Neuvic: il progetto del terzo posto richiede tempo ma noi diamo vita alla grande idea

Neuvic: il progetto del terzo posto richiede tempo ma noi diamo vita alla grande idea
Neuvic: il progetto del terzo posto richiede tempo ma noi diamo vita alla grande idea
-

I leader di un progetto terzo posto, a Neuvic, stanno dando vita all’idea. Stanno aspettando, come il comune, le conclusioni di un responsabile del progetto riguardo al costo finanziario, all’investimento e al funzionamento di questa grande idea.

L’auspicato progetto del terzo posto a Neuvic procede a rilento. Nel frattempo, però, alcuni partner del progetto non stanno a guardare e perfezionano le loro idee. È così che Eble Teyssendier, che sta conducendo un progetto di laboratorio condiviso all’interno del futuro terzo posto, ha recentemente invitato Samuel le Berre. Il ragazzo è un ingegnere termico, specialista in autonomia energetica e ha creato la società Aezéo.
Neuvicois Eble Teyssendier, idraulico e termotecnico qualificato, si prepara a diventare un esperto di autonomia energetica. Attualmente si sta formando in tutte le tecniche e i suggerimenti con la società Aezéo e prevede di creare formazione nei suoi laboratori condivisi in futuro. Così, tutti i Corrézien (e non solo ovviamente) che vorranno intraprendere il percorso verso l’autosufficienza energetica potranno venire a Neuvic per allenarsi con Eble. Perché è convinto, di essere autosufficiente energeticamente per la sua casa, la sua abitazione, c’è chi lo sogna.
“Ciò vale sia per la parte termica che per quella elettrica, ma anche per la gestione delle acque piovane”, sostiene il giovane Corrézien. Naturalmente, questa formazione sarà aperta sia ai professionisti che ai privati”.

Consenso attorno ad un progetto bello e difficile

Futuri laboratori condivisi potrebbero essere allestiti nella parte posteriore del sito. Un edificio di 400 mq da ripensare: «Penso che potrebbero ospitare anche lavoratori autonomi per la lavorazione del legno o dei metalli, ad esempio. »
Resta il fatto che questi sviluppi sono possibili, soprattutto dal punto di vista finanziario, solo nell’ambito di una ristrutturazione completa del sito. E se c’è una sorta di consenso (probabilmente con poche eccezioni) intorno al progetto del terzo posto e al suo interesse – questo vale per il comune di Neuvic e la comunità dell’Haute-Corrèze – la sua realizzazione è lenta. Il progetto ora risale al 2021-2022.

Un terzo posto previsto in una parte dismessa del liceo Barbancey

Nel marzo 2022, La montagna faceva già eco a questo bellissimo progetto. A partire dal 2022, i Restos du Cœur avrebbero dovuto investire una piccola parte dei locali e il sindaco, Dominique Miremont, sperava che i lavori iniziassero “già nel 2023”.
“È vero che è lungo”, riconosce oggi Dominique Miermont. Ma più progredivamo nel progetto, più diventava evidente la complessità del suo funzionamento”. E infatti dobbiamo immaginare una modalità di governo di questo luogo, chiamato ad ospitare attività economiche, artistiche, associative e sociali: una casa per gli educatori, il centro risorse Éco-Triouzoune, laboratori condivisi, spazi per i giovani tra cui uno spazio per la formazione di orientamento, un bar associativo, sale prove per il teatro, per una compagnia di burattini, spazi per la creazione artistica, ecc.

Ricevi la nostra newsletter ecologica via e-mail e trova le ultime notizie dagli attori economici della tua regione.

“Dobbiamo vedere come possiamo essere coinvolti. »

“Con questo tipo di progetti, è meglio prendersi il proprio tempo”, afferma Dominique Miermont. Studiare le esigenze di ciascun capo progetto ci permetterà di evitare di commettere errori, vedere come può funzionare e poi c’è l’aspetto finanziario. »
Attualmente, un project manager è stato incaricato di uno studio completo del progetto: costi finanziari, investimento e funzionamento, ristrutturazione dei 1.600 m² di locali, isolamento termico, ecc. “Aspettiamo con impazienza queste conclusioni”, ha detto il sindaco.
Anche i leader di progetto come Eble Teyssendier o Franck Coridon, responsabili delle azioni nell’ambito del marchio Small Town of Tomorrow, sono impazienti. «Potremo contare sulle sovvenzioni», spiega Dominique Miermont, «ma dobbiamo anche vedere come possiamo intervenire finanziariamente. Probabilmente ciò avverrà nell’arco di diversi anni. Questo deve essere definito prima di iniziare. »

Arnaud Besnard

-

PREV Votazioni cantonali: i partiti si uniscono contro l’iniziativa H24
NEXT Nell’Aude, i viaggiatori occupano terreni comunali, la città ha presentato una denuncia