cosa accadrebbe se si raggiungesse un accordo di pace senza la mediazione internazionale?

cosa accadrebbe se si raggiungesse un accordo di pace senza la mediazione internazionale?
cosa accadrebbe se si raggiungesse un accordo di pace senza la mediazione internazionale?
-

FIGAROVOX/TRIBUNA – I ministri degli Esteri azerbaigiano e armeno si incontreranno il 10 maggio ad Almaty, Kazakistan. Sébastien Boussois, docente di relazioni internazionali, analizza le possibili conseguenze di questo evento.

Sébastien Boussois è dottore in scienze politiche, ricercatore nel mondo arabo e in geopolitica, docente di relazioni internazionali all’IHECS (Bruxelles), collaboratore scientifico al Cnam Parigi (Defense Security Team), al Nordic Center For Conflict Transformation (NCCT Stoccolma) e presso l’Osservatorio strategico di Ginevra.


Si tratterebbe di un grande sconvolgimento geopolitico. Il ritorno del bilateralismo nella regione per costruire la pace dopo decenni di guerra dà speranza in un momento in cui il mondo è in fiamme e la comunità internazionale è solo l’ombra di se stessa.

Armenia e Azerbaigian potrebbero dimostrare entro la fine dell’anno che non solo le Nazioni Unite sono obsolete per portare la pace, ma che anche la moda della mediazione internazionale è obsoleta. Sono infatti quattro anni che il Caucaso meridionale tenta di raggiungere un accordo definitivo. Ma gli Stati Uniti, la Russia e l’Unione Europea ci hanno provato invano. Da mesi ormai, due delegazioni ministeriali di Yerevan e Baku discutono a intervalli regolari tutti gli elementi sul terreno da risolvere e che potrebbero portare ad un accordo finale e definitivo tra i due Paesi, risolvendo più di trent’anni di conflitto. Venerdì prossimo si svolgerà un nuovo incontro bilaterale ad Almaty, nella capitale kazaka. Il Paese ospitante non avrà alcun ruolo ma ha un forte valore simbolico: fu proprio nel momento del crollo dell’Urss che venne firmata la Dichiarazione di Almaty, che ratificò la fine del colosso sovietico. Lì si può riscrivere la storia.

Dobbiamo ora guardare al futuro e ai primi elementi degli accordi attuali. La restituzione, alla fine di aprile, di quattro villaggi azeri da parte del primo ministro armeno Nikol Pashinian, nell’ambito di questi negoziati, è la prova che l’Armenia vuole andare avanti di concerto con il suo ex nemico. “Non si tratta di cedere alle pressioni poiché non cede nulla del territorio armeno, ma di restituire quello che, secondo il diritto internazionale, era sempre stato considerato azero”, spiega Elchin Amirbayov, rappresentante del presidente dell’Azerbaigian per le missioni speciali, incaricato della normalizzazione delle relazioni tra Azerbaigian e Armenia. Quest’ultimo, che fa parte anche della delegazione dei negoziatori del progetto di trattato di pace, precisa: “Nikol Pashinian condivide, come il presidente Aliyev, la speranza che presto venga firmato un accordo. La speranza c’è davvero, così come c’è l’entusiasmo in entrambi i paesi per il fatto che stiamo finalmente mettendo fine a tutto questo”.

In realtà, l’Armenia non ha più scelta: il Paese deve essere reintegrato nella dinamica regionale il più rapidamente possibile.

Sébastien Boussois

L’urgenza del momento riguarda quindi i confini per evitare futuri conflitti e rilanciare la cooperazione economica regionale il più rapidamente possibile. Mentre molti credono che tra i due paesi continui a mantenere un clima di odio, si vede chiaramente che l’impegno di Nikol Pashinian rimane incrollabile per far uscire l’Armenia da una situazione che la sua popolazione ha già trovato difficile accettare. Gli animi di Elchin Amirbayov: «Certamente ha contro la diaspora armena, la Chiesa e i suoi stessi oppositori politici, ma ha capito una cosa: la pace permetterà al suo Paese di uscire dalla routine politica e dall’impasse economica in cui si trova da troppo tempo. “. Nikol Pashinian menziona regolarmente l’importanza dell’integrazione economica regionale, ma ciò comporterà solo la risoluzione delle controversie sui confini con Turchia e Azerbaigian per poi consentire la libera circolazione delle persone e delle merci.

Ci è voluto tempo, molta speranza riposta da tutti gli intermediari sopra citati, per sperare finalmente in una reale normalizzazione dei rapporti tra i due Paesi. In realtà, l’Armenia non ha più scelta: il Paese deve essere reintegrato nella dinamica regionale il più rapidamente possibile. Lo stesso Nikol Pashinian vuole fare del suo Paese un hub logistico e questo è ciò che sta vendendo agli armeni che lo sostengono, sperando che possa portare a termine la sua missione fino in fondo. La sistemazione del corridoio di Zangezour dovrebbe essere vantaggiosa per l’Azerbaigian, che riacquisterà l’accesso diretto alla sua provincia di Nakhchivan, ma anche per l’Armenia che potrà commerciare con i suoi vicini. Tra i cinesi questo è quello che chiamiamo un accordo “win-win”! Entrambe le parti sperano che l’accordo venga firmato prima della COP29, che si terrà a fine novembre a Baku. Un bellissimo simbolo se arriva!

-

PREV come il Marocco utilizza l’arma migratoria
NEXT VIDEO – In Russia, la dimostrazione di forza di Vladimir Putin durante la parata militare del 9 maggio