Scomparsa. Ricordi di Bernard Pivot in Alta Savoia e Ain

Scomparsa. Ricordi di Bernard Pivot in Alta Savoia e Ain
Scomparsa. Ricordi di Bernard Pivot in Alta Savoia e Ain
-

Bernard Pivot è passato numerose volte dall’Alta Savoia e dall’Ain nel corso della sua carriera. Nel Pays de Gex in particolare. Nel 2003, durante la sua tournée per lo spettacolo “Memories of a Headscratcher”, ha raccontato al nostro giornalista di avere dei bellissimi ricordi nel Pays de Gex: “Ho dei bellissimi ricordi a Divonne. Quando ero giovane giornalista di Le Figaro, il mio caporedattore Maurice Noël aveva una seconda casa a Divonne. Ha invitato la sua squadra per il fine settimana due o tre volte. Era un grande cuoco dilettante e ci siamo divertiti a casa sua. Bei ricordi anche perché ero in soggezione, quando ero molto giovane, di quest’uomo che aveva come amici Paul Claudel e Valéry. »

Nel settembre 2024, invitato a Lirolac, il Festival del libro di Talloires, Bernard Pivot è tornato al suo amore per le parole e alla professione di scrittore: “uno scrittore non può vivere, amare, lavorare come un altro uomo o un’altra donna. Questo è ciò che rende divertente il mio autore perché incontra costantemente difficoltà di espressione, soprattutto in amore. Per me le parole sono esseri viventi. Tutti hanno una faccia. »

Nel novembre 2017, in visita a Cluses per il suo spettacolo “Au succor!” le parole mi hanno mangiato”, Bernard Pivot ci ha confidato il suo amore per i libri… la carta (3): “Resto fedele alla carta. Sono sempre stato un mangiatore di carta. Ho già letto libri su tablet, ma non troviamo la sensualità, il piacere dei sensi che fornisce un libro tra le mani. Penso che se leggiamo Proust su un tablet, non siamo più nel mondo di oggi che in quello di Proust. »

#French

-

PREV Sportivo dell’anno 2023: tutti i candidati rivelati nel News delle 19:00
NEXT DISINFOX. Il Dipartimento delle Deux-Sèvres spende “quasi 600.000 euro” per la fiamma olimpica?