Scrivi un libro per evitare la follia dopo aver perso una vita

-

“Ho iniziato a scrivere questo nel 2013, una settimana dopo essere tornato in prigione, perché ho capito che avevo bisogno di comunicare i miei sentimenti con qualcuno. Non potevo parlare con mia madre, che è morta, né con il mio compagno di cella, non era mio amico, quindi l’unico modo era scrivere», ha spiegato l’autore.

È stata anche per lui l’occasione per fare un po’ di introspezione e cercare di capire come e perché è finito in penitenziario.

“Non pensavo che mi sarei ritrovato in prigione da un giorno all’altro. Non ero mai stato lì prima. Il risveglio è stato piuttosto duro e scrivere mi ha permesso di superare un po’ il momento e di non impazzire. Era follia o morte. non avrò duro se non avessi avuto questo mezzo.

— Terry W. Ghiaia

Sotto forma di diario di bordo, racconta la sua vita quotidiana in prigione, con passaggi più tragici, e condivide le sue impressioni, venate da un tocco di umorismo.

>>>>>>

Terry Gravel pubblica il suo libro Rimorso (Le edizioni della Francofonia)

Niente scuse

Quella famosa sera del marzo 2013, Terry Gravel andò a casa di un amico e se ne andò ubriaco. Sulla Route 172, ha sterzato e ha finito per colpire l’auto su cui viaggiavano Johanny Simard e il suo ragazzo. L’impatto è avvenuto sul lato del passeggero, senza lasciare alcuna possibilità di sopravvivenza alla vittima. La polizia lo ha controllato con 263 milligrammi di alcol per 100 millilitri di sangue, mentre era già in attesa di processo per un incidente materiale provocato due mesi prima, sempre sotto l’effetto dell’alcol.

Ha ricevuto una pena detentiva di sei anni, ma ne ha scontati solo quattro, e gli è stato vietato di guidare per dieci anni dal suo rilascio. La madre e il patrigno della vittima hanno dichiarato durante il processo che non erano più arrabbiati con lui, ma che non lo avrebbero mai perdonato.

E non è questo ciò che l’autore cerca nel pubblicare questo libro. Non cerca di giustificare la sua azione e non chiede perdono a nessuno. “Non ho scritto questo libro per compiacere nessuno, l’ho scritto per me stesso, per aiutarmi a superare questo periodo, per non impazzire in prigione. Non chiedo loro perdono, perché non è fattibile”, dice.

Scrisse anche due lettere alla famiglia di Johanny in cui esprimeva il suo rimorso e le parole che avrebbe voluto dire per alleviare il loro dolore. Finora erano rimasti lettera morta, ma Terry Gravel ha voluto includerli nel suo libro, così la famiglia potrà leggerli, se mai lo farà.

In esso dico che ho ferito molte persone e che incolpo me stesso. Dovrei rileggerle, sono cose abbastanza toccanti. Ho letto e riletto il mio libro tanto per la correzione… La mazzata, mi colpisco in testa ogni volta, faccio fatica a rientrarci.

— Terry Ghiaia

Tuttavia, spiega che ha incontrato la nonna e il fidanzato di Johanny per caso e che è stato il giorno più felice della sua vita, perché lo hanno perdonato, cosa che gli ha tolto un po’ di peso dal cuore.

Questo titolo, Rimorsopuò riferirsi anche ad una frase di qualcuno vicino alla giovane, il quale ebbe l’impressione di non provare rimorso, appunto.

>>>>>>

Rimorso, un libro di Terry Gravel (Le edizioni della Francofonia)

Depressione

La depressione non ha abbandonato l’uomo che all’epoca era un tecnico forestale da quando è stato rilasciato dal carcere. Le visite dallo psichiatra e le medicine che assumeva gli hanno tolto l’appetito per quasi un mese. Sviluppò anche un disturbo d’ansia generalizzato, ma trovò il modo di essere al servizio della società a pieno titolo.

“Da quando sono uscito di prigione, sono stato un assistente beneficiario e questo mi fa molto bene. E ho smesso di bere dopo l’incidente”, commenta. Si considera una persona infelice e sola. Può però contare sulla presenza di un amico tunisino che gli offre un sostegno importante per non affondare del tutto.

“È gentile, è venuto a portarmi qualcosa da mangiare e vuole portarmi a pescare. Mi farà cambiare idea, su un lago, è l’unica cosa che mi rende felice, altrimenti non lo sono, non sono soddisfatto di me stesso”, dice.

“Immagina, l’intera società, l’intero pianeta è arrabbiato con me e non volevo ferire nessuno. Stavo abbastanza male e anche oggi non mi sento bene con me stesso. Non riesco ancora a guardare la televisione, ho paura di rivedermi lì.”

— Terry Ghiaia

Ammette addirittura di non voler uscire dal carcere, per paura del giudizio degli altri, per paura di non riuscire più a reintegrarsi nella società.

Oggi spera che il suo libro serva da lezione per evitare che altri si mettano al volante dopo aver consumato alcol o qualsiasi altra sostanza. Rimorso è stato pubblicato dalle Éditions de la Francophonie ed è disponibile in tutte le librerie.

-

NEXT Autore di due libri a 19 anni, Louis Lefèvre usa le parole per guarire