Dragon Ball festeggia i suoi 40 anni: nonostante la scomparsa di Akira Toriyama, il 2024 è uno degli anni più importanti per la saga

Dragon Ball festeggia i suoi 40 anni: nonostante la scomparsa di Akira Toriyama, il 2024 è uno degli anni più importanti per la saga
Dragon Ball festeggia i suoi 40 anni: nonostante la scomparsa di Akira Toriyama, il 2024 è uno degli anni più importanti per la saga
-

Mentre Dragon Ball celebra quest’anno il suo quarantesimo anniversario, il 2024 è segnato anche dalla morte di Akira Toriyama. Nonostante la scomparsa del suo creatore, il suo universo continua e dovrebbe vivere uno degli anni più importanti della sua storia in tutti i settori.

Il 2024 avrebbe dovuto essere una festa per i fan di Dragon Ball, ma il destino ha voluto diversamente. L’8 marzo il mondo intero ha appreso della scomparsa di Akira Toriyama, morto una settimana prima. Da allora gli omaggi si sono moltiplicati all’uomo che tanto contribuì alla popolarità dei manga oltre i confini del Giappone. Tuttavia, nonostante questo tragico annuncio che rende inconsolabili i fan, Il 2024 ha tutto per essere uno degli anni più importanti per Dragon Ball da molto tempocome a voler rendere omaggio ad Akira Toriyama e alla sua opera nel modo più bello.

Prendi una carta di abbonamento Crunchyroll su Micromania per guardare Dragon Ball

Dragon Ball Daima, il ritorno di Goku nell’anime!

Annunciato dal 13 ottobre 2023, Dragon Ball Daima è il più grande progetto di Dragon Ball del 2024 per più di un motivo. Innanzitutto segna il ritorno del franchise come serie anime per la prima volta dal 2015 e la fine di Dragon Ball Super che comunque ha dato origine a due film d’animazione successivi (Broly e Super Hero). Ma ciò che rende Daima così emozionante è perchéSi tratta di un recente progetto di Dragon Ball in cui Akira Toriyama è stato particolarmente coinvoltoqualcosa di abbastanza raro da essere evidenziato.

Appena annunciato il progetto, abbiamo scoperto in una lettera che lo stesso maestro si esprimeva il suo personale ed insolito coinvolgimento specificando che ha curato lui la storia, gli ambienti e molti disegni. In passato ricordiamo che Akira Toriyama si allontanò spesso da Dragon Ball dopo la fine del manga nel 1995 e che non era più troppo interessato al suo lavoro. Quindi, nel vederlo ritornare su un progetto del genere con così tanti investimenti, c’è motivo di rimanere piacevolmente sorpresi! E anche per chi non è convinto né della storia di questa serie, né del design dei personaggi.

Vi ricordiamo che, dopo l’arco narrativo di Boo, Goku e i suoi amici tornano bambini in seguito alla maledizione di un misterioso mago e devono intraprendere un’avventura per spezzare questo malvagio incantesimo. Se questo sembra il punto di partenza del non amato Dragon Ball GT, sembra soprattutto un ritorno alle radici di Dragon Ball, quando Goku era piccolo con il suo bastone magico e la sua nuvola. Quindi non è prevista alcuna trasformazione, nessuna corsa al potere, è avventura che sembra essere la parola d’ordine di questa nuova saga. La première di Dragon Ball Daima è prevista per questo autunno su Crunchyroll, ma questa non è l’unica sorpresa che il 2024 ha in serbo per noi.

Dragon Ball scintillante! Zero, una gita per i 40 anni?

I giocatori non ci credevano più, eppure Bandai Namco lo ha fatto. Nel 2023, l’editore giapponese ha ufficializzato il ritorno della serie Budokai Tenkaichi, famosi giochi di combattimento dell’universo Dragon Ball che hanno segnato i grandi giorni della PS2. Intitolato Sparking Zero, questo quarto episodio numerato che non dice il suo nome sembra riprendere tutto ciò che fa il fascino della serie, ovvero scontri dinamici con movimenti liberi in 3D in ambienti vasti, il tutto con trasformazioni e altri attacchi impressionanti.

Per adesso, il titolo non ha ancora una data di uscita, ma Bandai Namco prevede di svelare i trailer nel corso del 2024 per aumentare l’hype. Se non è certo che Dragon Ball Sparking Zero sarà presente per il 40° anniversario di Dragon Ball, guardando al passato, possiamo aspettarci che il titolo non impiegherà troppo tempo per essere rilasciato. Quando guardiamo gli ultimi giochi di Dragon Ball usciti come Kakarot o FighterZ, possiamo notare che il primo è stato lanciato il 17 gennaio 2020 e il secondo il 26 gennaio 2018. Se estendiamo questo ragionamento ad altri anime, osserviamo che One Piece Odyssey è stato rilasciato il 13 gennaio 2023.

Beh, capisci dove vogliamo andare, ma Bandai Namco sembra favorire l’uscita di questi giochi anime all’inizio dell’anno, tra gennaio e marzo, quindi perché non Sparking Zero? Questo avverrà solo un mese dopo il 40° anniversario di Dragon Ball, che avrà luogo il 4 dicembre, quindi possiamo dire con certezza che funzionerà come parte di un anniversario prolungato. E in ogni caso, a far attendere i fan, c’è Dragon Ball Super che dovrebbe fare un notevole ritorno.

Finalmente qualcosa di nuovo per Dragon Ball Super!

Recentemente, il manga Dragon Ball Super ha fatto molto notizia per il suo ultimo capitolo per diversi motivi. Prima di tutto, questo è il capitolo finale dell’arco narrativo dei Supereroi che adatta gli eventi del film omonimo, andando oltre. Abbiamo così assistito ad un epilogo che mostrava lo scontro tra Goku e Gohan per testare il nuovo potere ottenuto da suo figlio grazie alla sua trasformazione in Bestia. Ma al di là della conclusione di questo arco narrativo, è soprattutto la fine di questo capitolo 103 a commuovere moltissimi fan.

Dopo la morte di Akira Toriyama, abbiamo appreso che questo è l’ultimo capitolo supervisionato dall’autore e ha apportato anche una correzione che assume un significato completamente nuovo dopo la sua scomparsa. Nell’ultima pagina, il mangaka fa voltare Piccolo per salutare l’amante di Pan, e quindi affrontare il lettore, prima di volare via con la nipote, suo padre e suo nonno. Per molti fan, questo addio assume un aspetto simbolico, come se l’autore ci salutasse attraverso questa scatola e soprattutto attraverso Piccolo che è il suo personaggio preferito.

Dopo l’annuncio della scomparsa di Akira Toriyama, ma anche perché la storia volgeva al termine, è stato ufficializzato che Dragon Ball Super sarebbe stato in pausa, ma che il prossimo capitolo inizierà un nuovo arco narrativo. E considerando come è finito l’arco precedente, quello di Granola, non ci sono dubbi su chi sarà al centro della prossima trama. Senza molta sorpresa, dovrebbe riguardare Freezer che è tornato più potente che mai con la sua nuova forma Black Frieza. Possiamo quindi immaginare Goku, Vegeta, perfino Gohan con il suo nuovo potere, ma anche Broly padrone di se stesso affrontando il tiranno galattico, magari anche con alleati mai visti prima. In ogni caso una cosa è certa:dovremmo avere una nuova storia in Dragon Ball Superqualcosa che non avevamo da un anno.

Entra in Dragon Ball Daima, Dragon Ball Sparking! Zero e Dragon Ball Super, il 2024 ha tutto per essere un grande anno per i fan di Dragon Ball. Ulteriore prova che, nonostante la scomparsa di Akira Toriyama, la sua opera sarà sempre eternacon o senza nuovi progetti.

Questa pagina contiene link di affiliazione ad alcuni prodotti che JV ha selezionato per te. Ogni acquisto che farai cliccando su uno di questi link non ti costerà di più, ma l’e-merchant ci pagherà una commissione. I prezzi indicati nell’articolo sono quelli offerti dai siti commerciali al momento della pubblicazione dell’articolo e tali prezzi potrebbero variare a sola discrezione del sito commerciale senza che JV ne venga informata.
Saperne di più.

-

PREV Emmanuel Adebayor ospite a sorpresa nell’album di questo cantante: verso un’inaspettata riconversione dell’ex Épervier?
NEXT Festa dei fiori a Riscle: “Sono tutti molto belli”… Migliaia di persone conquistate dalla sfilata dei carri allegorici