Poche settimane dopo essersi trasferite nella casa perfetta, questa famiglia ha fatto una scoperta che ha rimesso tutto in discussione: “Abbiamo pianto molto”

-

Cosa fare se scopri difetti nascosti nella casa che hai acquistato?

Questo è lo scenario disastroso: sei il nuovo proprietario di una casa ma scopri dei difetti nascosti. Si può agire contro il venditore? Quale risorsa è a tua disposizione? Risposte con il notaio Dorothée Truye.

freepik




Di Charlotte Vanbever

Direttore della rivista
Pubblicato il 30/04/2024 alle 10:00

Quando si acquista un immobile, se il nuovo proprietario appena traslocato scopre difetti nascosti, ha qualche possibilità di ricorso?

Un bene ottenuto illecitamente rimane un bene acquisito. Come potenziale acquirente, devi quindi informarti bene. Se non poni le domande giuste prima di fare un’offerta, si riterrà che tu abbia accettato l’immobile nelle condizioni in cui l’hai visionato. Successivamente sarà molto difficile rivolgersi contro il venditore anche in caso di difetti nascosti (ad es. marciume secco, danni causati dalle termiti, fondazioni difettose, ecc.). La maggior parte dei compromessi prevede che l’acquirente non possa rivalersi contro il venditore, né per i difetti apparenti né per quelli non apparenti (= difetti nascosti), a meno che non dimostri che il venditore era a conoscenza del difetto non apparente-apparente e lo sapeva non dichiararlo. Tuttavia, se il venditore è una società (persona fisica o giuridica) e l’acquirente è un consumatore, il venditore deve garantire tutti i difetti non apparenti (conosciuti o sconosciuti). In ogni caso, qualora l’acquirente riscontri difetti che possono essere garantiti, dovrà darne tempestiva comunicazione al venditore a mezzo raccomandata A.R., affinché il venditore possa risolverli. Se il venditore e l’acquirente non raggiungono un accordo, l’acquirente dovrà tempestivamente attivarsi per garantire nei confronti del venditore i vizi non apparenti.

Oggi è più sensato costruire o effettuare importanti ristrutturazioni su un vecchio immobile?

Ciò dipende da diversi criteri:

• Il budget dell’acquirente: generalmente è più economico ristrutturare che costruire. Le regioni concedono diversi bonus per i lavori di ristrutturazione al fine di migliorare le prestazioni energetiche, che potrebbero mettere a dura prova gli spinaci. È però necessario qualificarsi: la ristrutturazione permette di investire in una casa ricca di fascino, ma può comportare spese impreviste. Acquistare una nuova casa del tipo “chiavi in ​​mano” permette di controllare meglio il proprio budget, a patto di non discostarsi troppo dalle specifiche iniziali. Notiamo tuttavia che l’aumento del costo dei materiali a seguito della crisi energetica ha rallentato l’acquisto di nuove case. Tuttavia, stiamo assistendo a una tendenza stabilizzante e al ribasso, ma è difficile sapere se continuerà.

• Il profilo degli acquirenti: piuttosto “tuttofare” e “creativo”, non ha paura di usare il martello o al contrario preferisce trascorrere i fine settimana e i giorni liberi il più lontano possibile da barattoli di vernice e attrezzi.

• Tempistiche: per costruire una nuova casa, una volta trovato il terreno dei propri sogni, ci vuole mediamente un buon anno. Per quanto riguarda una ristrutturazione, dipende ovviamente dal tipo di lavori previsti, ma in generale spesso richiedono più tempo del previsto.

“La casa dei miei sogni” Ogni domenica su RTL TVI alle 18:20.

-

PREV Da Tomaso Pantera, l’americano-argentino-italiano (le auto più veloci del mondo)
NEXT Eurovision 2024: la Svizzera qualificata, Slimane impressiona… Cosa ricordare della seconda semifinale