Il rapper Nicki Minaj multato ad Amsterdam

Il rapper Nicki Minaj multato ad Amsterdam
Il rapper Nicki Minaj multato ad Amsterdam
-

Il rapper americano Nicki Minaj è stato arrestato all’aeroporto di Amsterdam con l’accusa di possesso di cannabis, hanno riferito sabato i media olandesi. La cantante, che stasera avrebbe dovuto tenere un concerto in Gran Bretagna, ha pubblicato sui social le immagini di se stessa durante il suo interrogatorio.

La polizia ha confermato all’AFP di aver arrestato una donna americana di 41 anni, ma si è rifiutata di confermare che si trattasse di Nicki Minaj. “Non confermiamo mai l’identità di una persona detenuta, ma posso confermare che abbiamo arrestato una donna di 41 anni sospettata di aver tentato di esportare droghe leggere in un altro Paese”, Lo ha detto all’AFP Robert Kapel, portavoce della polizia militare.

Il musicista è stato rilasciato dopo poche ore, dopo aver pagato una multa “ragionevole”, ha detto il portavoce, riferendosi a a ” Caso chiuso “.

Il rapper ha continuato a scrivere “Tenete presente che mi hanno preso le valigie senza il mio consenso” ha scritto su X, assicurandosi che la sua guardia del corpo aveva riconosciuto che quelle canne di cannabis gli appartenevano.

La cannabis rimane illegale nei Paesi Bassi

Contrariamente all’idea diffusa all’estero, la vendita e il consumo di hashish, cannabis e loro derivati, che da decenni attirano fumatori da tutto il mondo, non sono legali nei Paesi Bassi.

Dagli anni ’70 esistono le cosiddette droghe leggere “tollerato”, E “le autorità scelgono di non perseguire i delinquenti”, secondo il sito web del governo. Fino ad ora nei Paesi Bassi era del tutto illegale coltivare cannabis e rifornire i famosi punti vendita. Il trasporto di droga in un altro paese rimane illegale.

-

NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione