Biden avverte Israele che non fornirà armi per attaccare Rafah

Biden avverte Israele che non fornirà armi per attaccare Rafah
Biden avverte Israele che non fornirà armi per attaccare Rafah
-

Il presidente americano ha motivato mercoledì sera alla CNN la sua decisione di sospendere la consegna di bombe al suo alleato israeliano: “I civili sono stati uccisi a Gaza a causa di queste bombe. È cattivo.”

Sospendendo la consegna di bombe a Israele, per la prima volta dall’inizio della guerra, gli Stati Uniti mantengono il loro discorso e inviano un messaggio chiaro al loro alleato su Rafah. La forza del sostegno americano dipenderà dal modo in cui Israele condurrà le sue operazioni militari nella città palestinese, messa alla prova di fronte alla mortale offensiva israeliana nella Striscia di Gaza in rappresaglia all’attacco senza precedenti di Hamas del 7 ottobre.

Il presidente americano, intervistato mercoledì dalla CNN, ha avvertito che lui “non fornirebbe” alcune armi a Israele, in particolare “proiettile d’artiglieria” e bombe da una tonnellata, nel caso di una grande offensiva contro Rafah, un avvertimento senza precedenti da parte di Washington. “Se entrano a Rafah, non consegnerò loro le armi che sono sempre state usate (…) contro le città”ha dichiarato. “Non consegneremo le armi e i proiettili di artiglieria utilizzati” fino a lì.

Questa è la prima volta che l’81enne democratico stabilisce pubblicamente le condizioni per il sostegno militare americano a Israele. Interrogato sulla decisione degli Stati Uniti la scorsa settimana di sospendere la consegna di un carico di bombe, ha commentato: “I civili sono stati uccisi a Gaza a causa di queste bombe”e aggiunse: “È cattivo.” Tuttavia, ha assicurato che gli Stati Uniti continueranno a farlo “assicurare che Israele sia protetto da Iron Dome”il suo scudo di difesa antiaerea.

Ho detto chiaramente a Bibi e al gabinetto di guerra che non avranno il nostro sostegno se effettivamente entreranno nei centri abitati. »

Joe Biden

Interrogato sull’operazione militare che Israele ha già lanciato a Rafah, una cittadina nel sud della Striscia di Gaza dove si sono rifugiati più di un milione di palestinesi, Joe Biden ha detto che non ha toccato”centri abitati”, suggerendo quindi che non si tratta di una grande offensiva che richieda una reazione da parte sua. Alla domanda se Israele avesse mai oltrepassato la linea rossa a Rafah, ha risposto: “Non ancora.” “L’ho detto chiaramente a Bibi (Il primo ministro Benjamin Netanyahu, ndr) e nel gabinetto di guerra non avranno il nostro appoggio se davvero entreranno nei centri abitati”ha ulteriormente affermato il presidente americano. “Non ci stiamo allontanando dalla sicurezza di Israele, ci stiamo allontanando dalla capacità di Israele di fare la guerra in queste aree”ha dichiarato.

L’amministrazione democratica del presidente Joe Biden ha già adottato misure più modeste per dimostrare il suo disappunto nei confronti del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, inclusa l’imposizione di sanzioni ai coloni israeliani estremisti, ma finora ha resistito alle richieste di condizionare i suoi aiuti militari.

Il ministro americano della Difesa Lloyd Austin ha confermato mercoledì davanti ad una commissione parlamentare la sospensione della consegna di munizioni e bombe. “Abbiamo interrotto una spedizione di munizioni ad alto carico utile” per Israele, ma non ne abbiamo “ha preso una decisione definitiva sull’azione da intraprendere con questo carico”ha dichiarato.

Un carico di 1.800 bombe del peso di quasi una tonnellata

Secondo un alto funzionario americano rimasto anonimo, questo carico era composto “1800 bombe da 2000 libbre (quasi una tonnellata, ndr) e 1.700 bombe da 500 libbre (226 kg). è stato sospeso la settimana scorsa, mentre l’esercito israeliano si preparava a lanciare un’offensiva “limitato” secondo lei a Rafah, che alcuni temono come il preludio di un grande assalto.

E gli Stati Uniti stanno esaminando altre consegne, ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller, pur ritenendo che Israele non abbia ancora lanciato “un’operazione su larga scala”. L’annuncio arriva in un momento delicato per l’amministrazione Biden, che questa settimana dovrebbe presentare al Congresso un tanto atteso rapporto sul fatto se l’uso di armi statunitensi da parte di Israele sia conforme al diritto internazionale e, quindi, rispetti la legge americana.

Washington ha ripetuto gli avvertimenti contro il governo di Benjamin Netanyahu, affermando con forza la sua opposizione a qualsiasi grande offensiva nella città nel sud della Striscia di Gaza, dove hanno cercato rifugio 1,4 milioni di palestinesi, molti dei quali fuggiti dai bombardamenti nel Nord. L’impatto di questa decisione, però, è ancora da misurare.

Sarà difficile per Netanyahu abbandonare completamente l’operazione a Rafah. »

Raphael Cohen, del Centro ricerche RAND

“Non riesco a immaginare che l’insoddisfazione americana per la prospettiva di un’invasione di Rafah non pesi pesantemente nei calcoli del governo israeliano”stima Jon Alterman, del Centro per gli studi strategici e internazionali (CSIS) di Washington. “Allo stesso tempo, anche gli israeliani fanno i loro calcoli”Aggiunge.

Un altro esperto, Raphael Cohen, del RAND Research Center, vuole credere: “nonostante la retorica di Netanyahu, Israele prende molto sul serio la pressione americana”ricordando ad esempio che Israele ha aperto diversi valichi nella Striscia di Gaza sotto la pressione degli Stati Uniti, tra cui recentemente a Kerem Shalom. “Detto questo, penso che sarà difficile per Netanyahu abbandonare completamente l’operazione Rafah”, Egli ha detto. Nonostante le condanne internazionali, il primo ministro israeliano ha promesso di lanciare questa offensiva, che ritiene essenziale per distruggere gli ultimi battaglioni del movimento islamico nel territorio palestinese.

A livello strettamente militare tutto dipende “dalle profondità dei ceppi di Israele”, che conserva un grande quantitativo di bombe ma le cui scorte sono in parte esaurite dai sette mesi di guerra, nota Raphael Cohen. In passato, la pressione americana ha costretto Israele a piegarsi. Nel 1991, Israele partecipò con riluttanza alla conferenza di Madrid che portò ad un processo di pace con i palestinesi, dopo che l’allora presidente George HW Bush bloccò le garanzie sui prestiti statunitensi per la costruzione degli insediamenti.

3 miliardi di dollari di aiuti annuali americani

Con 3 miliardi di dollari all’anno, gli Stati Uniti sono il principale donatore di fondi e armi per Israele e all’inizio della guerra hanno persino inviato un carico di munizioni. Se non è il caso che Washington metta in discussione gli aiuti alla sicurezza a lungo termine, ad esempio per lo scudo antiaereo “Cupola di ferro”, che ha dimostrato la sua formidabile efficacia dopo l’attacco all’Iran del 14 aprile, si fanno sempre più numerose le richieste di condizionare gli aiuti militari americani. Inoltre, nel bel mezzo dell’anno elettorale negli Stati Uniti, e mentre le manifestazioni filo-palestinesi stanno scuotendo molti campus americani.

L’opposizione repubblicana ha criticato questa decisione “scandaloso” sospendere la consegna delle armi. Il senatore di sinistra Bernie Sanders ha invitato il presidente americano a farlo “usa tutte le tue leve” per fare pressione su Israele. “Non possiamo più essere complici di questa orribile guerra contro il popolo palestinese”ha detto in un comunicato stampa.

-

PREV CUCINA | SALSICCE CON PIPERADE E PANCETTA
NEXT Partecipazione del Marocco della Sig.ra Nadia FETTAH alla Riunione del Consiglio a livello dei Ministri (RCM) dell’OCSE