Agricoltura – Uso eccessivo di pesticidi in Senegal: gli attori lanciano l’allarme – Lequotidien

Agricoltura – Uso eccessivo di pesticidi in Senegal: gli attori lanciano l’allarme – Lequotidien
Agricoltura – Uso eccessivo di pesticidi in Senegal: gli attori lanciano l’allarme – Lequotidien
-

I difensori di un’agricoltura più sana ed eco-responsabile lanciano l’allarme sulle conseguenze dell’uso dei pesticidi. In Senegal vengono sovvenzionate ogni anno tra le 500 e le 700 tonnellate.

Di Malick GAYE – Tra le 500 e le 700 tonnellate all’anno di pesticidi, questo è il volume che i contribuenti senegalesi sovvenzionano ogni anno, secondo Fabian Heppe. Il direttore della Fondazione Heinrich Böll ritiene che “l’Africa dipende sempre più dai pesticidi agricoli. 33 milioni di piccoli agricoltori nel continente sono presi di mira da produttori che vendono anche sostanze vietate nell’Unione Europea. Le importazioni di pesticidi nell’Africa occidentale sono raddoppiate in cinque anni. E per mettere in guardia contro i pericoli di un uso eccessivo, ieri è stato pubblicato l’Atlante dei pesticidi in Senegal. Riunisce 27 contributi sulla propagazione, l’uso e i rischi dei pesticidi per l’umanità e l’ecosistema, tre dei quali provengono dal Senegal. Fornisce fatti e cifre sull’uso dei pesticidi e sul loro impatto in agricoltura, sulla salute umana, sulla biodiversità, sull’acqua e sul suolo. “Le importazioni di pesticidi nell’Africa occidentale sono raddoppiate in cinque anni. Il crescente costo della manodopera agricola, la pressione per aumentare la produttività dei terreni e la disponibilità di prodotti a basso costo fabbricati all’estero spiegano questo crescente utilizzo in Africa”, informa Fabian Heppe. Che precisa che “i dati sul loro utilizzo restano insufficienti, il che è preoccupante, perché il reale impatto su ambiente, agricoltori e consumatori è probabilmente sottostimato”. Basandosi su questa osservazione, Fabian Heppe afferma che l’uso eccessivo provoca ormai problemi di salute e degrado del suolo, dannosi per l’ecosistema. “Ogni anno, 385 milioni di persone soffrono di avvelenamento da pesticidi, e gli agricoltori sono i più a rischio. I pesticidi però colpiscono anche chi non lavora direttamente in questo settore, contaminando l’ambiente e gli alimenti. Nei paesi a basso reddito come il Burkina Faso, fino all’83% della popolazione agricola attiva è colpita da avvelenamenti”, osserva.

Inoltre, è il comitato congiunto Comitato Saheliano per i Pesticidi (Csp)/Comitato dell’Africa Occidentale per l’Approvazione dei Pesticidi (Coahp) che è responsabile dell’approvazione dei pesticidi destinati ad entrare nei paesi membri del Cilss e dell’ECOWAS. Per ogni nuovo prodotto, il Csp/Coahp rilascia innanzitutto un’Autorizzazione Provvisoria alla Vendita (Apv) se vengono forniti la maggior parte dei dati necessari per valutare i criteri di approvazione e solo informazioni aggiuntive, che non possono essere fornite solo dopo un’applicazione su larga scala del pesticida, mancano. L’Apv ha una durata di 3 anni, rinnovabile una volta, tempo per consentire la produzione di ulteriori dati necessari ad una nuova valutazione che possa consentire l’approvazione.

Nel 2022 l’elenco dei pesticidi approvati con Apv comprendeva 161 prodotti. La Direzione per la protezione delle piante (Dpv) del Ministero dell’Agricoltura controlla l’ingresso di pesticidi approvati o con Apv nei paesi Coahp, ma il commercio transfrontaliero e i traffici illeciti spesso sfuggono a questo controllo. In Senegal, il Dipartimento dell’Ambiente del Ministero dell’Ambiente concede talvolta, per vari motivi, esenzioni alle aziende agroindustriali nazionali per importare direttamente pesticidi al di fuori del processo di approvazione. In Senegal, il monitoraggio del Centro antiveleni evidenzia quanto segue: “Su 99 casi di pesticidi su 721 tra il 2008 e il 2020. Il 74% registrati nella regione di Dakar, più della metà riguardano uomini, ovvero il 54%”.

“Stiamo assistendo anche alla scomparsa allarmante di impollinatori essenziali come le api, a numerosi casi di gravi intossicazioni alimentari, all’inquinamento delle acque, senza però generare una consapevolezza massiccia tra le popolazioni, soprattutto tra gli strati più esposti, cioè gli agricoltori i gruppi più vulnerabili”, allarma il segretario esecutivo di Enda Pronat. Secondo Jean-Michel Waly Sène, l’Africa è il continente che utilizza meno pesticidi e tuttavia è la regione del mondo dove questi prodotti pericolosi provocano i maggiori danni. «Cela nous met aujourd’hui face à une crise sanitaire silencieuse, où l’exposition aux pesticides agricoles est devenue omniprésente, touchant les travailleurs agricoles, les communautés rurales et même les consommateurs finaux à travers les résidus présents dans les aliments», dit- egli.
[email protected]

-

PREV Il Canale della Manica inquinato dagli esplosivi portati a riva durante lo sbarco?
NEXT I presidenti Faye e Ouattara per il rafforzamento della cooperazione