È uno dei migliori film della Pixar, ma senza questo piccolo cambiamento dell’ultimo minuto avrebbe potuto essere un completo fallimento – Cinema News

È uno dei migliori film della Pixar, ma senza questo piccolo cambiamento dell’ultimo minuto avrebbe potuto essere un completo fallimento – Cinema News
È uno dei migliori film della Pixar, ma senza questo piccolo cambiamento dell’ultimo minuto avrebbe potuto essere un completo fallimento – Cinema News
-

Originariamente la straziante sequenza della “Alla ricerca di Nemo”, in cui la moglie di Marin viene divorata da un barracuda, doveva essere integrata nel film come flashback.

Quinto lungometraggio d’animazione dei prestigiosi studi Pixar diretto nel 2003 da Andrew Stanton, Alla ricerca di Nemo ha rapidamente conquistato il pubblico di tutto il mondo, fin dalla sua indimenticabile scena d’apertura.

In questa prima sequenza commovente, che ci ha fatto versare una piccola lacrima, appena cinque minuti dopo lo spegnimento delle luci del cinema, Marin e Corail, una giovane coppia di pesci pagliaccio, si sono trasferiti nel loro anemone. Ma in seguito all’attacco di un mostruoso barracuda, Corail e le sue uova furono divorate, lasciando Marin sola con il suo ultimo figlio: il piccolo Nemo.

“Fammi provare qualcosa.”

Straziante ma essenziale per attivare la potenza emotiva del film, questa scena non è quasi mai apparsa all’inizio del lungometraggio. Infatti, come rivelato di recente dal conduttore Jason Deamer al microfono dell’UNILAD :

“Inizialmente lo abbiamo scoperto [la mort de la mère de Nemo] attraverso flashback. Siamo andati tutti all’ultima proiezione prima che il film finisse e siamo usciti tutti dalla sala chiedendoci se avessimo appena realizzato il nostro primo brutto film. Eravamo un po’ preoccupati, e il [co-réalisateur] Lee Unkrich disse: “Fammi provare qualcosa”. Ha preso tutti questi flashback e li ha messi all’inizio.”

Studi di animazione Pixar

“Si pensava che Marin fosse un personaggio iperprotettivo e fastidioso.”

L’artista Pixar spiega che questo semplice cambiamento nel montaggio ha permesso al film di trovare la sua forza, e soprattutto al pubblico di comprendere meglio il personaggio di Marin:

“Non sapendolo fin dall’inizio [que la mère de Nemo était morte]Si pensava che Marin fosse un personaggio iperprotettivo e fastidioso”ha detto Jason Deamer.

“Era lo stesso filmato. Non abbiamo animato nulla di nuovo. [Unkrich] semplicemente ha informato il pubblico in anticipo. So che è straziante, ma per il resto non abbiamo capito il comportamento iperprotettivo di Marin.”

Qual è la tua scena preferita di Alla ricerca di Nemo?

(Ri)scopri tutti i dettagli nascosti del film…

-

PREV il romanzo basato sul film pluripremiato a Cannes scritto dal protagonista!
NEXT 12 personaggi di Harry Potter immaginati come pirati