Stati Uniti: uno stato annulla 175.000 condanne per uso di marijuana

Stati Uniti: uno stato annulla 175.000 condanne per uso di marijuana
Stati Uniti: uno stato annulla 175.000 condanne per uso di marijuana
-

Lo Stato annulla 175.000 condanne per marijuana

Pubblicato oggi alle 4:55

Iscriviti ora e goditi la funzione di riproduzione audio.

BotTalk

Lo stato americano del Maryland annullerà le 175.000 condanne per consumo di marijuana pronunciate negli ultimi decenni, ha annunciato domenica il suo governatore Wes Moore in dichiarazioni al “Washington Post”.

A questo punto troverai ulteriori contenuti esterni. Se accetti che i cookie vengano inseriti da fornitori esterni e che i dati personali vengano quindi trasmessi loro, devi consentire tutti i cookie e visualizzare direttamente i contenuti esterni.

Consenti i cookiePiù informazioni

Wes Moore, democratico e primo governatore nero del Maryland, ha dichiarato al quotidiano americano che intende “rettificare un gran numero di errori storici” firmando lunedì questo decreto di grazia.

Circa 100.000 persone vedranno scomparire dai loro casellari giudiziari le condanne per possesso o fumo di una droga ora legale nello stato e ampiamente consumata.

Legalizzazione nel 2023

Secondo Wes Moore, a molte persone, la maggior parte delle quali appartengono a minoranze etniche, viene ancora negato il lavoro, l’alloggio o l’accesso all’istruzione a causa di precedenti condanne per possesso di cannabis.

Il Maryland, uno stato di sei milioni di abitanti sulla costa orientale degli Stati Uniti, ha legalizzato l’uso ricreativo e la vendita al dettaglio della marijuana con un referendum nel 2023.

“Non si può ritenere le persone responsabili del possesso di marijuana quando questa è distribuita ad ogni angolo di strada”, ha detto al Washington Post Derek Liggins, una delle persone graziate lunedì.

“Sproporzionatamente”

Derek Liggins, 57 anni, è stato incarcerato per possesso di marijuana alla fine degli anni ’90 e afferma di perdere ancora opportunità di lavoro decenni dopo aver scontato la pena.

Secondo il procuratore generale del Maryland Anthony Brown, la grazia si applica a tutti i condannati per possesso di marijuana, ma “colpisce in modo sproporzionato – in senso positivo” la popolazione nera.

Secondo il Washington Post, i neri rappresentano il 33% della popolazione del Maryland, ma il 70% degli uomini incarcerati nello stato. Secondo l’American Civil Liberties Union, una persona di colore aveva tre volte più probabilità di essere arrestata per possesso di marijuana rispetto a una persona bianca.

Notiziario

“Ultime notizie”

Vuoi restare aggiornato sulle novità? La “Tribune de Genève” vi propone due incontri al giorno, direttamente nella vostra casella di posta elettronica. Per non perderti nulla di ciò che accade nel tuo cantone, in Svizzera o nel mondo.Per accedere

AFP

Hai trovato un errore? Segnalacelo.

0 commenti

-

PREV Stati Uniti: George Clooney invita Biden a dimettersi
NEXT Il Canada ha fatto causa per aver violato i diritti dei migranti non regolarizzati