Christiane Germain ha pagato 173.000 dollari per presiedere il consiglio d’amministrazione di Santé Québec

Christiane Germain ha pagato 173.000 dollari per presiedere il consiglio d’amministrazione di Santé Québec
Christiane Germain ha pagato 173.000 dollari per presiedere il consiglio d’amministrazione di Santé Québec
-

Mercoledì, il Consiglio dei Ministri del Quebec ha ratificato le nomine di 13 membri del nuovo consiglio di amministrazione di Santé Québec, tra cui quella della Sig.ra Germain alla carica di presidente.

Il Consiglio dei ministri ha inoltre modificato un decreto governativo del marzo 2023 relativo alla remunerazione e al rimborso spese dei membri dei consigli di amministrazione di alcune società statali.

“Ai sensi del suo decreto di nomina del 22 maggio 2024 e delle modifiche apportate il 22 maggio 2024 al decreto 221-2023, la signora Christiane Germain riceve un compenso annuo di 173.000 dollari per esercitare la funzione di membro indipendente e presidente del consiglio di amministrazione dei direttori della Santé Québec”, ha rivelato a Solegiovedì sera, il team di relazioni con i media del Ministero del Consiglio Esecutivo (MCE) e del Secrétariat du Conseil du trésor (SCT).

Il Consiglio Esecutivo è, in un certo senso, il ministero del Primo Ministro François Legault. Il Consiglio del Tesoro decide gli stipendi dell’intero servizio pubblico.

Alla sua creazione, alla fine del 2023, Santé Québec è stata classificata tra le società statali di livello 1, presso l’Autorità dei Mercati Finanziari, la Caisse de dépôt et placement du Québec, Hydro-Québec, Investissement Québec, le Sociétés des alcools of Quebec e la Quebec Lottery Corporation (Loto-Québec).

$ 21.200 per gli altri

Secondo il decreto 221-2023 dell’8 marzo 2023, la persona che presiede il consiglio di amministrazione di una società statale di livello 1 riceve una remunerazione annua di 42.400 dollari, mentre gli altri membri del consiglio ne ricevono la metà, 21.200 dollari.

Possono essere aggiunti anche bonus di 8.400 o 5.600 dollari per coloro che agiscono in un sottocomitato del consiglio di amministrazione in questione.

Quest’ultima informazione resta esatta all’interno di Santé Québec, secondo la comunicazione ricevuta dal MCE-SCT.

“I membri del consiglio di amministrazione della Santé Québec ricevono una remunerazione consistente in un importo annuo di 21.200 dollari al quale si aggiunge, se del caso, un importo annuo supplementare di 5.600 dollari per agire in qualità di membro o di 8.400 dollari per agire in qualità di presidente di un comitato della consiglio di amministrazione”, si legge nella mail.

Tra gli altri membri del consiglio d’amministrazione della Santé Québec figurano, oltre ad altre personalità conosciute per le loro apparizioni sui media, l’ex presidente della commissione speciale sui diritti dell’infanzia ed ex sindacalista Régine Laurent, il farmacista ed ex deputato del PQ Diane Lamarre, così come il dottor Stanley Volant e il dottor David Lussier.

Meno di Idro

D’altro canto, l’importo del compenso del presidente è stato rivisto in modo significativo al rialzo e moltiplicato per quattro.

Ad esempio, secondo un decreto del maggio 2023, la presidente del consiglio di amministrazione di Hydro-Québec, Manon Brouillette, riceve un reddito di 195.000 dollari per realizzare questo compito.

Alla guida del gruppo alberghiero Germain per 35 anni, la signora Germain ha fatto parte del gruppo di persone che hanno fondato nel 2011 la Coalizione Avenir Québec attorno a François Legault.

La presidente e amministratore delegato di Santé Québec, Geneviève Biron, che è anche membro del consiglio di amministrazione, riceverà una paga di 652.050 dollari all’anno per i primi due anni del suo contratto triennale, poi 567.000 dollari all’anno per il terzo.

Da notare che la signora Biron era membro del consiglio d’amministrazione di Hydro-Québec, ma ha dovuto dimettersi dopo la sua nomina a capo di Santé Québec.

-

PREV Abolizione del sistema delle licenze dei taxi | Il Quebec condannato a pagare 219 milioni
NEXT Gli Oilers costringono a disputare una partita finale