perché l’arrivo del Rally Nazionale a Matignon spaventa gli scienziati

perché l’arrivo del Rally Nazionale a Matignon spaventa gli scienziati
perché l’arrivo del Rally Nazionale a Matignon spaventa gli scienziati
-
ALAIN JOCARD/AFP Gli scienziati sono preoccupati per un possibile arrivo della Marina Militare a Matignon. (Foto: Marine Le Pen presenta una controproposta per un referendum sull’ecologia nel 2021)

ALAIN JOCARD/AFP

Gli scienziati temono per un possibile arrivo della Marina Militare a Matignon. (Foto: Marine Le Pen presenta una controproposta per un referendum sull’ecologia nel 2021)

AMBIENTE – “Per l’ecologia della gioia di vivere!” ». Questa frase, scritta nel programma della campagna del Raduno Nazionale per le elezioni presidenziali del 2022, riassume il progetto del partito di estrema destra in termini di ambiente: non cambiare di una virgola la vita quotidiana dei francesi per non metterli fretta. Una strategia di inazione che rende impossibile ridurre le nostre emissioni di gas serra e mantenere l’Accordo sul clima di Parigi.

Il risultato delle elezioni europee che hanno visto la RN molto avanti con il 31% dei voti, seguito dallo scioglimento dell’Assemblea con il rischio dell’arrivo del partito populista a Matignon, è stato uno shock per gli scienziati. Alcuni sono addirittura andati oltre il loro dovere di riservatezza, come il climatologo Jean Jouzel, riconosciuto a livello internazionale per il suo lavoro nell’ambito dell’IPCC, che è rattristato Il mondo : “ La RN non ha alcuna ambizione in termini di lotta al cambiamento climatico. È vuoto. “.

Il suo omologo, il climatologo Christophe Cassou, ha condiviso un comunicato stampa del Fronte Popolare su X, sostenendo: “E se le forze del progresso sociale e della protezione ambientale finalmente insieme (…) potessero fare a pezzi una pagina di storia dominata dall’inganno, dalla xenofobia e dalla disumanità? “. Da parte sua, la paleoclimatologa Valérie Masson-Delmotte critica, sempre sulle colonne di Mondo, Quello “ [le] il cambiamento climatico non scomparirà perché lo ignoriamo ».

Aurélien Boutaud, dottore in scienze della terra e dell’ambiente e autore di Dichiarare lo stato di emergenza climatica (Edizioni Rue de l’échquier), condividere la loro rabbia. Rispondere alle domande di HuffPostIL controUn ricercatore dell’Università di Lione spiega il pericolo che rappresenterebbe l’ascesa al potere di un partito che sta rallentando nell’attuazione delle principali politiche climatiche.

HuffPost: Possiamo dire che la Marina militare sia scettica sul clima?

Aurelien Boutaud: Storicamente il Fronte Nazionale, divenuto Raggruppamento Nazionale, non si è mai interessato all’ecologia. La grande maggioranza dei deputati della RN mette in prospettiva il problema climatico. Un RN eletto ha addirittura affermato che l’IPCC tende a farlo “esagerare il riscaldamento globale” (Nota del redattore: commento di Thomas Ménage, ex deputato della RN per Loiret, nell’agosto 2023, su France Inter). Quindi sì, c’è un persistente scetticismo climatico all’interno di questo partito di estrema destra.

Tuttavia, la RN si è recentemente occupata della questione climatica, perché?

Dal 2019-2020, a margine delle prime Marce per il Clima, l’ambiente è salito in cima alle preoccupazioni dei francesi. È diventato insostenibile per un partito, per quanto scettico sul clima, non presentare alcune proposte in materia.

La RN sostiene a “ecologia nazionale” E ” Locale “, cosa si nasconde dietro questa visione?

Un’ecologia francese non significa nulla. Le questioni climatiche sono una questione globale, il che significa che abbiamo bisogno di quadri e leggi su scala europea e globale. Altrimenti cadiamo nella logica opportunista nazionalista che consiste nel dire “Se questo Paese non si impegna a favore del clima, non lo faccio nemmeno io”.

Oltre a ciò, l’esempio di “localismo” è sintomatico dell’incompetenza della Marina militare sulle questioni climatiche. Mangiare locale è una buona cosa, ma il trasporto delle merci rappresenta solo una piccola parte dell’impronta di carbonio del cibo che mangiamo. Queste sono le fasi di produzione e lavorazione che emettono più CO2.

Per fare un esempio significativo, un chilo di carne prodotta vicino a voi ha un’impronta di carbonio molto più elevata di un chilo di cereali prodotti in Australia. Certo, dobbiamo delocalizzare, ma soprattutto dobbiamo ridurre la percentuale di proteine ​​animali nei nostri piatti. Ma evidenziare questa realtà scientifica ovviamente non sarebbe gradito agli elettori di RN. (Nota del redattore: per andare oltre, puoi consultare questo studio che mostra come ridurre il consumo di carne sia più efficace per il pianeta che mangiare 100% locale).

Proprio quando si tratta di ridurre il consumo di carne, di rallentare i viaggi in macchina o in aereo, o addirittura di usare meno pesticidi, la RN tira fuori l’argomento dell’“ecologia punitiva”. Perché questo slogan è pericoloso?

È l’atteggiamento politico attendista ad essere pericoloso. Per affrontare l’emergenza climatica, dobbiamo cambiare radicalmente il modo in cui funziona la società per allontanarci dai combustibili fossili. Dobbiamo agire sulla pianificazione del territorio, sull’isolamento delle abitazioni, sulla produzione agricola… È in gioco una rivoluzione nei nostri stili di vita per salvare il pianeta. Ma la RN soprattutto non vuole toccare la vita quotidiana dei francesi, con l’unico scopo di lusingare il suo elettorato.

In questo caso, la RN insiste anche sul fatto che sono i più poveri a essere vittime delle politiche climatiche…

Sì, la Marina Militare non accetta la realtà che la transizione ecologica richieda politiche di giustizia sociale. Dobbiamo aiutare le persone svantaggiate, che inquinano meno, a investire in un’auto elettrica e a isolare le loro case in modo che siano meno colpite dall’aumento dei prezzi dell’energia. Senza questa dimensione di solidarietà, la transizione non avrà luogo.

Anche la Marina Militare si affida principalmente alla tecnologia per ridurre le emissioni di gas serra. È fattibile a lungo termine?

Questo è quello che io chiamo “ conservatorismo tecnologico “. Per non cambiare gli stili di vita, la Marina Militare promette che la tecnologia ci salverà. Ad esempio, il partito populista sostiene che l’energia nucleare decarbonizzerà l’economia, senza bisogno di chiedere ai francesi di ridurre i propri consumi. Ma la sobrietà è essenziale per qualsiasi transizione energetica: dobbiamo dimezzare il nostro consumo energetico almeno entro il 2050. (Nota del redattore: per andare oltre, leggere il rapporto del manager energetico RTE sui futuri energetici nel 2050 che mostra l’importanza della sobrietà e di un mix energetico che integri le energie rinnovabili per raggiungere la neutralità del carbonio).

Crede che l’ascesa al potere della RN rifletta un calo di interesse dei francesi per le questioni ecologiche? Come rimobilitarsi su questo tema?

Quando lavoriamo su questi temi da decenni, ci rendiamo conto che l’interesse per l’ambiente funziona a ondate. Ecco, siamo in un momento di crisi, direi addirittura che abbiamo toccato il fondo, ma possiamo rialzarci grazie alla mobilitazione cittadina, scientifica e politica. Tutte le parti possono essere coinvolte e riportare l’ecologia al centro del loro programma. Tranne la Marina Militare. Il suo posizionamento sulle politiche climatiche e sociali non gli consente di portare avanti l’immensa lotta per salvare il pianeta.

Vedi anche su HuffPost :

La lettura di questo contenuto potrebbe comportare l’inserimento di cookie da parte dell’operatore terzo che lo ospita. Tenendo conto delle scelte che hai espresso riguardo al deposito dei cookie, abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto. Se desideri accedervi devi accettare la categoria di cookie “Contenuti di terze parti” cliccando sul pulsante sottostante.

Riproduci video

-

PREV Incontro con Michel Bach, maratoneta dal cuore grande nella Senna e Marna
NEXT Il Corriere del Sud | Fino a 30 piani vicino alle stazioni REM