la forza del pubblico è con lui

la forza del pubblico è con lui
la forza del pubblico è con lui
-

George Lucas, il padre di “Star Wars”, ha tenuto una masterclass questo venerdì al Festival. Come è riuscito a intrufolarsi a Cannes nel 1971? Critici della mancanza di diversità nei suoi film… È anche tornato alla genesi di “Star Wars”. All’età di 80 anni, riceverà la Palma d’Oro onoraria questo sabato.

Nella vita bisogna essere fortunati, anche nel fare film. Questo è ciò che dimostra l’esperienza di George Lucas. Il padre di “Star Wars” ha tenuto una masterclass venerdì al Festival di Cannes, prima di ricevere sabato la Palma d’Oro onoraria all’età di 80 anni, anche se non ha mai vinto un premio per uno dei suoi film.

Ci ha concesso un’intervista. Il regista è felice di ricevere un premio: “Questo premio a Cannes convalida un po’ il mio lavoro. È sempre bello quando le persone pensano che stai facendo un buon lavoro”.




durata del video: 00h00mn28s

George Lucas, regista di “Starwars” spiega i suoi legami con il Festival di Cannes. Non ha mai vinto un premio per uno dei suoi film nonostante il suo successo commerciale, ma ha ricevuto una palma d’onore



©FTV

Nonostante i miliardi di incassi al botteghino incassati dal suo franchise, il Il regista americano non ha mai vinto un Oscar nel suo Paese, fatta eccezione per una statuetta onoraria. “È sempre bello essere riconosciuti.”commenta venerdì davanti al pubblico Cannes. “Ovviamente abbiamo molti fan e cose del genere. Ma in termini di premi, non realizzo il tipo di film che vincono premi!”

Lucas venne per la prima volta a Cannes nel 1971 per il suo film di fantascienza sperimentale “THX 1138”. Fu un fallimento al botteghino e lo studio Warner si rifiutò di pagare il suo viaggio in Francia per il festival. Lucas è riuscito a sbarcare sulla Costa Azzurra “sotto una pioggia pazzesca”. Lui ricorda : “Abbiamo potuto vedere il film. Siamo entrati di nascosto. Non avevamo i biglietti. Non avevamo niente. Siamo semplicemente entrati.” Decenni dopo gli è stato chiesto perché non si fosse presentato Alla conferenza stampa del film, ha risposto: “Non sapevo che ce n’era uno…”

“THX 1138” finì per diventare “cult, perché la gente prendeva l’acido e lo guardava”, ride Lucas. Anche il suo film successivo, “American Graffiti” (1973), fu inizialmente odiato dal suo studio. Ma ha incassato oltre 100 milioni di dollari al botteghino. Un dirigente dello studio Fox gli ha suggerito di farlo “Tutto quello che vuoi… lo hai altri film?” “Ho detto ‘beh, ho questa cosa di fantascienza, film pazzeschi degli anni ’30… cani che volano su astronavi e tutto il resto’. Con sua grande sorpresa, lo studio accettò. Quindi bisogna sempre avere dei progetti nei cassetti, per ogni evenienza…

“Star Wars” uscì nel 1977, e il resto è storia. Il fenomeno “Star Wars” probabilmente non esisterebbe senza la sua colonna sonora epica firmato dal compositore John Williams. E lì, Lucas ringrazia Steven Spielberg. È stato quest’ultimo a consigliarlo “un ragazzo jazz”.

“Quando ho sentito la musica con tutta l’orchestra, mi sono detto ‘oh mio Dio,’ interpreta Lucas.

Il suono è metà del film… è la salsa segreta.

George Lucas, regista di Star Wars

“E la principessa Leila?” Lucas ha respinto le critiche a “Star Wars” a Cannes, accusato di essere uscito da a muffa troppo bianca e troppo maschile. “La maggior parte dei personaggi sono alieni”ribatté. “Anche se sono grandi, pelosi o verdi, l’idea è che tutte le persone siano uguali.” Alle critiche sulla mancanza di donne nei suoi film, Lucas ha risposto: “Chi pensi che siano gli eroi di questi film? E la principessa Leia? Lei è la leader della ribellione.” Un modo per mettere a tacere i critici e riprendersi la spada laser.

George Lucas riceverà la palma d’onore per la sua immensa carriera questo sabato 25 maggio durante la cerimonia di chiusura del 77esimo Festival di Cannes che inizierà alle 18:45. Che porta a tre il numero delle palme d’oro onorarie assegnate quest’anno: all’inizio del festival a Merryll Streep all’inizio del festival e un altro al leggendario studio di animazione Ghibli co-fondato da Miyazaki. La prima volta per uno studio.

-

NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione