Il Quebec investe 210 milioni di dollari per aiutare gli agricoltori

Il Quebec investe 210 milioni di dollari per aiutare gli agricoltori
Il Quebec investe 210 milioni di dollari per aiutare gli agricoltori
-

Dopo mesi di richieste di aiuti finanziari da parte del Quebec, giovedì gli agricoltori hanno ricevuto una boccata d’aria fresca dal governo Legault. Il Ministero dell’Agricoltura, della Pesca e dell’Alimentazione ha annunciato un sostegno di oltre 210 milioni di dollari, nonché sgravi per il settore agricolo.

• Leggi anche: “I produttori agricoli sono stati ascoltati”: accordo di principio concluso tra l’UPA e il Quebec

• Leggi anche: Un’azienda agricola su cinque non riesce a pagare i propri debiti: gli agricoltori gridano dal cuore

• Leggi anche: Il Quebec ostacola gli agricoltori invece di aiutarli, critica l’UPA

Di questa somma, 106 milioni di dollari saranno investiti per sostenere la lotta e l’adattamento al cambiamento climatico. In totale, 36,8 milioni di dollari finanzieranno un rapido allentamento normativo ambientale.

“L’adattamento a questa nuova realtà climatica consentirà ai produttori agricoli di limitare i propri impatti e preservare la propria produttività e competitività. Le misure che stiamo mettendo in atto permettono di adattare la supervisione e il sostegno al settore agricolo tenendo conto dell’evoluzione delle esigenze e degli imperativi ambientali”, ha dichiarato il ministro dell’Ambiente, Benoit Charrette, in un comunicato.

In un’intervista alla LCN, il ministro dell’Agricoltura, André Lamontagne, ha sostenuto che queste somme sono il risultato del lavoro intrapreso diversi mesi fa per “garantire di non lasciare indietro nessuno”.

“Abbiamo notato nell’ultimo anno che c’è ancora un numero significativo di imprese che si sono viste indebolite da rischi economici o meteorologici”, ha dichiarato.

Verranno inoltre aggiunti 30 milioni di dollari al Programma di investimenti per la crescita sostenibile, dando agli agricoltori l’accesso a oltre 220 milioni di dollari di liquidità.

Meno scartoffie

Dovrebbero inoltre essere apportati diversi sgravi finanziari per alleviare gli agricoltori, in particolare i membri della prossima generazione. L’obiettivo è ridurre gli oneri amministrativi per i produttori agricoli.

“Per tutti i giovani di età inferiore ai 40 anni, per un prestito fino a 500.000 dollari, limitiamo gli interessi che dovranno pagare al 4% per i prossimi due anni”, afferma André Lamontagne.

Anche il Quebec intende continuare a semplificare il carico normativo, sostiene il ministro.

Molte misure dovrebbero aggiungersi, entro la fine del 2024, alle 17 annunciate giovedì. Nove ministeri ci stanno lavorando attualmente, dice André Lamontagne.

“Si tratta davvero di un progetto che farà una differenza significativa nel contesto imprenditoriale dei nostri produttori”, afferma.

1,6 milioni di dollari per gli agricoltori di Abitibi-Témiscamingue

Il Quebec sta inoltre aggiungendo 1,6 milioni di dollari per limitare gli impatti della siccità “eccezionale” verificatasi ad Abitibi-Témiscamingue nel 2023.

“Gli agricoltori di Abitibi-Témiscamingue hanno subito le conseguenze di una disastrosa siccità nel 2023, in particolare per il fieno utilizzato per nutrire il bestiame. L’aiuto finanziario di 1,6 milioni di dollari che annunciamo oggi è essenziale per compensare adeguatamente questi produttori, al fine di garantire la sostenibilità delle attività agricole in questa regione importante per la sicurezza alimentare del Quebec, ha affermato il ministro responsabile della regione, Jean Boulet. in un comunicato stampa.

Reazione dell’UPA

L’Unione dei produttori agricoli (UPA) accoglie con favore l’annuncio del Quebec e il desiderio del governo di riconoscere l’importanza dei produttori agricoli per la società del Quebec. L’UPA lo considera anche “un passo avanti positivo alla luce delle numerose sfide economiche, climatiche, amministrative e normative” che gli agricoltori devono affrontare.

“Il lavoro non è finito, ma ci sono apertura e ottimismo”, ha detto in un comunicato stampa il presidente generale dell’UPA, Martin Caron.

-

NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France