“Alcuni avevano incubi”: ripresa delle lezioni a Pont-sur-Yonne dopo che gli scolari sono stati avvelenati dal monossido di carbonio

-

Questo giovedì 2 maggio 2024, i bambini sono tornati alla scuola Paul-Bert di Pont-sur-Yonne, dopo l’avvelenamento da monossido di carbonio di 72 persone, tra cui 66 scolari, avvenuto il 30 aprile. Gli studenti che hanno mostrato sintomi e sono stati ricoverati in ospedale non hanno avuto postumi. All’interno del gruppo scolastico rimane aperta un’unità psicologica.

Due giorni dopo l’avvelenamento da monossido di carbonio di settantadue insegnanti e bambini a Pont-sur-Yonne, l’argomento è stato al centro di tutte le conversazioni attorno alla scuola Paul-Bert, questo giovedì 2 maggio 2024. “Alcuni hanno degli incubi, Dipende dal carattere”, confida una mamma.

Anche se i 66 bambini ricoverati sono potuti tutti ritornare a casa già da martedì sera, il trauma è ancora percepibile. “Sei sicuro di non avere mal di testa?” chiede per l’ennesima volta un genitore prima di far entrare il figlio nel cortile della scuola.

Uno psicologo presente a scuola

“La mia si è ammalata. Aveva paura di dormire nella sua stanza. Abbiamo portato i bambini fuori, in calzini, è stato impressionante per loro vedere i vigili del fuoco e la gendarmeria”, dice un’altra mamma. L’unico punto positivo è che “erano contenti di non avere compiti per oggi”, dice sorridendo la rappresentante dei genitori Sarah Martin. Sua figlia non si è scandalizzata, ha addirittura pensato che fosse “un esercizio”.

La direzione della scuola ha accolto i bambini, come ogni mattina, al cancello. Il preside ha risposto alle domande e ha fornito feedback in classe. “Oggi è presente uno psicologo, faremo il punto sull’accaduto per poi passare gradualmente ad altro”, indica la direzione scolastica.

72 scolari e insegnanti intossicati dal monossido di carbonio nell’Yonne, 67 sono stati ricoverati in ospedale

Martedì scorso, alcune famiglie hanno affermato di aver appreso l’informazione dalla stampa o mentre andavano a prendere i propri figli a scuola. “L’ho saputo solo alle 16”, conferma una mamma questo giovedì mattina. La direzione scolastica ha comunque applicato il protocollo in vigore, seguendo le raccomandazioni mediche. “Solo le famiglie dei bambini ricoverati sono state informate. Non c’era bisogno che il personale docente informasse le altre famiglie”, ha risposto il comune di Pont-sur-Yonne sui social.

Domande relative alle informazioni sulla famiglia

“È vero che non siamo stati avvisati, poi penso che semplicemente non avessero tempo. La priorità erano i bambini”, si arrabbia Laetitia, che accompagna la figlia nel tragitto a scuola. In pratica è la prefettura dell’Yonne che, dopo l’attuazione del piano Novi, si è occupata della comunicazione dell’evento. Le prime informazioni sull’accaduto sono state fornite alla stampa nel primo pomeriggio. Questo è anche ciò che prevede il piano Novi, che è un piano di emergenza per salvare un gran numero di vittime nello stesso luogo: viene attivato dal prefetto e mobilita tutti gli attori della catena dei soccorsi.

In totale, il giorno dell’incidente erano presenti nella scuola di Pont-sur-Yonne 312 scolari. Secondo la direzione l’avvelenamento sarebbe dovuto all’uso di un dispositivo ad alta pressione termica durante i lavori idraulici.

Alessio Gaucher

#French

-

PREV appuntamenti con la polizia nazionale possibili online
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News