto cieco negli ultimi anni”.

I camion sono già passati sul ponte, ricorda Grandmont

Presente all’annuncio, anche il deputato del Québec solidaire del collegio Taschereau, Étienne Grandmont, ha invitato con forza il governo Legault a rivolgersi al ponte del Quebec prima di investire miliardi in un terzo collegamento per la “sicurezza economica” della regione.

Soprattutto da quando alcuni decenni fa il ponte secolare consentiva il trasporto pesante e i camion erano vietati per ragioni di spazio e non di peso.

“Abbiamo vietato [le camionnage] nel 1992 perché al ponte è stata aggiunta una terza corsia di traffico, ha osservato il deputato favorevole. Il ponte del Quebec […] ha già una capacità portante significativa. Non è una questione di solidità, è una questione che scende davvero in campo, una questione di pianificazione”.

Il deputato di Taschereau, Étienne Grandmont, è il portavoce dei trasporti di Québec solidaire.

Il deputato di Taschereau, Étienne Grandmont, è il portavoce dei trasporti di Québec solidaire. (Jocelyn Riendeau/Archivi, Le Soleil)

L’eletto del centro del Québec è molto critico nei confronti del modo in cui il CAQ giustifica la sua nuova offensiva per un terzo collegamento tra il Québec e Lévis.

“Sono passati 32 anni [qu’il n’y a qu’un seul pont pour le camionnage] e il concetto di sicurezza economica non è mai stato menzionato, osserva. È molto simile a un argomento ‘ponte per milione’.”

Grandmont ritiene che si tratti più di “garantire i funzionari eletti dal CAQ in Quebec che di sicurezza economica”.

“Il terzo collegamento è una soluzione che cerca un problema da risolvere.”

— Étienne Grandmont, deputato della solidarietà di Taschereau

-

PREV A Neufchâteau, la Place de la Foire cambierà volto tra pochi mesi: tribune, fontana, verde e parcheggi ai lati
NEXT Le Boudoir de Léa, la sala da tè che vuole creare una nuova specialità dolce a Bordeaux