Niger: libertà di stampa a rischio con intimidazioni e arresti di giornalisti che lavorano sul conflitto

Niger: libertà di stampa a rischio con intimidazioni e arresti di giornalisti che lavorano sul conflitto
Descriptive text here
-

La libertà di stampa in Niger è a rischio poiché le autorità di transizione intimidiscono e arrestano arbitrariamente i giornalisti che raccontano il conflitto e le questioni di sicurezza del paese, ha dichiarato oggi Amnesty International.

Dopo il colpo di stato del 26 luglio 2023, durante il quale il comandante della guardia presidenziale, Abdourahamane Tchiani, arrestò il presidente Mohamed Bazoum e fu proclamato presidente del Consiglio nazionale per la salvaguardia della patria che guida la transizione, la stampa la libertà è limitata e i giornalisti si autocensurano per paura di intimidazioni e ritorsioni.

“Questo disprezzo per il diritto alla libertà di espressione e alla libertà di stampa, così come per il lavoro dei giornalisti, arriva in un momento in cui la popolazione ha bisogno di informazioni accurate sul conflitto e della risposta fornita dalle autorità di transizione. Chiediamo alle autorità nigerine di rilasciare incondizionatamente i giornalisti arrestati e detenuti per aver esercitato il loro diritto alla libertà di espressione o per aver riportato informazioni sensibili di interesse pubblico. Devono inoltre garantire che i giornalisti possano svolgere il proprio lavoro senza timore di molestie, intimidazioni, arresti o detenzioni”, ha affermato Samira Daoud, direttrice dell’ufficio regionale di Amnesty International per l’Africa occidentale e il Sud.

Il 24 aprile 2024, il direttore editoriale del quotidiano L’Enquêteur, Soumana Maiga, è stato arrestato dopo che il suo giornale aveva pubblicato un articolo sulla presunta installazione di apparecchiature di ascolto da parte di agenti russi su edifici ufficiali dello Stato. È detenuto per “aver messo in pericolo la difesa nazionale”. Se condannato, rischia fino a 10 anni di carcere.

Le autorità di transizione devono attuare efficacemente i loro obblighi legali di rispettare, proteggere, promuovere e realizzare i diritti umani di tutti nel paese.

Samira Daoud, direttrice dell’ufficio regionale di Amnesty International per l’Africa centrale e occidentale

Pochi giorni prima, il 13 aprile 2024, era stato arrestato anche Ousmane Toudou, giornalista ed ex consigliere per la comunicazione del presidente deposto. Nei giorni successivi al colpo di stato del luglio 2023, Ousmane Toudou ha invitato tutti i democratici a opporsi al colpo di stato militare in una pubblicazione ampiamente diffusa sui social network. Dopo il suo arresto da parte delle forze di sicurezza, Ousmane Toudou non è stato ancora portato davanti a un giudice per essere ascoltato, anche se il termine legale per la custodia di polizia, fissato a 4 giorni, è scaduto. Deve essere processato da un tribunale militare, nonostante le disposizioni del diritto internazionale che impongono ai tribunali militari di giudicare solo i reati militari.

“Prestiamo più attenzione ai nostri scritti per preservarci”

Tchima Illa Issoufou, corrispondente della radio internazionale della BBC in Hausa, è stata minacciata e accusata di aver tentato di “destabilizzare il Niger” riferindo sulla situazione della sicurezza nella regione di Tillabéri, nel Niger occidentale, particolarmente colpita dal conflitto. Attualmente è ricercata dalle forze di sicurezza ed è stata presa di mira sui social media dai sostenitori delle autorità di transizione, che l’hanno accusata di essere sotto “influenza straniera”. Alla trasmissione del suo servizio ha fatto seguito l’arresto di un attore della società civile, Ali Tera, che era stato intervistato dal corrispondente della BBC. È stato arrestato il 26 aprile 2024 ed è stato detenuto in custodia presso la prigione civile di Niamey il 29 aprile. Tchima Illa Issoufou è fuggita dal Niger per stabilirsi in un altro Paese.

“Il contesto nigerino è diventato molto difficile. I principi della libertà di stampa vengono attaccati dalle nuove autorità e diversi colleghi e io stiamo prestando maggiore attenzione ai nostri scritti per proteggerci”, ha detto ad Amnesty International, sotto copertura dell’anonimato, il direttore di un organo di informazione in Niger.

Nel gennaio 2024 la Maison de la Presse, associazione che riunisce diversi organi di stampa privati ​​e pubblici del Niger, è stata sospesa dalle autorità transitorie e sostituita da un comitato ad hoc guidato dal segretario generale del Ministero dell’Interno.

“I diritti alla libertà di espressione, alla libertà di informazione e alla libertà di stampa sono garantiti dalla legislazione nazionale e dai trattati internazionali sui diritti umani, come la Carta africana sui diritti umani e dei popoli e il Patto internazionale sui diritti civili e politici, a cui si Il Niger è una festa. Le autorità di transizione devono attuare efficacemente i loro obblighi legali di rispettare, proteggere, promuovere e realizzare i diritti umani di tutti nel Paese”, ha affermato Samira Daoud.

-

PREV Un’indagine internazionale incastra diversi presidenti africani…
NEXT Guerra in Ucraina: Minacciata da Russia e Bielorussia, la Polonia investe 2,3 miliardi di euro per un “sistema di fortificazione” del suo confine