“Il silenzio di Sibel” uscirà nelle sale il 1 maggio

“Il silenzio di Sibel” uscirà nelle sale il 1 maggio
“Il silenzio di Sibel” uscirà nelle sale il 1 maggio
-

Il nuovo film del regista Aly Yeganeh racconta la storia di un bambino curdo rapito e violentato dai terroristi Daesh. Cerca di ricostruirsi in Francia, in un mondo protettivo, ma è davvero possibile un nuovo inizio?

Sibel’s Silence è l’ultimo film di Aly Yeganeh, girato tra la Tunisia e la città di Uzerche, nella Corrèze. Racconta la storia vera dei bambini di Sinjar, nel nord-ovest dell’Iraq, capitale degli Yazidi.

Nel 2014 Daesh ha attaccato questa comunità le cui convinzioni sono considerate diaboliche dai terroristi. Migliaia di ragazze vengono rapite, costrette alla schiavitù sessuale e talvolta alla fine vendute. È il caso di Sibel che viene accolta in un villaggio francese.
Alla vigilia dell’uscita nelle sale del film, Aly Yeganeh ha risposto alle nostre domande.

“Cercavamo una cittadina tranquilla e carina nel centro della Francia, dove la popolazione non ha nulla a che fare con il mondo esterno. Avevo bisogno di una casa di una certa dimensione che doveva essere situata di fronte a un fiume. Simboleggia le cose che continuano, come la guerra che non si ferma. Abbiamo cercato per diversi mesi una casa e l’abbiamo trovata a Uzerche. Ringrazio tutta la popolazione. La città è stata al ritmo del film per un mese.

“Portiamo a Uzerche una giovane ragazza traumatizzata che ha attraversato l’inferno. Si ritrova in una città tranquilla, in una casa borghese, di proprietà di qualcuno che ha soldi. La domanda essenziale del film è: può una persona che ha vissuto un’esperienza simile hanno una vita normale? Stiamo parlando di una bambina di dieci anni… Sibel è stata acquistata da una donna curda e francese che aveva i mezzi per dare una speranza a questa bambina? questi?”

Una persona che ha subito tale violenza può avere una vita normale?

Aly Yeganeh, regista

“Questo massacro è stato riconosciuto dalle Nazioni Unite come un genocidio. È l’ultimo genocidio del secolo? Lo spero. Non considereremo più lo stupro come uno strumento di guerra? Lo spero. Ma visto quello che sta succedendo oggi nel mondo , non credo che saranno gli ultimi.”

-

PREV Due famosi dipinti misteriosamente scomparsi sono riapparsi in Svizzera
NEXT Partito con un punteggio pari solo all’11%, questo film di fantascienza arriva al numero 1 in sole 24 ore