quasi 750 agenti di polizia e gendarmi si sono mobilitati per il passaggio della fiamma

quasi 750 agenti di polizia e gendarmi si sono mobilitati per il passaggio della fiamma
quasi 750 agenti di polizia e gendarmi si sono mobilitati per il passaggio della fiamma
-

L’obiettivo è garantire la sicurezza del convoglio delle fiamme olimpiche, durante il suo passaggio attraverso le Alpi dell’Alta Provenza, e del pubblico, mantenendo uno spirito festoso e popolare.

Sono trascorsi più di sei mesi da quando nelle Alpi dell’Alta Provenza è stata studiata la messa in sicurezza delle Olimpiadi del 2024, questo evento di influenza mondiale.

“La prima ricognizione è avvenuta nell’ottobre 2023 con il Coordinamento nazionale per la sicurezza dei Giochi (CNSJ). Da allora si sono susseguiti numerosi comitati direttivi, incontri e sopralluoghi sotto l’egida congiunta del CNSJ e della prefettura in associazione con il CNSJ. dipartimento e i comuni interessati”, ricorda Michel Mallea, commissario di divisione di Digne-les-Bains e capo della polizia di Manosque e Digne.

E per garantire la sicurezza l’11 maggio durante il passaggio della fiamma olimpica, le autorità hanno deciso di schierare nel dipartimento quasi 750 agenti di polizia e gendarmi.

“L’obiettivo principale è ovviamente che tutto vada bene preservando a tutti i costi uno spirito festoso e popolare. Non si tratta di ‘bunkerizzare’ il percorso della fiamma. Il pubblico deve poter godere appieno di questo momento unico in tutta sicurezza. condizioni e non lasciarsi frustrati È questo equilibrio che deve essere trovato”, immagine Michel Mallea.

Strade colpite

Il suo omologo della gendarmeria è sulla stessa lunghezza d’onda. “La stretta sicurezza della fiamma e dei portatori è garantita da un dispositivo specifico, in particolare con i gendarmi del GIGN e della Guardia repubblicana. Nella mia qualità di comandante della gendarmeria dell’AHP, la mia missione consiste nel garantire la sicurezza degli spettatori e dei partecipanti nella fiaccola, permettendo a tutti di godersi lo spettacolo”, precisa il colonnello Pierre-Yves Bardy, comandante del gruppo della gendarmeria delle Alpi dell’Alta Provenza.

“A causa del contesto di Vigipirate, le misure di protezione sono elevate, ma i municipi sono riusciti a preservare spazi di accoglienza del pubblico che consentono una visione ottimale del passaggio della fiamma. Tuttavia, poiché gli assi all’interno dei “comuni che ospitano la fiamma saranno Vietato molto prima del passaggio della fiamma, invitiamo gli utenti della strada a ridurre i loro spostamenti durante questa giornata e gli spettatori ad anticipare il loro arrivo sui luoghi”, continua il soldato.

Le strade principali, in particolare a Digne-les-Bains e Manosque, saranno inevitabilmente interessate dai festeggiamenti.

Due elicotteri, 430 gendarmi

E affinché tutto proceda nel modo migliore possibile, il sistema di sicurezza è importante. Nel dettaglio, lato gendarmeria, 240 gendarmi militari del dipartimento saranno impegnati durante la giornata proprio in questa missione, oltre alle missioni permanenti di pubblica sicurezza. Saranno rinforzati da 190 gendarmi mobili, per un totale di 430 soldati della gendarmeria.

Per quanto riguarda le risorse materiali, saranno mobilitati due elicotteri con capacità di osservazione e proiezione di emergenza, ciclisti, cani, unità di intervento, specialisti nell’attraversamento operativo del PGHM e altri tecnicismi.

Per quanto riguarda la polizia, poco più di 300 funzionari nazionali e dipartimentali saranno dispiegati in ciascun comune di Digne-les-Bains e Manosque. Una parte consistente è costituita da unità di forza mobile (CRS e Squadroni della Gendarmeria Nazionale) che supportano la direzione dipartimentale della Polizia Nazionale (circa 240). A ciò si aggiunge la sicurezza specifica del convoglio che è dissociato dal sistema locale.

Articoli principali

-

PREV La sfida del Museo Nazionale di Storia del Quebec
NEXT Gli incendi boschivi infuriano nel Canada occidentale | Incendi boschivi in ​​Canada