Nessun aumento demografico sulla North Shore

-

Secondo il Quebec Statistics Institute, la North Shore è l’unica regione del Quebec a non aver osservato un aumento demografico nel 2023.

0,0%. Questo è il tasso di crescita annuale della popolazione sulla North Shore tra il 2022 e il 2023, indica ilISQ nella sua relazione pubblicata mercoledì.

Questo risultato si spiega in particolare con la migrazione dei Nord-Côtiers verso altre regioni amministrative del Quebec e con il basso numero di residenti provenienti da altre parti del Quebec che si stabiliscono nella regione.

Rispetto alle regioni Gaspésie-Îles-de-la-Madeleine e Bas-St-Laurent, che da diversi anni attirano più residenti da altre regioni della provincia, gli scambi migratori continuano a causare perdite significative di popolazione per la North Shore, secondo il demografo delISQMartine St-Amour.

La North Shore è in deficit da diversi anni nei suoi scambi migratori interni. […] cosa che non è il caso di Bas-Saint-Laurent o Gaspésie-Îles-de-la-Madeleine, dove si è verificata un’inversione di tendenza.

Una citazione da Martine St-Amour, demografa dell’Istituto di statistica del Quebec

Crescita della popolazione (2022-2023)

Regione Valutare
Montreal 4,3%
Tutto il Quebec 2,3%
Bas-St-Laurent 1%
Gaspésie-Îles-de-la-Madeline 0,3%
costa nord 0%

Fonte: Istituto di statistica del Quebec

Più morti che nascite nel Quebec orientale

Sia la North Shore, Bas-St-Laurent che Gaspésie-Îles-de-la-Madeleine si ritrovano con un incremento naturale negativocioè un numero di morti che supera il numero di nascite, spiega il demografo.

Sebbene questa situazione sia osservata da molto tempo nel resto del Quebec orientale, a causa dell’invecchiamento della popolazione, è stata osservata solo negli ultimi quattro anni sulla North Shore.

In precedenza, la North Shore si distingueva per il suo tasso di fertilità superiore alla media. Non è più così, almeno non nell’ultimo annorisponde Martine St-Amour.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

La migrazione interregionale, l’invecchiamento della popolazione e la diminuzione del numero delle nascite sono alcuni dei fattori che spiegano il mancato aumento della popolazione sulla North Shore. (Foto d’archivio)

Foto: Radio-Canada

Anche il Quebec orientale registra un anno documentazione per quanto riguarda i guadagni migratori, secondoISQ.

Inoltre, l’immigrazione internazionale è stata la vero motore della crescita della popolazione della provincia nell’ultimo anno, secondo l’organizzazione.

Tuttavia, secondo Martine St-Amour, questi guadagni migratori, derivanti dall’immigrazione internazionale, sono molto inferiori sulla North Shore che altrove in Quebec e non si traducono in un reale aumento della popolazione.

Inoltre, questa immigrazione internazionale è composta da % di lavoratori temporanei”,”text”:”90% di lavoratori temporanei”}}”>Il 90% dei lavoratori temporaneistima la responsabile del servizio immigrati di Alpha Lira, Hélène Lejeune.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Lo scorso marzo il centro Alpha Lira ha ricevuto 375.000 dollari dal Quebec per promuovere l’integrazione dei nuovi arrivati ​​nella North Shore. (Foto d’archivio)

Foto: Radio-Canada / Paul Fontaine

Secondo la signora Lejeune, sono soprattutto i settori della ristorazione, alberghiero e alimentare a beneficiare maggiormente di questo arrivo di lavoratori temporanei. Molti di loro lavorano anche come saldatori, idraulici e operatori di attrezzature pesanti.

Il centro Alpha Lira, che offre servizi di supporto ai nuovi arrivati ​​nella North Shore, ora aiuta 10 volte più nuovi arrivati ​​rispetto a 5 anni fa.

Cinque anni fa ci eravamo posti l’obiettivo di aiutare 15 immigrati all’anno. Eccoci a 150 […] e questi sono quelli che vediamo.

Una citazione da Hélène Lejeune, responsabile dei servizi per gli immigrati del centro Alpha Lira

Ottenere un alloggio è diventato un segno della crisi immobiliare che sta colpendo duramente la regione problematico per i nuovi arrivati, si rammarica il direttore.

Lo stesso vale per i posti negli asili nido e nelle scuole, che rappresentano anche una grande sfida per le comunità provenienti dall’immigrazione internazionale, giudica Hélène Lejeune.

Con informazioni di Renaud Chicoine-McKenzie

-

PREV Payerne: I pasti ginevrini per gli scolari della regione sono fastidiosi
NEXT Fine settimana: attenzione a questo inconveniente