Pierre Lapointe | La morte è sempre chic al colombario

-

Il 4 maggio 2004 Pierre Lapointe pubblica il suo primo disco. Il colombario, In piedi sulla mia testa, Come un uomo, quest’uomo di talento ha colpito il mondo della musica con argomenti seri. Vent’anni dopo questo lancio in orbita, accetta di tornare indietro nel tempo con il nostro editorialista e di parlare con una franchezza disarmante.


Inserito alle 1:02

Aggiornato alle 7:15

Mario Girard: Prima di parlare della creazione di questo disco, ti riporto al 18 ottobre 2000, quando hai vinto il concorso Tout nouveau, tout show, a Outaouais. Il giorno dopo ti ho ricevuto nel mio programma e sul giornale La destra aveva intitolato “Un cantante scalzo premiato”.

Pierre Lapointe: Poco prima, ho fatto il locale Cégeps en spectacle sul palco. Studiavo teatro al Cégep de Saint-Hyacinthe e i miei insegnanti mi cacciarono dicendomi di non perdere tempo e di andare a cantare. Così tornai dai miei genitori a Gatineau per frequentare un DEC in arti visive. È lì che ho fatto questa competizione.

M. G.: Ricordo di aver ascoltato il modello che avevi presentato per la registrazione. Avevi 19 anni e io ero in ginocchio a una tale maturità. Chi è il Pierre Lapointe di questo periodo?

PL: Avevo preso lezioni di piano e mi trovavo malissimo. Sono dislessico e non so leggere la musica. A 13 anni, il mio insegnante mi ha fatto lavorare su a Gimnopedia di Satie. L’ho fatto all’esame e ho ottenuto il 98%. Ha spiegato agli altri insegnanti che imparavo un pezzo all’anno e che era perfetto.

M.G.: Eri bravo a scuola?

P.L.: No! Ma poiché mi sono espresso bene, sono riuscito ad andare avanti. Quando arriva Everything New, Every Show, prendo la decisione di usare le mie debolezze per farne qualcosa.

M. G.: Ed è proprio questo concorso che ti porta al Granby International Song Festival.

PL: Assolutamente. E poi esplode. Sono andato in tournée con gli altri vincitori e Luc De Larochellière. Ho potuto vedere che i giornalisti dedicavano metà del loro articolo a quello che stavo facendo. Nonostante ciò, ero titubante nel perseguire una carriera nella musica. Il regista di Granby voleva picchiarmi quando lo ha sentito.

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO JOSIE DESMARAIS, LA STAMPA

Pierre Lapointe

M. G.: I tuoi ammiratori lo sanno: prima di lanciare il tuo primo disco, c’era un primo disco omonimo che probabilmente hanno in casa.

PL: Ho inserito nove canzoni in questa registrazione che descrivo come modello. Poi è arrivato l’Audiogramma. Il direttore artistico Denis Wolff aveva lavorato con artisti che mi piacevano, incluso Bran Van 3000. Mi ha chiesto di smettere di vendere questo modello. Fui abbinato a Jean Massicotte, che aveva lavorato con Yves Desrosiers sui dischi di Lhasa de Sela.

M.G.: A parte Il colombario, Puntando a nord E In piedi sulla mia testatutte le canzoni sono nuove, giusto?

PL: Effettivamente ne sono nati diversi durante il tour Piccole canzoni brutte. Quando arriva questo primo disco, ho già tre anni di tour e cinque anni di scrittura nel mio corpo. Ero già abbastanza forte per un ragazzo di 23 anni.

M. G.: Quando pubblichi questo disco ti distingui. Ti distingui per la tua dizione impeccabile e la tua scrittura attenta. Il mio collega Alexandre Vigneault, pur apprezzando molto il disco, ha scritto che sembrava “vecchia Francia”.

PL: Ero felice di leggere questo genere di cose, perché pensavo che non sarei passato di moda.






M. G.: A quel tempo, quando i giornalisti ti paragonavano ad altri, si riferivano ad artisti francesi, Vincent Delerm o Thomas Fersen.

PL: Venendo dal teatro, cantare con l’accento del Quebec non mi interessava. Guardando indietro, penso che fosse una specie di manifesto. Mi è stato detto così tanto che non appartenevo che sono andato davvero altrove.

M. G.: Il personaggio altezzoso e arrogante che hai creato in questo periodo deriva da questo?

PL: Sì, e mi ha salvato. I social network non esistevano. Da bravo pubblicitario e regista che avrei voluto essere, mi sono detto che dovevo avere un’immagine forte. Anche se non ricordassero il mio nome, potrebbero descrivermi in poche parole: il finto francese scalzo!

M. G.: In questo disco c’è una canzone isolata intitolata Mamma e che avviene una ventina di minuti dopo gli altri 12. È l’unica canzone che esegui con un accento del Quebec.

PL: Dédé Fortin era appena morto e la sua partenza mi ha sbloccato questo. Non volevo metterlo sul disco. Il direttore artistico ha davvero insistito perché lo mettessimo su disco. Abbiamo negoziato e l’ho nascosto.

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO BERNARD BRAULT, ARCHIVIO LA PRESSE

Pierre Lapointe nel 2006

M. G.: Dopo il lancio gli spettacoli si sono moltiplicati. Ti ritrovi in ​​un vortice. Lo stai vivendo bene?

PL: Ero ben circondato dai miei due manager, Michel Séguin e Jocelyne Richer. Ma per il palco era qualcos’altro. Prima di fare gli spettacoli, ero malato come un cane. Sono diventato magro come un pidocchio. Mi sono divertito nello spogliatoio, ma una volta sul palco ero paralizzato. Sono riuscito a fare un cambio. La frenetica personalità francese svanì e cominciai a sentirmi bene.

M. G.: Mi affascina il dolore che certi artisti si infliggono quando salgono sul palco.

PL: Ho sempre pensato che la voglia di salire sul palco non fosse una questione di talento, ma di infortuni. Per voler metterti in questa situazione davvero umiliante, devi avere qualcosa dentro di te che ti costringe a farlo. Ne sono un buon esempio.

M. G.: Nel settembre del 2005, il record è arrivato con 13 selezioni al gala ADISQ. Un record per un primo record. Come lo ricevi?

PL: Dopo il gala ho sentito il contraccolpo degli ultimi quattro anni in cui avevo lavorato molto. Mi sono trovato in burnout. Nessuno se n’è accorto perché l’ho tenuto segreto e ho continuato a fare i miei spettacoli. Mi addormentavo ovunque, piangevo… ero in totale depressione. Non ero più il figlio o il fratello di qualcuno, ero diventato Pierre Lapointe che veniva arrestato mentre andava a comprare un cornetto. A ciò si aggiungono commenti spiacevoli o omofobi. Era allo stesso tempo molto potente e molto violento.

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO FRANÇOIS ROY, ARCHIVIO LA PRESSE

Pierre Lapointe ha vinto il Félix come Album popolare dell’anno e Rivelazione dell’anno al gala ADISQ 2005.

M.G.: Sei andata in terapia?

PL: Certamente! Vado dagli psicologi da quando avevo 14 anni. Detto questo, durante questo periodo, ho vissuto grandi cose e bellissime storie d’amore.

M. G.: Trovo che sia un disco che resiste alla prova del tempo.

PL: Sono abbastanza d’accordo con te, tranne che per due o tre canzoni che, a livello di scrittura, sono invecchiate male. Non voglio dire quali, perché se sono importanti per le persone, non vorranno più ascoltarli.

M. G.: Quali riproponi?






PL: Come un uomo mi segue ancora. Il colombario ritorna di tanto in tanto.

M. G.: È questo il disco che ha avuto il maggiore impatto sul tuo pubblico?

PL: Quello e La foresta dei non amati. Tutti mi dicevano che non mi sarebbe piaciuto il mio primo disco. Adoro questo disco. Rappresenta tutto ciò che ero in quel momento. Avevo tutto ciò che sognavo di doverlo fare. Ne sono fiero.

-

PREV La Guida Michelin assegna una stella a un ristorante il cui menù costa solo 4€
NEXT Un’introduzione alla risografia sabato 25 maggio, a Le Mans