Yonne: gli studenti dell’Icaunais presto al lavoro per le vacanze estive

Yonne: gli studenti dell’Icaunais presto al lavoro per le vacanze estive
Yonne: gli studenti dell’Icaunais presto al lavoro per le vacanze estive
-

Alcune settimane prima dell’inizio del vacanze estive, Gli studenti icaunesi si preparano a lavorare. Per guadagnare soldi o per passare il tempo, i profili degli studenti sono molto diversi.

Profili molto diversi

Per due anni, Jean, studente di comunicazione, va in Corsica per lavorare in restauroun settore che sta reclutando: “Per soddisfare le mie esigenze. Ma mi piacerebbe fare anche altre attività, comprare cose secondarie. Io mi dico che il riposo viene dopo, per il momento ho altre priorità“.

Paul ha 20 anni, è uno studente di ingegneria civile e passa le giornate in biblioteca a ripassare. Da due anni cerca un lavoro estivo ma non ne trova uno. : “Gli altri riescono a trovarli. Non so come lo facciano, ma non riesco a capirlo. Nessuno mi risponde. In genere riesco a lavorare, ma non in estate. È un po’ più difficile da trovare perché ci sono più persone che vogliono lavorare“.

Altri stanno muovendo i primi passi nel mondo del lavoro come Jean, 18 e otto anni, studente in tecniche di marketing: “Lavorerò allo spazio culturale Sens. È stata una fortuna, l’occasione si è presentata e così ho colto al volo l’occasione. Perché sì, è una cosa in sé che mi piace. Siamo nei libri. Ma ci sono anche i miei genitori che mi hanno chiesto di lavorare perché sicuramente crea più opportunità nel curriculum.“.

Guadagnare i propri soldi, una soddisfazione

Louise ha iniziato nel restauro : “Mi sono un po’ stancato del servizio. Gli orari, è ancora complicato finire molto tardi, non avere i tuoi fine settimana. Anche quando sei giovane, è complicatoMa la giovane ne tiene uno grande ricordo : “Avevo un ottimo team di camerieri, potevo parlare con molti stranieri quindi c’erano più altre lingue dato che avevano anche molte altre nazionalità e qualche altra usanza. In effetti, vediamo direttamente“.

Sono stati i suoi genitori a spingerlo ad accettare un lavoro estivo : “Mio padre conosceva il titolare del ristorante e ha appoggiato un po’ la mia candidatura. I miei genitori sapevano molto bene che non potevano provvedere a me come studentessa da sola, sapendo che ho fratelli e sorelle.“.

Guadagnare i propri soldi è soddisfacente per lo studente : “Dire a te stesso la mattina che ti alzerai o che alla fine del mese avrai uno stipendio per quello che meriti e che non hai fatto questo per niente. Ti alzi subito dopo aver passato la giornata lavorando, dici che sei utile a qualcosa ed è sì, è glorificanteQuest’anno, per facilitarle le cose, Louise si è iscritta ad un’agenzia di lavoro interinale. Un modo per trovare lavoro più facilmente.

-

PREV Marocco-Madagascar: una tabella di marcia per un partenariato dinamico
NEXT Oltre il 90% delle acque di balneazione rispetta gli standard di qualità