Restando tra me e te | Da quando Lise Dion è quasi morta, la sua vita ha un sapore migliore

-

Nella serie di podcast Solo tra me e tegli artisti aprono le porte ai loro ricordi, alle loro riflessioni e ai loro sogni, per un’intervista senza stampa.


Inserito alle 1:52

Aggiornato alle 6:00



Nelle settimane precedenti quella che rimarrà la sua ultima apparizione sul palco da solista, il 3 novembre 2023 a Saint-Eustache, Lise Dion sentì che il suo corpo le diceva di rallentare. Fino alle ore prima che si alzasse il sipario, la comica vomitò, vomitò e vomitò ancora, l’inizio dell’infarto che l’avrebbe costretta a interrompere uno spettacolo appena iniziato.

Perché non ha annullato lo spettacolo prima dell’inizio della serata? “Non cancelliamo mai uno spettacolo”, decide con la stessa fermezza come se rifiutasse l’idea di assassinare qualcuno. Ah bene ? “Perché ci sono persone che hanno i biglietti e tu dovresti essere in buona forma. Dovresti comportarti come se fosse la prima volta che fai lo spettacolo. Non puoi dire al mondo che non provi. »

FOTO HUGO-SÉBASTIEN AUBERT, LA STAMPA

Lise Dion in un’intervista

Gran parte di ciò che Lise Dion era come artista è contenuto in queste poche frasi. Gran parte della sua lealtà va ai suoi numerosi seguaci. Molte delle sue preoccupazioni riguardano la sostenibilità della sua carriera. Beaucoup de sa capacité presque dangereuse à s’oublier elle-même, sans laquelle elle ne serait jamais arrivée à offrir jusqu’à 514 représentations de son deuxième spectacle, un marathon à cause duquel elle a été visitée par des idées noires, confie-t -Lei. Il suo tour d’addio più modesto si è concluso con la performance 337.

In 35 anni di battute, Lise Dion è salita sul palco di ogni stato immaginabile. Presentare uno spettacolo soffrendo di bronchite? “E ti sto parlando di una bronchite grave che ti fa fare pipì quando tossisci!” » Fare uno spettacolo seduti? “Sì, ma è stata colpa mia. Mi ero raschiato i piedi con una lama e la lama mi era rimasta conficcata nel piede. »

“La cosa peggiore è cancellare uno spettacolo”, insiste. Quando devi restare a casa, è un incubo. Non ti diverti la sera in cui non puoi esibirti. Sei a casa e pensi alle persone deluse. »

Vita di campagna

Le umili origini di Lise Dion sono leggenda, in gran parte grazie al suo spettacolo rivoluzionario al festival Just for Laughs nel 1991, in cui indossava la sua uniforme da cameriera Dunkin’ Donuts.

Ma di lavori massacranti, Lise Dion ne ha svolto più di uno prima delle ciambelle, nelle fabbriche di neon, copriletti e tendaggi. La vita quotidiana di una fabbrica è l’inizio della sua vita adulta. “Tranne che il venerdì prima di finire facevo sempre discorsi divertenti sulla scala a pioli”, ricorda. I lavori nel settore manifatturiero erano davvero duri, perché non c’è umanità, devi produrre. »

Cena seduti su un nastro trasportatore, con i topi come compagni? Anche Liza lo ricorda, perché nonostante i suoi 1,2 milioni di biglietti venduti e un conto in banca che le auguriamo grande, semplicemente non può essere dimenticato.

Quando passo davanti alla Métropolitain, davanti alle fabbriche, ho il cuore ancora pesante.

Liza Dion

Il suo rispetto per il suo pubblico ovviamente non è estraneo alla vita di questa ex fazione, Lise Dion sa fin troppo bene che pagare un biglietto rappresenta per molti il ​​frutto di alcune sessioni di tensione.

“Quando ho iniziato a guadagnare soldi”, dice, “mi sono detta: “Non farò sudare il mio pubblico con i soldi, mai, mai, mai”. Un giorno ho comprato una piccola decappottabile e mi ci sono voluti due anni per abituarmi. Era in garage, ero orgoglioso di averlo, ma non osavo portarlo in giro perché non volevo ferire le persone che non hanno soldi. »

Abbellisci la storia

Dando uno sguardo allo specchietto retrovisore della carriera di Lise Dion, si sarebbe tentati di concludere che basta credere nei propri sogni affinché si materializzino, la morale su cui generalmente conducono le storie di Cenerentola come la sua.

“Ma non ci avevo mai creduto, forse è proprio questa la ricetta”, dice scoppiando a ridere e ripensando all’incontro con il comico Yves Rousseau.

Una sera, mentre si fermava a prendere un caffè da Dunkin’, l’uomo che allora condusse Just for Laughs Mondays suggerì a Lise di tentare la fortuna come in piediqualcosa a cui non aveva mai pensato, nonostante alcune esperienze teatrali amatoriali e un periodo al Conservatorio LaSalle dove le sue incarnazioni diAntigone erano costantemente confrontati con l’ilarità che provocava.

Fino ad allora, aveva usato il suo potere comico “solo per semplificarsi la vita”, spiega.

FOTO HUGO-SÉBASTIEN AUBERT, LA STAMPA

Lise Dion in un’intervista

È triste, un negozio. Quanto a me, ho fatto ridere le ragazze per abbellire la nostra storia. Ho sempre voluto abbellire la storia.

Liza Dion

La sua vita sarà notevolmente impreziosita dal successo del suo indimenticabile numero del punto G, nel 1995, trionfo dal quale si permetterà di non dare più un’occhiata alla sezione delle offerte di lavoro di La stampa.

Quindi il tour è finito, ma in un certo senso, a 68 anni, la vita di Lise Dion è solo appena iniziata. Sogna la tv, il cinema, la scrittura.

“Per me, non c’è mai stato niente di veramente serio, a parte la malattia o la morte”, dice, lanciandosi in un’invettiva degna di un motivatore o di un cantante gospel. “La vita alla fine è divertente. Prenditi il ​​tempo per guardarlo, prenditi il ​​tempo per assaggiarlo, vai a prenderti un cono, fai qualcosa. Ero così prima e da quando sono quasi morto la vita è migliorata ancora. »

Tre citazioni dalla nostra intervista

Del suo rispetto per il pubblico

“Qualcuno che ha il diritto di avere un attacco stellare è qualcuno che ti ha appena operato il cervello, o che ha appena operato tuo figlio, o che ha appena operato il mio cuore. Queste, per me, sono persone che potrebbero avere dei capricci. Ma per gli artisti che sono sotto i riflettori, che fanno sudare chi li circonda, ho difficoltà a gestirli. È una mancanza di rispetto per la tua squadra, una mancanza di rispetto per il pubblico. Se interpreti qualcun altro mentre sei sul palco, è possibile che in un’intervista, ad un certo punto, il pubblico noterà che non sei così acuto come sembri. »

A proposito dei social media

“Ho già detto agli artisti: ‘Non ci interessano i vostri viaggi.’ Le mie foto di viaggio, non farò sudare tutti con quelle. Perché ci sono persone che sognano di andare da qualche parte e che non hanno i soldi per farlo. Puoi passare la vita a sognare e non avere i soldi dei tuoi sogni. Quindi, in più, solo per aggiungere, ti mostrerò che sono andato lì ed è stato divertente? »

Dei suoi lunghissimi tour

“Penso che avrei potuto farlo con meno spettacoli, ma allo stesso tempo, quando c’è richiesta, non puoi dire di no. Quando volevo prendermi una pausa, nonostante avessi dato cinque mesi di preavviso per darmi un mese di recupero, il mio ex agente mi ha detto: “Sì, ma i biglietti sono già venduti”. A volte forse non era vero. Ma non voleva che mi fermassi. Quindi non mi sono fermato. E io, se mi dici: “tale data, ci sono 20 biglietti venduti”, ci sarò. »

Ascolta l’episodio completo sul nostro sito

-

PREV Accuse di violenza sessuale: Benoît Jacquot e Jacques Doillon messi in custodia di polizia
NEXT “Ho solo il loro nome”: questi francesi che cenano o viaggiano con… perfetti sconosciuti