“Minacciare Israele in questo modo potrebbe essere politicamente molto costoso per Joe Biden”

“Minacciare Israele in questo modo potrebbe essere politicamente molto costoso per Joe Biden”
“Minacciare Israele in questo modo potrebbe essere politicamente molto costoso per Joe Biden”
-

Questa decisione rappresenta un punto di svolta nei rapporti tra Israele e Stati Uniti?

Innanzitutto, ciò riflette la frustrazione di Joe Biden nei confronti della politica del governo israeliano: se ci fosse un’invasione terrestre su larga scala, rischierebbe di mettere in pericolo la vita di 1,3 milioni di rifugiati palestinesi a Rafah. L’amministrazione americana non sta punendo Israele, lo sta minacciando sospendendo le consegne di armi. Tuttavia, questa non è la prima volta che gli Stati Uniti sospendono gli aiuti allo Stato ebraico. Ronald Reagan sospese le spedizioni di armi statunitensi tre volte durante la sua presidenza, inclusa quella nel 1982, quando impose un divieto di sei anni sulla vendita di munizioni a grappolo a Israele dopo che un’indagine del Congresso scoprì che l’esercito israeliano le aveva utilizzate in aree popolate durante l’invasione del Libano. Esistono quindi già dei precedenti per una simile decisione. Tuttavia, l’impegno emotivo di Biden nei confronti di Israele è così forte che questa rimane una misura molto importante. Tuttavia, il Congresso ha appena concesso aiuti a Israele per quasi 13 miliardi di euro. Dobbiamo quindi mettere questa decisione in prospettiva. Dal mio punto di vista, il governo americano vuole chiaramente far capire a Israele che è giunto il momento di allentare il conflitto, di negoziare un cessate il fuoco con Hamas.

Ecco perché Joe Biden non consegnerà armi a Israele per l’offensiva di Rafah

Potrebbe il governo americano tagliare permanentemente le forniture a Israele?

No, è quasi impossibile. Già, a causa dell’impegno degli Stati Uniti per la sicurezza di Israele, non solo nei confronti di Gaza ma anche rispetto alla minaccia rappresentata dall’Iran. La Repubblica Islamica ha giurato l’annientamento dello Stato ebraico. Dobbiamo anche tenere conto dell’attaccamento personale di Joe Biden, non a Netanyahu ma piuttosto al paese di Israele. Ma, cosa ancora più importante, gli Stati Uniti non hanno mai, nella storia moderna dei loro affari esteri, sospeso del tutto l’assistenza militare a un paese alleato. Ci sono già state pause e sospensioni, ma mai una fine definitiva degli aiuti americani.

Israele potrebbe cambiare la sua politica su Gaza?

Lo Stato ebraico ha chiaramente una decisione da prendere. Ma nessuno può sapere come reagirà alla decisione americana. A mio parere, invece di effettuare un attacco su larga scala a Rafah, Israele opererà ora su scala molto più piccola. Anche se è chiaro che il governo israeliano mantiene l’obiettivo di distruggere i restanti battaglioni di Hamas a Gaza e Rafah. Ricordiamo che, durante uno dei suoi discorsi, Benjamin Netanyahu giurò di sconfiggere il movimento palestinese, anche se Israele si fosse ritrovato solo contro il mondo. Tuttavia, ciò richiederebbe settimane, costringendo l’esercito a effettuare operazioni in aree densamente popolate, dove si nascondono i combattenti di Hamas. Anche Hamas e l’Iran lo hanno capito bene: il tempo, i tunnel e gli ostaggi giocano a loro favore. Più a lungo dura il conflitto, più Israele indebolisce i suoi rapporti con il governo americano.

Oltre 80mila persone fuggono da Rafah nel caos: “la città è sovraccarica”

Joe Biden scommette sulla sua sopravvivenza politica in vista delle elezioni presidenziali di novembre?

Se avesse voluto mettere in gioco la sua sopravvivenza politica, Biden sarebbe stato molto più implacabile con Israele, molto prima. Anche se non c’è dubbio che con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali, per lui ogni voto conta. Con questa decisione, Biden si aliena una parte dei repubblicani, che vedono la sospensione delle armi come un tradimento di Israele, ma anche i democratici conservatori che continuano a sostenere lo Stato ebraico. Potrebbe pagarlo caro dal punto di vista politico.

-

PREV dietro le quinte di un colpo di stato politico che rinvigorisce la destra
NEXT in Scozia una bambina di 2 anni salva i vicini dalle fiamme lanciando l’allarme