Lo Stade Montois si offre un premio di consolazione

-

Stadio Montois (R1) 3 – ES Montoise (R3) 1

Luogo : Mont-de-Marsan (stadio André-et-Guy-Boniface). Arbitro : Signor Barrouillet. Metà tempo : 1-1. Spettatori : 2000 circa.
Obiettivi : Tauzia (38°, 63°), Moenza (50°) per lo Stade Montois; Garcia Lopez (7°) per ES Montoise.
STADIO MONTOIS Sanchez – Briatore, Schembri, Soubieille, Tulo Almeida, Maisonneuve, Camara, Houin, Chaïbi, Lavarlaz, Lacouture. Entrati in gioco: Tauzia, Bréthous, Moenza.
ES MONTOISEMarcon – Leite, Viel, Teixeira,…

Stadio Montois (R1) 3 – ES Montoise (R3) 1

Luogo : Mont-de-Marsan (stadio André-et-Guy-Boniface). Arbitro : Signor Barrouillet. Metà tempo : 1-1. Spettatori : 2000 circa.
Obiettivi : Tauzia (38°, 63°), Moenza (50°) per lo Stade Montois; Garcia Lopez (7°) per ES Montoise.
STADIO MONTOIS Sanchez – Briatore, Schembri, Soubieille, Tulo Almeida, Maisonneuve, Camara, Houin, Chaïbi, Lavarlaz, Lacouture. Entrati in gioco: Tauzia, Bréthous, Moenza.
ES MONTOISE Marcon – Leite, Viel, Teixeira, Guichard, Tabardel, Fagegaltier, Kerrouche, Touzet, Garcia Lopez, Arriubergé. Entrati in gioco: Camara, El Kassaoui, Velay.

Non avranno perso tutto. Vincendo la Coupe des Landes, lo Stade Montois ha salvato una piccola parte della sua triste stagione giovedì sera, sul campo del Boniface. Questo trofeo che gli uomini di Fabien Labarbe non riportavano all’Argenté dal 2012 non cancellerà le cicatrici di una discesa in R2. Un livello che l’Étoile Sportive Montoise sogna di raggiungere.

Lucas Arriubergé e i suoi amici potranno ora dedicarsi completamente a questo. E magari ritrovare il vicino giallonero tra qualche mese. I giocatori dell’Étoile hanno potuto vedere quanta distanza devono ancora percorrere per competere con una squadra tecnicamente e tatticamente superiore. Montois che furono però colti di sorpresa da Stellisti diabolicamente opportunisti. Hanno infatti aperto i conti nella loro prima vera incursione in campo giallonero. Thibault Garcia Lopez (7°) ha mandato un calcio di punizione dalla sinistra fuori dalla portata di Hugo Sanchez.


La gioia dei Montois, che non vincevano il trofeo dal 2012.

Philippe Salvat/ “SO”

Scherzo del destino

Ben piazzati, gli abitanti dell’R3 hanno controllato senza soluzione gli attacchi un po’ disorganizzati di un undici giallonero. I due gol di David Lacouture (25°) e Nicolas Tulo Almeida (28°) non hanno centrato l’obiettivo. Gli uomini di Fabien Labarbe, però, sono tornati in partita approfittando di un disaccordo nella difesa dello Stella. Kévin Tauzia (38esimo), in agguato, si è affrettato a ingannare il portiere stellista.


Dopo aver aperto il punteggio, gli Stellistes (in bianco) hanno subito la legge del dominio giallonero.

Philippe Salvat/ “SO”

Uno scherzo del destino di cui i giocatori dell’Étoile Sportive Montoise si rammaricano ancora di più poiché, all’inizio del secondo tempo, Brandon Moenza (50esimo) ha fatto tremare ancora una volta la rete di Thomas Marcon. La partita ha cambiato aspetto. Lo Stade Montois, ormai sulla buona strada, si ripara definitivamente su un cross di Minka Camara dalla destra, preso in acrobazia sul secondo palo dall’ispirato Kévin Tauzia (63esimo). La causa sembrava quindi compresa anche se Nankai Camara (71esimo) ha costretto Hugo Sanchez a lavorare. L’ultima occasione per ridurre il punteggio e offrire al numeroso pubblico una conclusione emozionante della partita. Non è stato così. La gerarchia è finalmente rispettata.

Reazioni

Fabien Labarbe (allenatore dello Stade Montois) : “Siamo ovviamente contenti, per la società, i dirigenti, i volontari. Successivamente l’obiettivo principale della stagione era restare in R1, obiettivo non raggiunto. Abbiamo una buona opposizione da parte dell’Étoile Montoise, alla quale auguro l’accesso alla R2 la prossima stagione. Sono molto orgoglioso dei giocatori, non ci siamo fatti prendere dal panico, siamo rimasti lucidi. Spero che il calcio delle Landes capisca che se vogliamo lavorare, dobbiamo lavorare insieme e non lavorare gli uni contro gli altri. E’ l’unico modo per arrivarci. »
Filipe Ropp (allenatore dell’ES Montoise) : “Ci siamo scontrati con un avversario superiore, ci sono mancate energie e più lucidità. La gerarchia è stata rispettata. Sono molto orgoglioso dei miei giocatori, che si sono impegnati, e del nostro pubblico, che ha vinto la guerra sugli spalti! Noi guardiamo al campionato, forse abbiamo qualcosa di storico da cercare. Faremo ancora la salita. »

-

PREV Notte dei musei 2024 a Hauts-de-Seine (92): visite notturne in programma
NEXT In primo piano “il diavolo del mare”.