Maggioranza digitale a 16 | I social network sono “spacciatori virtuali”, afferma Legault

-

(Saint-Hyacinthe) Dopo aver ridicolizzato l’idea, il primo ministro François Legault si dice “aperto” a vietare l’accesso ai social network ai minori di 16 anni, pur sottolineando che ci sono “pro” e “contro”. Per lui una cosa è certa: TikTok e gli altri Instagram, «è un po’ come se lo fossero spacciatori “servizi virtuali” che rendono dipendenti i giovani e nuocciono alla loro salute mentale.


Inserito alle 10:11

Sabato, al suo arrivo al consiglio generale della Coalizione Avenir Québec (CAQ) a Saint-Hyacinthe, anche François Legault è tornato alla carica sul tema dell’immigrazione per fare pressione su Ottawa affinché “riduca notevolmente” il numero dei migranti temporanei immigrati, che attualmente ammonta a 560.000 in Quebec. Invita gli abitanti del Quebec a rendersi conto che esiste una “emergenza” e che dobbiamo “esercitare una reale pressione sul governo federale affinché agisca rapidamente”. Vuole che la questione sia al centro delle prossime elezioni federali.

Venerdì, La stampa ha pubblicato un sondaggio SOM da cui risulta che sette cittadini del Quebec su dieci sostengono la creazione di una maggioranza digitale a 16 anni per aprire un account su TikTok, Instagram e altri social network. L’entourage del primo ministro ha analizzato i risultati di questo sondaggio.

All’inizio del mese, François Legault ha respinto l’idea di una maggioranza numerica suggerita dal leader del PQ Paul St-Pierre Plamondon. “Va bene, ho appena sentito il leader del PQ dirci: “Dovremmo vietare i social media ai bambini sotto i 14 anni?” E’ quello che ha appena detto? Ho sentito bene? È questo il suo suggerimento? “, lui ha risposto.

Adesso apre le porte alla maggioranza digitale a 16 anni per aprire un account sui social network come propone l’ala giovanile del suo partito. Questa proposta sarà discussa nel consiglio generale del CAQ.

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO SARAH MONGEAU-BIRKETT, ARCHIVIO LA PRESSE

François Legault crede “totalmente” che i social network siano prodotti che creano dipendenza, allo stesso modo dell’alcol e della cannabis.

“Sono aperto”, ha detto François Legault. “Avremo dei dibattiti. Ci sono i pro, ci sono i contro”, ha detto.

Alla domanda sulla fattibilità di questa misura, ha risposto che “se prendiamo questa decisione, vedremo come possiamo effettivamente farlo legalmente”.

Crede “totalmente” che i social network siano prodotti che creano dipendenza allo stesso modo dell’alcol e della cannabis, come pensa il presidente dell’ala giovanile del suo partito.

Il modo in cui funzionano i social media è creare dipendenza dai lettori. Quindi è un po’ come se lo fossero spacciatori virtuali, come farmaci e altre sostanze. È preoccupante, mi spaventa. Ciò crea notevoli problemi di salute mentale per i giovani. Sì, sono disponibile a intraprendere azioni importanti per i social network.

François Legault

Il 30 giugno, François Legault incontrerà il suo omologo Justin Trudeau sul tema dell’immigrazione temporanea, la cui portata, a suo avviso, avrà un impatto significativo sui servizi pubblici e sui francesi. Al momento le trattative tra i due governi non procedono. “Spero sempre che durante l’incontro avremo forse qualche buona notizia, ma per il momento quello che ci viene detto è che ci sono dei comitati in fase di creazione, ma che non si muovono”, ha detto Legault.

Invita i cittadini del Quebec a tener conto di questo problema in vista delle prossime elezioni federali, rimettendo in discussione l’idea da lui menzionata di indire un referendum settoriale sul trasferimento dei pieni poteri in materia di immigrazione al Quebec. “Anche avendo un referendum settoriale, sappiamo già che ci sono il 65% dei quebecchesi che sarebbero d’accordo a trasferire i poteri. Ma se guardiamo alle ultime elezioni federali, questo non è stato il problema principale. Ciò che spero nelle prossime settimane e nei prossimi mesi è che questo diventi una questione importante. »

Secondo lui, “il Quebec deve capire che se vogliamo migliorare i nostri servizi educativi e sanitari, se vogliamo mettere a disposizione alloggi, dobbiamo ridurre significativamente il numero di 560.000 immigrati temporanei”.

-

PREV Bromont avvia una revisione dei suoi servizi comunali
NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey