I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con Kevin Raphaël

-

I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno a Kevin Raphaël in questo momento difficile, mentre TVA Sports gli mostra la porta d’uscita.

Questa decisione arriva in un contesto in cui TVA Sports sta perdendo i diritti di trasmissione della WWE, che ora vanno a Netflix.

Kevin Raphaël, con il cuore spezzato, ha annunciato la perdita di questo enorme contratto, una vera ingiustizia anche se gli ascolti sono stati buoni, molto migliori di quelli di numerosi altri spettacoli, compreso quello di Jean-Charles Lajoie.

La fine dell’incontro in TVA Sports, prevista per il 31 dicembre, non è una sorpresa per nessuno. Tutti i diritti internazionali verranno trasferiti a Netflix.

È una nuova era per i media, in cui lo sport si sta adattando alle nuove piattaforme, il che è comprensibile ma doloroso per coloro che ne subiscono le conseguenze.

I tagli continuano a colpire TVA Sports, che sicuramente chiuderà i battenti nel 2026 con la fine del contratto NHL.

Questo è un altro duro colpo per l’industria dei media. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con Kevin Raphaël e Pat Laprade, che stanno attraversando questa dura prova con immenso dolore.

La loro passione e dedizione per il wrestling e questo “sport teatrale” non passano inosservate e meritano tutta la nostra ammirazione e sostegno in questi tempi incerti.

TVA Sports purtroppo non è la sola ad attraversare momenti difficili. Tutto il gruppo TVA sta attraversando un periodo di crisi senza precedenti, segnato dall’annuncio della soppressione di tanti posti di lavoro nell’ultimo anno, che ha causato costernazione nell’industria televisiva del Quebec. Ci stiamo avvicinando pericolosamente a “1.000 posti di lavoro persi” in un solo anno.

“Giornata nera alla TVA”, “La crisi dei media è spietata”, “TVA sul respiratore artificiale”, tutti gli aggettivi e i titoli sono lì giorno dopo giorno.

Ora stiamo parlando di una questione di sopravvivenza. E per sopravvivere in questo momento dobbiamo sacrificare gli spettacoli, lo sport… gli esseri umani…

Kevin Raphaël può consolarsi. È lungi dall’essere l’unico.

Il conduttore di VLOG Dominic Arpin, che lavora per TVA dagli anni ’90, ha espresso la sua tristezza:

“La perdita del lavoro non è solo conoscenza. Sono amici. E c’è anche il fatto di lasciare l’edificio in Boulevard de Maisonneuve]. Può sembrare assurdo, ma ci affezioniamo al nostro posto di lavoro. È un piccolo lutto. Il mio pensiero va ai miei colleghi che stanno perdendo il lavoro. »

Altri esponenti della TVA hanno subito espresso il loro sostegno. Gino Chouinard, conduttore di Salut Bonjour, ha scritto sulla sua pagina Facebook:

“Ai miei amici del mattino, ci aspettano grandi sfide. Coraggio! Sto pensando a noi. Penso a te. »

L’editorialista culturale Annie-Soleil Proteau ha aggiunto:

“Con tutto il cuore ai miei colleghi che hanno saputo oggi che perderanno il lavoro alla TVA. Persone appassionate, valorose, che si confrontano con un nulla preoccupante. Vi tengo stretti, ognuno di voi. Sosteniamo i nostri media del Quebec. »

Anche Jean-Philippe Dion, produttore di diversi spettacoli, ha espresso la sua solidarietà: “Con tutto il cuore con i miei colleghi della TVA. »

Per cercare di adattarsi a questa crisi, TVA Group ha annunciato l’abbandono delle proprie attività di produzione interna di contenuti di intrattenimento.

Spettacoli come “Le Cheur”, “La Poule auxoeufs d’or” e “VLOG” saranno ora prodotti da produttori esterni.

TVA continuerà tuttavia a produrre internamente programmi di servizio come “Salut Bonjour” e “Salut Bonjour Week-end”, nonché alcuni programmi del canale TVA Sports. Ma la lotta è entrata in una spirale.

I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno a tutte le persone colpite da questi eventi, in particolare a Kevin Raphaël e Pat Laprade, che stanno soffrendo le conseguenze di questa crisi con immenso dolore.

-

PREV vini delle star di Hollywood venduti all’asta a Marsiglia
NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione