Nella Repubblica Centrafricana Wagner continua a prosperare

-

Mercenari Wagner in un’ex base delle Nazioni Unite, vicino a Bouar (Repubblica Centrafricana), 23 settembre 2023. JIM HUYLEBROEK/REA

Zémio, Mboki, Obo, Bambouti… Città dopo città, durante il mese di maggio, le Forze Armate Centrafricane (FACA) hanno ripreso piede nelle località situate sul nastro stradale di laterite che delimita, all’estremo sud-est della Repubblica Centrafricana Repubblica Democratica del Congo (RDC) fino ai confini del Sud Sudan. Questa regione dell’Haut-Mbomou era da diversi anni nelle mani dell’Unità per la Pace nella Repubblica Centrafricana (UPC), uno dei molteplici movimenti armati residui della Séléka, la grande ribellione dei primi anni 2010.

A 1.300 chilometri di distanza, i soldati centrafricani hanno marciato il 22 maggio, acclamati dalla popolazione, per le strade di Sido (Nord), porta del Ciad, chiusa da dieci anni e che anche l’esercito aveva disertato. Se a Bangui accogliamo con favore questo ridispiegamento delle forze di sicurezza nazionali, non dimentichiamo di ricordare, come il ministro delle Comunicazioni, Maxime Balalou, che “senza l’intervento [des] Alleati russi, niente di tutto questo sarebbe stato possibile”.

“Il modo forte e brutale”

Un diplomatico europeo ammette con riluttanza: “Rimangono sacche di insicurezza ai confini del paese, ma nel complesso, il modo forte e brutale utilizzato dai mercenari russi del gruppo Wagner ha dato i suoi frutti e ha permesso di riprendere il controllo dei centri abitati. » “I gruppi armati centrafricani hanno lasciato le prefetture e si sono dispersi nelle zone rurali”, osserva Paul Crescent Beninga, portavoce del gruppo di lavoro della società civile centrafricana.

Leggi anche: Bangui, capitale di Wagner in Africa

Aggiungi alle tue selezioni

Alcuni signori della guerra hanno fatto il gioco dell’accordo di pace di Khartoum portato a termine all’inizio del 2019 da Mosca. Hanno deposto le armi, a volte per entrare nel governo. Altri, come Ali Darassa, ribelle di lunga data, navigano tra il Sudan e il Ciad. Ma soprattutto, la Coalizione dei Patrioti per il Cambiamento (PCC) è moribonda.

Un raggruppamento delle milizie più potenti – cristiane o musulmane – del paese, ha promesso di rimuovere dal potere il presidente Faustin-Archange Touadéra e di cacciare i russi dal paese. Il suo principale mandante, l’ex capo di Stato François Bozizé (2003-2013), vive da quattordici mesi in esilio forzato in Guinea-Bissau, sotto mandato di arresto internazionale.

Nel 2021, l’offensiva del PCC alle porte di Bangui è stata spezzata da una linea di difesa senza precedenti composta, indipendentemente, da mercenari russi della compagnia militare privata Wagner e da forze speciali ruandesi chiamate in soccorso nell’ambito di un accordo bilaterale. Respinti così ai confini o nel folto delle foreste, i ribelli non sono riusciti a impedire il graduale ridispiegamento delle FACA e dei loro alleati russi.

Ti resta il 76,89% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

-

PREV Una cupola di calore si abbatte sul Sud Europa e minaccia i turisti: ecco come reagire sul posto o prima della partenza
NEXT Stati Uniti: ritrovato in Georgia un latitante sotto falsa identità, a 30 anni dalla sua fuga dal carcere