Mobilitazione in Nuova Scozia per ripristinare la legge sulla protezione delle coste

Mobilitazione in Nuova Scozia per ripristinare la legge sulla protezione delle coste
Mobilitazione in Nuova Scozia per ripristinare la legge sulla protezione delle coste
-

Esperti e cittadini della Nuova Scozia continuano a mobilitarsi per denunciare l’abbandono della legge sulla protezione delle coste.

Quasi 300 persone hanno manifestato mercoledì davanti al palazzo dell’Assemblea Legislativa nel centro di Halifax.

Cinque anni fa tutti i partiti sostenevano l’attuazione della legge sulla protezione delle coste, ma alla fine di febbraio il ministro dell’Ambiente ha abbandonato l’idea.

Tutti e tre i partiti politici avevano approvato questa legge. Il governo non ha motivo di non proclamare la leggedenuncia il deputato liberale di Clare, Ronnie Leblanc.

Essendo stato consigliere comunale, so che i comuni non ne hanno le capacità e che per creare divisioni servirebbe una legge uniforme in tutta la provincia.

I manifestanti vogliono regole chiare e uniformi

Coloro che vogliono che la legge venga proclamata credono che offrirebbe una maggiore protezione alle zone costiere, alle dune e alle paludi, oltre a limitare lo sviluppo immobiliare lungo le coste esposte a un notevole rischio di erosione, soprattutto con i cambiamenti climatici.

Il direttore dei programmi dell’Ecological Action Center di Halifax ritiene che molte persone nella provincia siano davvero preoccupate per l’abolizione della legge sulla protezione delle coste.

Quasi 300 manifestanti hanno espresso il loro malcontento mercoledì ad Halifax. Foto: per gentile concessione di: Peter Brass

Siamo in una crisi climaticaricorda Marla Macleod. In una crisi, abbiamo bisogno di regole chiare per proteggere noi stessi e i nostri ecosistemi. Ci sono 49 comuni in Nuova Scozia e potrebbero esserci 49 differenze nei sistemi di regole.

Lei crede che il governo conservatore progressista abbia semplicemente l’approccio sbagliato.

Il governo lo immaginava come un problema individuale, ma è un problema collettivoassicura Marla Macleod. Quando qualcuno fa qualcosa vicino alla costa, ciò ha effetti su tutti i vicini.

Il governo si difende

Invece di legiferare, il governo della Nuova Scozia ha rilasciato uno strumento di mappatura online che mostra lo scenario peggiore per le proprietà costiere nel 2100, sulla base delle attuali proiezioni del livello del mare.

Come gli abitanti della Nuova Scozia, il governo concorda sul fatto che le nostre coste debbano essere protette e si sta attivando in tal sensoassicura il ministro Tim Halman in una e-mail di risposta riguardo alla mobilitazione dei cittadini.

Il lavoro sul Piano d’azione per la protezione costiera sta procedendo come parte di una partnership tra i funzionari municipali e la provincia….]Gli abitanti della Nuova Scozia possono stare certi che stiamo prendendo provvedimenti per proteggere meglio le nostre comunità costiere.

-

PREV Berna nega qualsiasi rappresentanza ufficiale del Polisario
NEXT Derubati due siti minerari nel settore Paul Isnard: rubati oro e almeno un veicolo