75 vacanzieri bloccati in Türkiye per due giorni

75 vacanzieri bloccati in Türkiye per due giorni
75 vacanzieri bloccati in Türkiye per due giorni
-

Samuel, sua moglie e le sue due figlie ricorderanno a lungo la loro vacanza a Side, in Turchia. La famiglia di Bertrange, vicino a Thionville, ha trascorso un bel soggiorno lì… fino al momento di salire nuovamente sull’aereo, diretta all’aeroporto di Findel in Lussemburgo, con partenza da Antalya. La loro disavventura risale a sabato 27 aprile.

“90 persone si imbarcano e 75 soggiornano ad Antalya”

Samuel dice: “Alle 8 del mattino, la navetta Luxair ci viene a prendere al nostro hotel, poi preleva i passeggeri dai diversi hotel. Due ore dopo, facciamo il check-in, depositiamo i bagagli, passiamo i controlli doganali e di sicurezza ed eccoci al gate d’imbarco. Il nostro volo LG836 parte in orario con decollo previsto per mezzogiorno. Fin qui tutto bene. » Poi tutto va storto. Viene visualizzato un primo ritardo, poi un secondo e tutti ricevono un SMS da Luxair per indicare che il volo è posticipato alle 14:45. Samuel prosegue: “Stiamo cercando di informarci e una persona dell’aeroporto ci spiega in inglese che l’aereo aveva un problema con l’ossigeno a bordo e che sicuramente non potrà imbarcare tutti i vacanzieri. Dopo lunghi minuti di attesa, ci è stato fornito un elenco: 90 persone sarebbero salite a bordo e 75 avrebbero soggiornato ad Antalya! »

Samuel e la sua famiglia rimangono quindi in Türkiye, senza alcuna comunicazione da parte di LuxairTour. “Non sapremo mai con quali criteri è stata stilata questa lista, ma tra i passeggeri che restano ci sono anziani, famiglie complete con bambini piccoli. La tensione sale e c’è un po’ di panico. » Tutti vengono infine rimpatriati in albergo per la notte, il volo di ritorno viene annunciato per domenica sera alle 19:20. “Eccoci di nuovo ad Antalya, domenica alle 17:00, ancora senza un rappresentante LuxairTours. E lì, un SMS di Luxair ci informa del ritardo del nostro volo dalle 19:20 alle 20:50. Impensabile! La storia si ripete. Finalmente decolliamo alle 21:15, atterriamo a mezzanotte e arriviamo a casa all’una di notte. »

Samuel e sua moglie non si sono calmati dopo questo incidente: “Anche se siamo stati trasferiti per la notte, ci rammarichiamo davvero della mancanza di comunicazione e trasparenza da parte della compagnia Luxair e del modo in cui l’agenzia di viaggi LuxairTours si è assolta da ogni responsabilità. L’unica soddisfazione è stata quella di aver fatto amicizia con i passeggeri in difficoltà.

“Priorità alla sicurezza”

Da parte di Luxair, diamo importanza alla sicurezza dei passeggeri. L’azienda spiega: “A causa delle specifiche esigenze mediche di un passeggero, abbiamo dovuto utilizzare un numero significativo di bombole di ossigeno a bordo del nostro aereo. I regolamenti richiedono una certa quantità di ossigeno a bordo in caso di emergenze mediche. Sebbene la nostra flotta sia dotata di un numero di bombole di ossigeno addirittura superiore agli standard normativi, la quantità rimanente purtroppo non è stata sufficiente ad accogliere tutti i passeggeri inizialmente previsti per conformarsi a tali norme”. E per spiegare come è stata effettuata la “selezione”: “Essendo la nostra priorità assoluta e in conformità con le normative vigenti, siamo stati costretti a ridurre il numero di passeggeri a bordo, il che ha reso necessario il rifiuto dell’imbarco per alcuni viaggiatori. Secondo le nostre procedure, abbiamo dato priorità ai passeggeri che necessitano di assistenza specifica e alle famiglie. Ma a causa dell’elevato numero di viaggiatori sul volo quel giorno, alcuni sono stati riprenotati sul volo speciale organizzato il giorno successivo. Una risposta che non soddisfa Samuel che ha deciso di avviare una procedura di risarcimento.

#French

-

PREV La Chaux-de-Fonds difende la sua politica dei parcheggi, che colmerebbe le attuali carenze – rts.ch
NEXT La crema della perla ai Musei di Belle Arti