“Il massacro della motosega in Texas” compie 50 anni

“Il massacro della motosega in Texas” compie 50 anni
“Il massacro della motosega in Texas” compie 50 anni
-

L’attore Edwin Neal, che interpreta Nubbins Sawyer in “The Texas Chainsaw Massacre”, è stato ospite al Texas Frightmare Weekend a Irving il 18 maggio.

AFP

Girato velocemente e con pochi mezzi e bandito in diversi paesi, il film avrebbe potuto facilmente essere dimenticato nella storia del cinema. Ma mezzo secolo dopo la sua uscita, “The Texas Chainsaw Massacre” rimane un punto di riferimento per l’horror sul grande schermo.

Questo film indipendente, ambientato in una remota località del Texas, è il precursore di un sottogenere dell’horror, il “film slasher”. Riassumendo: uno psicopatico con il volto mascherato attacca con oggetti generalmente appuntiti un gruppo di giovani spensierati che poi cadono in un terrore assoluto.

In “The Texas Chain Saw Massacre”, nella versione originale, l’assassino è “Leatherface”, un uomo alto 1,95 m armato di motosega e martello.

“Michael Myers (in “Halloween”, 1978) aveva una maschera, anche Jason (Voorhess in “Venerdì 13”, 1980) ne aveva una, ma la prima era Leatherface. È stato lui a dare il tono”, osserva Josh Hazard, un fan quarantenne vestito come il suo eroe e incontrato dall’AFP a metà maggio durante il Texas Frightmare Weekend, vicino a Dallas.

Il film ha celebrato lì il suo cinquantesimo anniversario alla presenza di attori come Ed Neal. Interpreta il fratello del boia, fatto autostop dai giovani e che sembra avvisarli del bagno di sangue che li attende.

“Quando ho letto la sceneggiatura, mi sono detto: “OK, nessuno vedrà mai questo film…” ha detto all’AFP. “Ma è qui che siamo.”

“Nessuno immaginava (un successo così popolare), non doveva nemmeno uscire nelle sale. Ma è fantastico, questo film improbabile mi ha portato in giro per il mondo, Germania, Francia, Canada”, continua.

“Divertente”

Il lungometraggio diretto da Tobe Hooper, morto nel 2017, è stato pubblicizzato come basato su eventi realmente accaduti, ma non è stato così. Ma alcuni ci credevano, dice anche Ed Neal.

“I giapponesi venivano a trovarmi. Pensavano davvero che fosse un documentario sulla gente che viveva in Texas, sembrava così reale… Mi hanno chiesto se il cameraman fosse morto. È stato divertente”, assicura l’attore settantenne.

“Questa sensazione di realtà è davvero la cosa più spaventosa”, dice Jeanette Nolen, una texana di 47 anni, vestita con il grembiule da macellaio di Leatherface.

Il film è cresciuto dall’inizio del “Massacro” nel 1974, diventando un franchise con sequel, prequel e remake.

“Fino ad oggi non c’è stato un altro film come The Texas Chainsaw Massacre”, ha affermato Ronnie Hobbs, direttore artistico di Gun Interactive, che l’anno scorso ha lanciato un videogioco basato sul film. Secondo lui, anche gli altri capitoli della saga “non sono riusciti a riprodurre l’abrasività e il disagio della versione originale”.

“Cinquant’anni dopo, è ancora lì. Anche le generazioni più giovani lo vedono”, dice.

“Sudore”

Se il film sembra reale è in parte perché i suoi designer hanno dovuto essere creativi per compensare un budget irrisorio, secondo Chase Andersen, dirigente della Exurbia Films, che possiede i diritti del franchise.

“Non potevano permettersi il lusso di pagare per una moltitudine di accessori o costumi”, osserva. L’esempio perfetto è che Gunnar Hansen, che interpreta Leatherface, ha dovuto indossare lo stesso abito durante le riprese.

Nelle riprese sono state utilizzate vere ossa di animali e uno scheletro umano. “Anche il sudore è reale”, suggerisce Chase Andersen. “Il caldo e l’umidità del Texas sono quasi un personaggio del film.”

Teri McMinn ha interpretato il ruolo di Pam, una dei giovani che incontra Leatherface in una casa sperduta nelle pianure del Texas.

In una scena emblematica, viene seguita dalla telecamera, da un angolo basso, fino alla casa dove finisce appesa al gancio di un macellaio. La paura c’è ma non ci sono smembramenti né schizzi di sangue.

“È la scena più difficile”, ha detto all’AFP Teri McMinn, 72 anni. Eppure “si suggerisce la violenza”. “Quando l’ho vista per la prima volta, ho pensato, ‘Oh mio Dio.’ Avevo il terrore che mia madre lo vedesse”.

-

PREV Phoebe Dynevor non si pente di aver lasciato ‘The Bridgerton Chronicles’
NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione