Sabadell Bank respinge ancora una volta l’offerta di fusione di BBVA

Sabadell Bank respinge ancora una volta l’offerta di fusione di BBVA
Sabadell Bank respinge ancora una volta l’offerta di fusione di BBVA
-

BBVA ha tentato per la prima volta di assorbire Sabadell nel novembre 2020, in piena pandemia di Covid-19, ma questo progetto è stato abbandonato dieci giorni dopo poiché la banca spagnola ha ritenuto l’offerta insufficiente.

Quasi quattro anni dopo un primo tentativo fallito di fusione, la banca spagnola Sabadell ha annunciato lunedì 6 maggio, al termine di una riunione del suo consiglio di amministrazione, di respingere l’offerta di fusione presentata dalla sua connazionale BBVA, destinata a dare vita ad un sistema bancario europeo gigante. “Dopo un’analisi dettagliata della proposta, il consiglio di amministrazione ha concluso che la proposta non soddisfaceva gli interessi del Banco Sabadell e dei suoi azionisti” e quindi “respinto la proposta del BBVA”indica la banca in un comunicato stampa.

Ci pensa infatti l’organo di gestione del gruppo spagnolo “che la proposta sottovaluta notevolmente” la natura di “Il progetto Banco Sabadell e le sue prospettive di crescita come entità indipendente”, sottolinea il gruppo bancario. Anche lui lo ha fatto “piena fiducia nella strategia di crescita e negli obiettivi finanziari” della società e ritiene che la strategia di Sabadell come banca indipendente “genererà più valore per i suoi azionisti”, Aggiunge. Sabadell ritiene inoltre che la sua decisione lo sia “coerente con gli interessi” del proprio “clienti” e di “i suoi dipendenti”.

Un primo tentativo nel 2020

Il gruppo BBVA ha annunciato martedì scorso di aver contattato Sabadell per discutere un “possibile fusione”, tre anni e mezzo dopo il fallimento del primo tentativo di riavvicinamento. L’offerta di BBVA prevedeva di realizzare questa operazione tramite un aumento di capitale, con lo scambio di una nuova azione BBVA contro 4,83 azioni Sabadell, ovvero un premio del 30% rispetto alla chiusura del titolo Sabadell il 29 aprile. Gli azionisti di Sabadell, valutata 11,5 miliardi di euro, avrebbero detenuto il 16% del futuro colosso bancario, secondo BBVA, che aveva assicurato di voler “preservare la cultura delle due entità”.

BBVA è la seconda banca spagnola per capitalizzazione (60 miliardi di euro) e clientela (74,1 milioni). Sabadell è la quarta, con 20 milioni di clienti e 9,8 miliardi di capitalizzazione. La loro fusione avrebbe dato vita a un gruppo in grado di competere con Santander, la prima banca spagnola con 72 miliardi di euro di capitalizzazione e 166 milioni di clienti, ma anche con altri colossi europei, come HSBC o BNP Paribas. BBVA ha tentato per la prima volta di assorbire Sabadell nel novembre 2020, nel bel mezzo della pandemia di Covid-19. Ma questo progetto fu abbandonato dieci giorni dopo, poiché Sabadell ritenne l’offerta insufficiente.

La nuova proposta di BBVA prevedeva, questa volta, di realizzare una fusione tramite un aumento di capitale, con lo scambio di una nuova azione BBVA contro 4,83 azioni Sabadell, ovvero un premio del 30% rispetto alla chiusura delle azioni di Sabadell il 29 aprile. Gli azionisti del gruppo fondato nei sobborghi di Barcellona, ​​valutato quasi 11,5 miliardi di euro, avrebbero detenuto il 16% del futuro colosso bancario, secondo BBVA, che aveva assicurato di volere “preservare la cultura delle due entità”.

BBVA ha 74,1 milioni di clienti

Ansioso di convincere il suo concorrente, il gruppo basco aveva previsto una doppia sede per la futura entità: una a Madrid e l’altra a Barcellona. Un dirigente della BBVA avrebbe ricoperto la presidenza e un funzionario di Sabadell il vicepresidente. BBVA è la seconda banca spagnola per capitalizzazione (60 miliardi di euro) ma anche per clientela (74,1 milioni). Sabadell è quarta, con 20 milioni di clienti e 9,8 miliardi di capitalizzazione.

La loro fusione avrebbe dato vita a un gruppo in grado di competere con Santander, la prima banca spagnola con 72 miliardi di euro di capitalizzazione e 166 milioni di clienti, ma anche con altri colossi europei, come HSBC o BNP Paribas. L’annuncio del BBVA nei giorni scorsi aveva però suscitato timori, soprattutto tra i sindacati e all’interno del governo spagnolo, che aveva espresso preoccupazione per un’eccessiva concentrazione nel settore bancario e possibili tagli di posti di lavoro.

“Normalmente queste fusioni servono a chiudere agenzie, fare grandi licenziamenti (…) So benissimo come funziona”, aveva così assicurato il ministro del Lavoro Yolanda Diaz, numero tre del governo di Pedro Sánchez. Il settore bancario spagnolo ha vissuto un significativo consolidamento a partire dalla crisi finanziaria del 2008, segnata dalla virtuale scomparsa delle casse di risparmio provinciali, assorbite dai concorrenti. Questo fenomeno ha provocato la perdita di decine di migliaia di posti di lavoro.

-

PREV Presso l’Università di Laval verrà creato un centro nazionale per la preparazione alle pandemie
NEXT Catherine Landry si dimette dalla carica di vicepresidente della comunità dei comuni