Yvelines: due collegi uniti contro “lo scontro dei saperi”

Yvelines: due collegi uniti contro “lo scontro dei saperi”
Yvelines: due collegi uniti contro “lo scontro dei saperi”
-

Di

Massimo Pimont

pubblicato su

23 maggio 2024 alle 15:58

Vedi le mie notizie
Segui 78-

È un’immagine che vediamo regolarmente ultimamente davanti alle scuole, in tutta la Francia. Gli insegnanti e i genitori degli studenti dei collegi Guy-de-Maupassant e Lamartine, a Houilles (Yvelines), hanno manifesto questo mercoledì 22 maggio 2024 davanti ai rispettivi stabilimenti.

La loro rabbia si è concentrata sulla cosiddetta riforma dello “shock della conoscenza”, avviata da Gabriel Attal, mentre era ancora ministro dell’Istruzione nazionale e della gioventù, alla fine del 2023. Uno dei suoi fondamenti si riflette nella creazione di gruppi di livello nel 6e e 5eda settembre 2024, poi in 4e e 3e all’inizio dell’anno scolastico 2025-2026.


Insegnare “in pericolo”

“Ci viene chiesto di formare gruppi di livello senza investire risorse aggiuntive, avverte questo professore di lettere classiche, membro del sindacato SNES (Unione nazionale dell’istruzione secondaria). Dobbiamo adattare la politica nazionale preservando il nostro margine di manovra. »

“Tutto ciò che abbiamo messo in atto da diversi anni nei nostri stabilimenti sarà in pericolo l’anno prossimo e sarà completamente completato entro due anni. »

Professore di studi classici, affiliato all’Unione nazionale dell’istruzione secondaria (SNES)

Verso la rimozione delle opzioni e del supporto personalizzato

Concretamente, per il Maupassant College, diverse opzioni sono in pericolo: Cultura latina, greca, portoghese o anche europea.

” IL duplicazioni permettendoti di avere gruppi più piccoli [l’accompagnement personnalisé, N.D.L.R.] sarà completata anche più di un’ora», aggiunge il professore, che sottolinea incidentalmente che la sua università avrà due classi in più all’inizio dell’anno scolastico. Il numero aumenterà da 810 a quasi 870 studenti. A Lamartine ci sono quest’anno 650 studenti.

Al movimento intersindacale hanno aderito anche le federazioni madri FCPE e PEE. ” Vogliamo informare i genitori che non necessariamente ne sono consapevoli”, commenta Sabrina Caffin, rappresentante della FCPE.

“Smisteremo gli studenti”

“Vogliamo anche – prosegue – mettere in guardia sull’ conseguenze collaterali. Tutti i livelli saranno interessati e ci saranno orari estesi, con intervalli di una o due ore. » Senza contare che l’anno prossimo bisognerà comunque ridurre le ore di insegnamento.

Video: attualmente su -

“Distribuiremo gli studenti in deboli, intermedi e avanzati. È la fine della diversità che rende ricco il nostro college. Anche il gruppo avanzato deve frequentare classi in cui possono essere studenti risorsa. Al contrario, dire agli alunni di 6a elementare: “siete studenti deboli e rimarrete tali…” Il determinismo e le pari opportunità non funzionano più. »

Un professore di studi classici, sindacalizzato alla SNES

Su questo punto il governo assicura che gli studenti potranno spostarsi da un gruppo all’altro. “Non sarà possibile”, dice Sabrine Caffin. Se ce n’è uno che sale, deve essercene uno che scende, altrimenti va bene classi sovraffollate, e questo non è sostenibile per l’insegnante e per la configurazione della classe. »

Genitori preoccupati

I genitori degli studenti interessati sono preoccupati. Questo è ad esempio il caso di Carine Marie, di Peep, il cui figlio va a scuola in 5e e un altro entrerà in 6e nel mese di settembre. “Arriverà un college destabilizzato attraverso la riforma, in gruppi di livello che rimarranno fissi. Non c’è modo di attuare la riforma e quindi nessuna possibilità di mettere tutti gli insegnanti contemporaneamente negli stessi posti. »

“I nostri figli dovranno lavorare dalle 8 alle 18 ore, più di noi quando lavoriamo. »

Carine Marie, di Peep, il cui bambino entrerà in prima media a settembre 2024

La manifestazione di questo mercoledì 22 maggio 2024 è stata sostenuta da gran parte del corpo docente dei due college di Oville (circa 80 insegnanti in totale). “Ci stiamo pensando continuare le nostre azioni questioni legali al consiglio di amministrazione. »

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey