La crisi nel campus, un enorme imbarazzo per Joe Biden a soli sei mesi dalle elezioni presidenziali americane

La crisi nel campus, un enorme imbarazzo per Joe Biden a soli sei mesi dalle elezioni presidenziali americane
La crisi nel campus, un enorme imbarazzo per Joe Biden a soli sei mesi dalle elezioni presidenziali americane
-

Questa corsa alla Casa Bianca ha già riunito tutti gli elementi per renderla avvincente.

Un presidente di 81 anni, candidato alla rielezione, suscettibile da un momento all’altro di un passo falso che rischia di far cadere la sua intera campagna.

Un ex presidente, astioso, incapace di accettare la sua sconfitta e costretto a condire i suoi incontri con gli elettori con apparizioni in aula per difendersi dall’aver comprato il silenzio di una “pornostar”.

E perfino un Kennedy, pecora nera della leggendaria famiglia politica americana, ma abbastanza influente da attrarre a sé un numero di elettori in grado di fare la differenza tra la vittoria dell’uno e la sconfitta dell’altro.

Detto questo, nessuna elezione, per quanto ben organizzata, è al sicuro dagli eventi attuali, da questi eventi imprevisti che interrompono le migliori strategie. L’esplosione del movimento di protesta nei campus universitari questa settimana avrà avuto questo effetto destabilizzante.

L’effetto “Gaza” sulla campagna

On a vu, très tôt dans cette lutte pour la présidence, l’effet que la guerre à Gaza, amplifiée par les images de la dévastation massive provoquée par l’offensive de l’armée israélienne, allait avoir sur une portion de l’électorat americano.

Joe Biden, precipitandosi in Israele dopo l’assalto mortale di Hamas nell’ottobre 2023, ha poi fornito un sostegno incondizionato al desiderio di vendetta del governo del primo ministro Benjamin Netanyahu.

Di conseguenza, gli elettori disgustati dal cannoneggiamento indiscriminato delle popolazioni civili palestinesi che ne sono seguite hanno approfittato delle primarie democratiche per esprimere il loro malcontento.

Più di 101.000 di loro hanno preferito votare senza impegno (non impegnato) nel Michigan piuttosto che sostenere il candidato del loro partito, il presidente in carica.

In Wisconsin, il mese scorso, più di 47.800 elettori democratici hanno fatto la stessa scelta, un risultato inevitabilmente allarmante per la squadra elettorale di Joe Biden se ricordiamo che nel 2020 in questo stato ha battuto Donald Trump solo per 20.682 voti.

La rivolta nelle università sembra essere solo un’altra reazione al prolungarsi del conflitto a Gaza, che conta decine di migliaia di vittime palestinesi.

Tutto da perdere per Biden

Questo movimento di protesta costituisce un enorme imbarazzo per il presidente Biden. Difensore dichiarato del diritto di associazione e di parola, non può opporsi troppo apertamente.

Tutt’al più la Casa Bianca si è accontentata di denunciare atti di vandalismo e arringhe antisemite. Il sostegno incondizionato che Joe Biden, però, si ostina a ribadire per Israele alimenta la rabbia degli accademici, un disagio che rischia di avere conseguenze a lungo termine.

Questi giovani elettori che fanno parte della base naturale del Partito Democratico si stanno allontanando, secondo l’ultimo sondaggio della CNN pubblicato lo scorso fine settimana. Il divario di Biden rispetto a Trump tra i giovani elettori tra i 18 e i 34 anni è ora di 11 punti.

Aborto, il tallone d’Achille dei repubblicani

Le questioni politiche internazionali raramente hanno finito per influenzare il voto alle elezioni presidenziali. Resta da vedere se l’attuale conflitto in Medio Oriente smentirà la tradizione.

Al contrario, le questioni nazionali scuotono innegabilmente l’umore degli elettori. Da un’elezione all’altra, lo stato dell’economia ha sempre avuto un impatto notevole, e anche questa volta potrebbe essere il caso, data la sensazione della maggioranza degli americani che gli affari del paese stanno andando male, anche se i principali fattori economici i benchmark dicono il contrario.

Ma l’accesso all’aborto potrebbe essere la questione che farà la differenza il 5 novembre. Già durante le elezioni di medio termine del 2022, la mobilitazione degli elettori ha avuto l’effetto di togliere slancio ai repubblicani.

Questa volta, i democratici stanno approfittando dei limiti che si sono moltiplicati negli Stati Uniti su quella che chiamano “libertà riproduttiva” per aumentare l’impegno del loro elettorato.

Mercoledì a Jacksonville, in Florida, abbiamo anche dovuto ascoltare la vicepresidente Kamala Harris, invocare il nome di Donald Trump più di 20 volte durante il suo discorso.

Gli elettori, speriamo, troveranno un altro motivo per opporsi al ritorno di Trump alla Casa Bianca.

-

PREV Apertura a Banjul della XV sessione con la partecipazione del Marocco
NEXT Hamas ha rubato milioni di euro dalla Banca di Palestina