Cold case: lanciata una nuova raccolta di testimoni per chiarire l’omicidio di Ginette Naime nel Var, 24 anni dopo

Cold case: lanciata una nuova raccolta di testimoni per chiarire l’omicidio di Ginette Naime nel Var, 24 anni dopo
Cold case: lanciata una nuova raccolta di testimoni per chiarire l’omicidio di Ginette Naime nel Var, 24 anni dopo
-

Il 13 aprile 2000, il corpo senza vita e accoltellato di Ginette Naime fu ritrovato su un sentiero a Ollioules, nel Var. Ventiquattro anni dopo, mentre l’autore dell’omicidio non è ancora stato identificato, l’unità Cold Case di Nanterre lancia una nuova richiesta di testimoni.

L’unità Crimini seriali o irrisolti del Tribunale di Nanterre ha lanciato mercoledì 12 giugno una terza raccolta di testimoni per cercare di risolvere l’omicidio di Ginette Naime, trovata morta su un sentiero del Gros Cerveau a Ollioules, nel Var, il 13 aprile , 2000.

“A tutt’oggi l’autore non è stato ancora identificato”ha indicato il pubblico ministero di Nanterre, Pascal Prache, in un video trasmesso sul sito del Ministero degli Interni.

Il corpo di Ginette Naime, 46 anni, è stato trovato dai vaganti, con ferite da taglio. Questi vaganti avevano già visto un individuo fuggire “alla loro vista mentre erano in viaggio verso Gros Cerveau a Ollioules”ha spiegato il pubblico ministero.

Quello che è successo ?

Secondo gli investigatori dell’Ufficio centrale per la repressione della violenza contro le persone (OCRVP), Ginette Naime si è recata al centro comunale di azione sociale di La Seyne-sur-Mer intorno alle 14:30 del giorno dei fatti.

“Un dipendente ha sentito una donna urlare e dal finestrino ha visto una donna a bordo di un veicolo, sul lato del passeggero, bussare al finestrino, poi l’auto si è allontanata”, spiega un investigatore dell’OCRVP nel video. Secondo gli investigatori, la vittima avrebbe poi effettuato due prelievi di denaro presso l’agenzia BNP di La Seyne-sur-Mer. “Un testimone nota la presenza di un uomo di fronte, che sembra osservare la vittima”secondo le indagini.

Il corpo di Ginette Naime è stato scoperto alle 15:35. “pugnalato più volte”. I testimoni hanno immediatamente allertato la polizia, fornendo informazioni sulla persona che avevano visto fuggire a bordo di un’auto. “Abbiamo bisogno delle vostre testimonianze per identificare l’autore di questo omicidio”ha lanciato uno degli investigatori nel video.

Nuove testimonianze per far avanzare le indagini

Una prima inchiesta giudiziaria per omicidio è stata aperta a Tolone tra il 2000 e il 2008, poi una seconda tra il 2016 e il 2020: l’unità dei casi freddi si sta occupando del caso dall’estate del 2022, ha indicato anche Pascal Prache.

Ad aprile, il Centro ha lanciato questo formato di chiamate per testimoni online, che si ispira ai codici dei notiziari.

“Questa nuova raccolta di testimoni mira a raccogliere nuove testimonianze su queste sparizioni da parte del grande pubblico, per far avanzare le indagini”sottolinea la procura di Nanterre in un comunicato stampa.

-

PREV “Niente ci permette di essere identificati”: i commercianti del porto di Garavan sono preoccupati per l’imminente apertura del prolungamento della spianata delle Sablettes a Mentone
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France